Blog: http://ilblogdibarbara.ilcannocchiale.it

IL LIBRO NERO DEI REGIMI ISLAMICI

Sappiate che il sangue degli infedeli può essere versato impunemente […]. Lo sterminio dei miserabili che ci opprimono è un dovere sacro, sia che sia compiuto in segreto, che apertamente, secondo la parola del Corano: «Uccideteli ovunque vi troviate; noi ve li consegniamo e vi diamo su loro potere completo». Chi ne ucciderà uno solo sarà compensato da Allah. Che ogni musulmano, in ogni parte del mondo, giuri solennemente di abbattere almeno tre o quattro tra i cristiani che lo circondano, perché sono nemici di Allah e della Vera Fede! Che ognuno di voi sappia che la sua ricompensa sarà duplicata dal Dio che ha creato il cielo e la terra. Chi obbedirà a questo ordine del Jihad sarà preservato dai terrori del Giudizio Universale e avrà assicurata la Resurrezione eterna! Chi arretrerà mai davanti a una simile ricompensa?

Khomeini? Bin Laden? Hassan al Turabi? No, nessuno di loro: siamo a Istanbul, novembre 1914, e a chiamare alla guerra santa è il sultano. Perché questo è stata, per l’impero ottomano, la prima guerra mondiale: non una guerra nazionalista, non una guerra imperialista, non una guerra per i mercati e per le colonie, ma una guerra santa contro gli infedeli. Inutile, dunque, cercare nelle nostre colpe imperialiste e colonialiste le cause delle attuali violenze jihadiste che squassano il mondo islamico: le radici sono ben lontane da lì. Ce lo dimostra Carlo Panella in queste quattrocento documentatissime pagine da leggere tutte d’un fiato che fanno, tra l’altro, piazza pulita di parecchie leggende: dal laicismo dell’Olp e di Arafat allo storico sostegno americano a Israele, dalla rivolta e dal nazionalismo arabo allo sfruttamento dei Paesi arabi da parte degli Usa. Fondamentale per capire ciò che sta accadendo intorno a noi e che, se non riusciremo a capirlo nei suoi termini esatti e concreti, finirà per travolgerci. E poi è bello anche perché dice, a volte con maggiore documentazione, altre solo con maggiore autorevolezzaun sacco di cose che ho detto anch’io.



Carlo Panella, Il libro nero dei regimi islamici, Rizzoli

barbara

Pubblicato il 31/7/2006 alle 12.50 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web