Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

MA SARÀ POCO CURIOSA ‘STA COSA?

Sostengono che Israele deve essere trattata come qualunque altro Paese al mondo, ma attaccano come cani rabbiosi solo Israele, quasi che di stati al mondo non ce ne fossero altri. Rivendicano il sacrosanto diritto di criticare Israele ma nessuno al mondo li ha mai sentiti rivendicare il diritto di criticare, che so, il Sudan, la Cina, l’Iran, l’Arabia Saudita, la Birmania. E non è che non rivendichino questo diritto perché nessuno glielo contesta, no no: non lo rivendicano perché di criticare quei Paesi proprio non gli passa neanche per l’anticamera del cervello – sempre per via di quella bella favoletta che Israele deve essere trattata come qualunque altro Paese e che a loro i due pesi e due misure non piacciono, no no no, proprio neanche un po’. Strillano come galline spennate se, per i loro attacchi furiosi non contro una determinata azione israeliana, non contro un determinato governo israeliano ma contro qualunque cosa sappia anche solo vagamente di israeliano, e anche molte cose che ben poco con Israele hanno a che fare (un po’ di più, invece, con l’ebraismo) li chiamiamo antisemiti. Ma provate un po’ a rammentare loro cosettine come, per dire, le decine di migliaia di palestinesi sterminati dai fratelli arabi (quei poveri palestinesi, avete presente? I soliti poveri palestinesi … ah no? Non sono quelli soliti? Quelli là sono degli insoliti poveri palestinesi? Ah, ecco, questa mi era sfuggita, scusate la distrazione …). Provate a parlare dei milioni di donne e bambine lapidate, assassinate in casa, devastate con l’acido per un amore non approvato, per un abbigliamento non consentito, o semplicemente per essere state stuprate. Provate a parlare dei 250 milioni di cristiani che vivono oppressi come cittadini di serie B e dei 160mila cristiani assassinati ogni anno nei Paesi islamici unicamente perché cristiani. Provate a parlare del terrorismo praticato da migliaia di islamici, esplicitamente nonché entusiasticamente approvato e sostenuto da milioni di islamici e simpateticamente compreso da altre decine di milioni di islamici, terrorismo che ha lo scopo dichiarato di sovvertire l’ordine nel mondo intero per instaurarvi governi islamici. Provate a parlare della mancanza di libertà che vige nei Paesi arabi e islamici, della stampa imbavagliata, delle leggi inesistenti o inapplicate, degli arresti arbitrari e delle torture selvagge, della sistematica violazione dei più elementari diritti umani, del lavaggio del cervello ai bambini che a tre anni spiegano compunti perché si devono odiare gli ebrei e a quattro sanno che il loro primo dovere è di immolarsi uccidendo ebrei. Provateci. E un branco di belve furibonde attaccheranno a strillare che siete dei razzisti, intrisi di odio antiislamico. Vero che è curiosa ‘sta cosa? (E chi se la cava con l'inglese, si legga anche questo splendido articolo)

(E ricordiamo e guardiamo)

barbara

Pubblicato il 2/6/2007 alle 22.52 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web