Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

IL BELLO DELL’ESSERE VECCHI

Per un pelo. Giusto per un pelo. Quelli nati appena un anno dopo di me, grazie a quest’ultima manovra, andranno in pensione fra secoli; io, giusto per un pelo, ne resto indenne: ancora 23 settimane di lezione, poi gli esami, e poi sarò interamente padrona del mio tempo (senza soldi, ok, perché col costo della vita di qui la pensione di quarant’anni di servizio non mi basta neppure per sopravvivere a pane e acqua. Quindi me ne dovrò andare da qui – senza rimpianti, questo è poco ma sicuro. Solo che per traslocare mi servono i soldi della liquidazione, che per adesso non arriveranno e nel frattempo devo restare qui e vivere con una pensione che non mi consente di sopravvivere. Vabbè, inutile rompermici la testa). A me, a dire la verità non sarebbe dispiaciuto fermarmi ancora un anno, solo che con questo vizio che ha questa gente di fare leggi con valore retroattivo, c’è il rischio che mentre adesso posso andare in pensione con sessantuno anni di età e quaranta e mezzo di anzianità, magari l’anno prossimo con sessantadue di età e quarantuno e mezzo di anzianità non ci posso più andare, e quindi via, grazie a quell’anno di età in più, che mi permette di apprezzare immensamente il vantaggio di essere vecchia. Che poi, volendo, anche a settantacinque anni...

 

barbara

Pubblicato il 12/12/2011 alle 22.41 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web