Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

I TRE UCCELLINI

C’erano una volta tre uccellini, che dovevano attraversare un lago in tempesta. Troppo piccoli erano gli uccellini, e troppo deboli le loro ali, e troppo grande il lago da attraversare. Prese dunque il padre il primo uccellino nel suo becco, e cominciò a volare verso l’altra sponda. Giunto al centro del lago disse: “Lo vedi, figlio mio, che cosa sto facendo per te! Farai tu un giorno per me quello che io oggi sto facendo per te?” “Certo padre mio”, rispose l’uccellino, “tutto quello che tu oggi stai facendo per me io un giorno lo farò per te”. Il padre aprì il becco e lasciò andare l’uccellino, che precipitò nel lago in tempesta e annegò.
Il padre tornò indietro, prese il secondo uccellino nel suo becco, e cominciò a volare verso l’altra sponda. Giunto al centro del lago disse: “Lo vedi, figlio mio, che cosa sto facendo per te! Farai tu un giorno per me quello che io oggi sto facendo per te?” “Certo padre mio”, rispose l’uccellino, “tutto quello che tu oggi stai facendo per me io un giorno lo farò per te”. Il padre aprì il becco e lasciò andare l’uccellino, che precipitò nel lago in tempesta e annegò.
Il padre tornò indietro, prese il terzo uccellino nel suo becco, e cominciò a volare verso l’altra sponda. Giunto al centro del lago disse: “Lo vedi, figlio mio, che cosa sto facendo per te! Farai tu un giorno per me quello che io oggi sto facendo per te?” “No padre mio”, rispose l’uccellino, “quello che tu oggi stai facendo per me, io lo farò un giorno per i miei figli”. E il padre portò l’uccellino sano e salvo sull’altra sponda.

barbara

Pubblicato il 24/12/2011 alle 23.40 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web