Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

LA LUNA E IL SUO BARDO – CAPITOLO 8

“Ebbene, bisogna liberare la ninfa Crisolina, ecco tutto!”
“Chi ha parlato?”
“Io, il Decimo Pianeta del Sistema Solare”.
”Ah, ma allora esisti davvero!”
“Non mi sembra il momento di fare dello spirito. Libereremo lo spirito della ninfa Crisolina e lei libererà il menestrello”.
“E come si fa a liberarla?”
“Già, come si fa? Comodo dire ‘bisogna liberarla’! Bisognerebbe anche sapere come!”
“Io un’idea l’avrei” disse timidamente l’aurora boreale.
“Quale?”
“Abbiamo fra noi un cinghiale: se lui potesse radunare tutti gli animali della Terra intorno alla piramide e tutti insieme si mettessero a battere le zampe, provocherebbero un terremoto di proporzioni mai viste. Allora la piramide cadrebbe a pezzi e la ninfa Crisolina uscirebbe dalla sua prigione”.
“Sì, sembra una buona idea”.
“E gli uomini? Morirebbero a migliaia, a decine di migliaia”.
“No: gli uccelli e le farfalle andranno ad avvertire tutti quelli che abitano nelle regioni intorno alla piramide, e loro si metteranno in salvo”.
“Ma le loro case andranno distrutte”.
“No: i ragni tesseranno intorno alle case una ragnatela fittissima, che le manterrà in piedi”.
“Beh, così allora potrebbe andare. Cinghiale, pensi di poterlo fare?”
“Sì, la mia signora, la regina delle fate, mi aiuterà. Datemi tre giorni e la piramide sarà a pezzi e la ninfa Crisolina sarà libera”.
Subito una stella cadente spiccò il volo per andare a informare la luna che forse le sue pene stavano per finire.

barbara

Pubblicato il 1/11/2006 alle 12.45 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web