Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

RIAPPROPRIARSI DI UN PIEDE

Tornare a sentirlo proprio, tornare a sentirlo parte del proprio corpo, tornare a sentirlo. Toccarlo, accarezzarlo, la sensazione dell’acqua calda. Muoverlo. Piano piano, con cautela, con la paura del dolore sempre in agguato, con la paura di aggiungere danni a tutti quelli già fatti – e tuttavia muoverlo. La sensazione del movimento. La percezione del movimento. Ho sempre amato molto i miei piedi, li accarezzo spesso, li coccolo, li vezzeggio. Oggi più che mai percepisco chiaramente quanto sono preziosi (t’amo o pio piede e mite un sentimento di vigore e di pace al cor m’infondi ...)



barbara

Pubblicato il 2/2/2008 alle 16.39 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web