Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

MEMENTO



Una scena del “Dottor Divago” (nel film: caso più unico che raro di film che è più bello del libro): dopo la manifestazione pacifica repressa nel sangue lui, all’alba, si presenta a casa di lei e le dà una pistola, chiedendole di nasconderla; lei spaventata, gli dice: “No, buttala via!” Lui, tremante di odio, di rabbia, di dolore per gli innocenti massacrati, con gli occhi fissi e la voce dura risponde: “No, mi servirà: non ci saranno più manifestazioni pacifiche”.
Fanculo alle manifestazioni pacifiche. Fanculo ai pacifisti. Fanculo alle anime belle di tutto il mondo. Hitler non è stato abbattuto con le manifestazioni pacifiche. Pol Pot non è stato abbattuto con le manifestazioni pacifiche. E non mi si venga a dire “E Gandhi allora?”: Gandhi aveva a che fare con una democrazia. Imperialista, colonialista, e metteteci pure tutti gli ismi che volete, ma pur sempre democrazia. Se di fronte a Gandhi al posto del re d’Inghilterra ci fosse stato Hitler, la sua protesta non violenta sarebbe durata esattamente cinque secondi: il tempo di prendere la mira per piantargli una pallottola in fronte.
Sto piangendo. Sapendo perfettamente che tutte insieme le mie lacrime non basteranno a lenire la più piccola delle ferite inferte oggi, ma come impedirmelo?

E ascoltate anche questo.

barbara

Pubblicato il 27/9/2007 alle 21.7 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web