Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

BIONDO ERA E BELLO E DI GENTILE ASPETTO

E aveva quel ciuffo malandrino che fa tanta simpatia. Forse è per questo che gli è sempre stato perdonato tutto: gli è stato perdonato di essere stato eletto coi voti della mafia; gli è stato perdonato di avere portato alla Casa Bianca una corruzione tale che nessuno è mai più riuscito a sradicarla (e forse, chissà, senza le sue orge con ragazzine minorenni, magari non ci sarebbero stati neppure gli abboccamenti, come li chiama Enzo Biagi, del signor Clinton con la signorina Lewinsky); gli è stato perdonato di averci portati, con la crisi di Cuba e con l’aiuto di quell’altra buona lana di Krusciov - altro beniamino, chissà perché, di mezzo mondo – più vicini alla terza guerra mondiale di quanto mai siamo stati in questi sessant’anni; gli è stato perdonato di avere iniziato l’escalation in quella che, chissà come mai, solo dopo, con “Nixon boia”, è diventata la sporca guerra del Vietnam.
Me la ricordo bene quella sera di 42 anni fa, quando abbiamo sentito la notizia al telegiornale: sgomenti, eravamo, pallidi in faccia per la cosa inaudita, terrorizzati per ciò che ne sarebbe potuto seguire. Abbiamo detto: «Speriamo solo che non siano stati i russi: se sono stati loro è la guerra». Poi abbiamo spento la televisione e siamo andati a letto, a quell’ora del tutto insolita, a rimuginare i nostri pensieri sconvolti.

barbara

Pubblicato il 22/11/2005 alle 0.10 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web