Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

DISINFORMAZIONE GRATUITA

Comunicato Honest Reporting Italia 31 maggio 2007

La disinformazione non è fatta solo di cose eclatanti: spesso è fatta di cose minime, di dettagli apparentemente insignificanti ma che, proprio per questo, passano facilmente inosservati e penetrano nelle coscienze. È il caso di questo trafiletto pubblicato martedì 29 maggio a pagina 7 del giornale "24 minuti":

Palestina
Uccisi due attivisti islamici nella striscia di Gaza
Due attivisti islamici palestinesi sono morti questa mattina nel corso di uno scontro a fuoco con alcuni soldati israeliani vicino ad un posto di blocco di frontiera di Soufa, nella zona meridionale della Striscia di Gaza. L'esercito israeliano, tuttavia, non ha confermato la notizia.

Esaminiamo in dettaglio la "notizia": innanzitutto i terroristi diventano "attivisti" (come quelli di Green peace? Come quelli per i diritti umani? Come quelli per la lotta alla pedofilia?) in modo da togliere loro ogni possibile connotazione negativa. In secondo luogo la definizione "islamici", che di per sé dovrebbe avere carattere innanzitutto religioso: "attivisti islamici" potrebbero essere qualcosa come i missionari cristiani, che si prodigano per diffondere (pacificamente) la propria fede religiosa: è di questo che si tratta? In terzo luogo la precisazione "nel corso di uno scontro a fuoco" è solo apparentemente una notizia, dato che, non indicando quando, come, perché e per iniziativa di chi (le domande base alle quali ogni giornalista principiante dovrebbe imparare a rispondere) si è verificato questo scontro a fuoco, non ci fornisce alcuna informazione supplementare. Infine la conclusione: "L'esercito israeliano tuttavia non ha confermato la notizia": vale a dire che abbiamo un'informazione (una velina?) arrivata da non si sa quale fonte e non confermata da nessun'altra fonte, e che tuttavia viene ugualmente presentata come notizia. Che cosa rimane nella mente del lettore dopo avere letto questa pagina? Che nella striscia di Gaza ci sono soldati israeliani, e non si sa perché. Che questi soldati si scontrano con dei militanti islamici palestinesi, e non si sa perché. Che infine li uccidono, e non si sa perché (nessun accenno, va da sé, ai razzi qassam che quotidianamente da Gaza vengono lanciati su Israele). E, proprio perché non ci sono disinformazioni vistose, queste piccole (apparentemente) manipolazioni penetrano e lasciano il segno. Aggiungiamo che il giornale "24 Minuti", (edito dal Sole24ore, come dimostra il loro sito internet:
http://www.24minuti.ilsole24ore.com), è un giornale gratuito, il che gli garantisce una notevole diffusione (viene distribuito fuori dalle stazioni della metropolitana, è presente in moltissime tabaccherie ecc.) e può quindi avere un consistente impatto. Sarebbe pertanto utile protestare per questo modo davvero poco serio di fare informazione. Possiamo farlo scrivendo a 24minuti@ilsole24ore.com.

Invitiamo i nostri lettori a scrivere ai mass media per protestare contro servizi scorretti e faziosi, e a inviarci copia dei loro messaggi presso
HR-Italia@honestreporting.com

HonestReportingItalia
vi invita inoltre a proporci eventuali critiche ai media per una possibile inclusione nei futuri comunicati. Assicuratevi di includere l'URL dell'articolo in questione o l'articolo stesso e invialo a: HR-Italia@honestreporting.com


Il nostro sito/libreria Israele - Dossier è dedicato alle informazioni dettagliate, dati storici e geografici sul conflitto medio orientale.

HonestReporting ha oltre 140.000 membri nel mondo, ed è in continua crescita.
(C) 2006 HonestReporting - Tutti i diritti riservati.

E-mail: HR-Italia@honestreporting.com

Per iscriversi a HonestReportingItalia inviare una e- mail vuota a:
join-HonestReportingItalian@host.netatlantic.com

barbara

Pubblicato il 31/5/2007 alle 21.57 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web