Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

GIUSTIZIA. FORSE

Oggi avrebbero venticinque anni. Invece quando ne avevano undici un’auto ha centrato in pieno le loro biciclette e ci sono rimaste secche tutte e due. Al loro assassino sono state riconosciute un miliardo di attenuanti perché, poverino, era drogato, e quindi non era colpa sua. Ieri era in macchina con una ragazzina di diciotto anni, neopatentata. Correndo a velocità folle, ad un tratto ha sbandato, e si è andata a schiantare contro un’auto che veniva in senso opposto. Degli occupanti dell’auto investita, uno è rimasto incolume, l’altra ha riportato ferite di media entità. L’assassino attenuato e la ragazza sono morti sul colpo. Naturalmente non posso dire di essere contenta della sua morte, questo no. Ne ho, tuttavia, riportato una sensazione di autentica, profonda giustizia (Tommaso, invece, non sappiamo se sia ancora vivo, anche se naturalmente speriamo di sì).

barbara

Pubblicato il 9/3/2006 alle 21.8 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web