Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

DEFORMAZIONE E DINTORNI

Vedere scritto “benzoin” e leggere “benzion”... (sì, sono un po’ legastenica e mi capita spesso di leggere , a prima vista, cose lontanissime da quelle scritte, come quando l’amica Astrid ha titolato “Somatizzare la domenica sera” e io ho letto “Sodomizzare la domenica sera”, ma chissà se il contrario sarebbe potuto succedere... E dunque sì, mi sa che è proprio deformazione).

E poi un banco, grande, con frutta secca di ogni sorta presentata in tutti i modi: noci nocciole mandorle, col guscio, sgusciate, tostate, ricoperte, sfuse, confezionate, singole, miste... E una cassetta di melagrane. Non vado matta per le melagrane, devo dire. E neanche per i pompelmi. Quando li compro, è solo per un motivo ben preciso. Lì non ci sono indicazioni, e quindi aspetto pazientemente il mio turno e quando arriva chiedo: “Da dove vengono quelle melagrane?” Lei prende fiato prima di rispondere. Prende fiato perché sa benissimo, naturalmente, che nessuno fa quella domanda per qualunque prodotto. E nessuno la fa per pura curiosità. E sa benissimo che dalla risposta non dipende solo la mia decisione di comprare o non comprare, ma chissà cos’altro ancora: quando si tocca quel tema, specialmente se non sai con chi hai a che fare, può succedere letteralmente di tutto. Prende fiato e poi spara: “Da Israele”. Un po’ con ansia (e adesso cosa succederà?), un po’ in tono di sfida (sì, tengo roba da Israele: qualcosa da ridire?) Io tuffo le mani nella cassetta, ne prendo due e gliele porgo. Lei capisce cosa c’è dietro lo slancio di quel tuffo e, forse sarà deformazione anche questa, ma ho l’impressione che sia quasi commossa. Mi guarda dritto negli occhi, sorride, e sussurra: “Sono dolcissime”. La guardo dritto negli occhi, sorrido e sussurro: “Lo so”. E stavolta, sia deformazione o no, ho proprio l’impressione che siamo commosse in due.
(E poi leggi qui)



barbara

Pubblicato il 9/12/2010 alle 19.31 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web