.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


9 maggio 2006

RICORDIAMO UN EROE

Infelice quel paese che ha bisogno di eroi, dice il saggio. Ancora più infelice, aggiungo io, quel paese in cui c’è bisogno di essere eroi per fare, semplicemente, il proprio dovere, per fare il proprio mestiere in maniera pulita, per essere onesti. Peppino Impastato lo è stato. Peppino Impastato ha osato opporsi alla mafia, sapendo che cosa rischiava, e lo ha fatto da figlio di mafioso, rompendo innanzitutto col proprio padre e facendosene cacciare di casa, ancora ragazzino. Non intendo riproporre qui la sua biografia: altri lo hanno fatto meglio di come potrei farlo io; voglio solo ricordare che la sua vita intera è stata dedicata alla lotta alla mafia: una lotta a trecentosessanta gradi: politica, culturale, informativa. Peppino Impastato viene assassinato nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978 con una carica di tritolo posta sotto il corpo adagiato sui binari della ferrovia.

Ma la distruzione del corpo non basta: occorre anche la distruzione del nome, dell’onore, della dignità, di tutto ciò che egli ha sempre rappresentato: stampa, forze dell'ordine e magistratura raccontano che Peppino Impastato era un terrorista, spiegano che è saltato in aria mentre preparava un attentato. Occorre la lotta indefessa del fratello Giovanni e della madre Felicia Bartolotta Impastato per ristabilire la verità e far riconoscere la matrice mafiosa dell’assassinio (e voglio approfittare dell’occasione per ricordare anche la grandissima donna che è stata la madre di Peppino,
che alla prosecuzione della lotta del figlio ha dedicato fino al suo ultimo giorno di vita).
Come sempre, quando viene ucciso un grande, qualcosa resta:
l’assassinio di Impastato ha fatto nascere un notevole movimento antimafia, tuttora attivo. Ricordiamolo, mentre i ragazzi di addiopizzo hanno dato vita a una nuova forma di lotta. Ricordiamolo, perché dimenticare chi ha dato la vita in nome della lotta al crimine, significa ucciderlo un’altra volta.

barbara




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 21:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA