Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

10 NOVEMBRE 1975

Risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sul Sionismo

Ricordando la risoluzione delle Nazioni Unite del 20 novembre 1963 che richiede l'eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale e in particolare l'affermazione che "ogni dottrina di differenziazione razziale è scientificamente falsa, moralmente condannabile, ingiusta e pericolosa" e le espressioni di preoccupazione della stessa Assemblea Generale per le manifestazioni di discriminazione razziale in corso in varie parti del mondo, e imposte da certi governi con misure legislative o amministrative,
Ricordando la risoluzione di condanna del 14 dicembre 1973 contro la deprecabile alleanza fra il Sionismo e il razzismo sudafricano,
Prendendo nota della dichiarazione del Messico sull'Eguaglianza delle donne e sul loro contributo allo sviluppo della pace (Città del Messico, 19 giugno 1975) nella quale si promulga il principio che "la cooperazione internazionale per la pace richiede di raggiungere indipendenza nazionale, liberazione, eliminazione del colonialismo, del neocolonialismo, delle occupazioni straniere, dell'apartheid, del Sionismo e di ogni forma di discriminazione razziale, così come il riconoscimento della dignità e del diritto dei popoli all'autodeterminazione",
Prendendo nota della risoluzione dei Capi di Stato africani e dei governi dell'organizzazione dell'Unità Africana, alla dodicesima sessione ordinaria tenuta a Kampala il 1° agosto 1973 nella quale si dice che "il regime razzista della Palestina occupata e i regimi razzisti dello Zimbabwe e del Sudafrica hanno una comune origine imperialista, formano una unità di struttura razzista, e sono organicamente collegati in una comune politica di distruzione della dignità e dell'integrità della persona umana",
Prendendo altresì nota della Dichiarazione Politica e di Strategia per il rafforzamento della Pace e della Sicurezza, e per l'assistenza reciproca dei Paesi non allineati, adottata alla Conferenza dei ministri degli Esteri dei Paesi non allineati a Lima, dal 25 al 30 agosto del 1975, che ha condannato con la massima severità il Sionismo come minaccia alla pace e alla sicurezza del mondo e ha chiamato tutti i Paesi a opporsi a questa ideologia imperialista e razzista,
Determina e dichiara che il Sionismo è una forma di razzismo e di discriminazione razziale.
(testo approvato dalla terza Commissione dell'Assemblea Generale, con il documento n. 3378, riunione n. 1400, con 72 voti a favore, 35 contrari, 32 astensioni)

Vale a dire: Israele non ha il diritto di esistere. Vale a dire: cari amici, volete andarlo a distruggere? Accomodatevi pure: per noi non è un problema. Vale anche la pena di ricordare che all’epoca Segretario Generale delle Nazioni Unite era il criminale nazista Kurt Waldheim.

barbara

AGGIORNAMENTO: leggere (imperativo categorico) questo interessantissimo articolo preso da questo blog, da seguire con la massima attenzione, anche se non aggiorna spesso.

Pubblicato il 10/11/2006 alle 0.55 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web