.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


2 novembre 2005

UN ANNO FA, THEO

Aveva deciso di denunciare le drammatiche condizioni in cui si trovano a vivere moltissime donne musulmane. Aveva deciso di farlo con l’unico mestiere che sapeva fare: il regista. Aveva deciso di farlo in modo accurato, e per questo aveva chiamato per la sceneggiatura una donna musulmana. E i musulmani l’hanno condannato a morte. La sentenza è stata eseguita in mezzo a una strada: il boia gli ha sparato, poi lo ha sgozzato, infine gli ha inchiodato al corpo un foglio con le motivazioni della sentenza. Il giorno stesso Chris Riple, un artista di Rotterdam con lo studio vicino a una moschea in Insuindestraat, scioccato dall'omicidio di Theo van Gogh, ha dipinto un angelo sul muro esterno del suo studio con la scritta "Non uccidere" ("Gy zult niet doden"). I suoi vicini nella moschea hanno trovato il testo "offensivo" e hanno chiamato il sindaco di Rotterdam, il liberale Ivo Opstelten. La mattina del 4 novembre il sindaco ha ordinato alla polizia di cancellare il dipinto dal muro del signor Ripke, perché questo era “razzista.” Quando la polizia e i dipendenti comunali sono arrivati per cancellare il dipinto "razzista", Wim Nottroth, un giornalista televisivo, si è piazzato di fronte al dipinto in segno di protesta. La polizia lo ha arrestato. Una cameraman che ha filmato ogni cosa è stata costretta dalla polizia a cancellare parte delle riprese. Ricordiamo e ringraziamo un uomo coraggioso, che ha saputo tenere fede alle proprie idee e alle proprie scelte anche a costo della vita. Ringraziamolo anche perché, con la sua morte, ha permesso a molti di aprire finalmente gli occhi. Ringraziamolo inoltre perché, anche se lui non c’è più, il suo bellissimo film (link a destra, con sottotitoli in italiano) di coraggiosa denuncia sociale ci è rimasto.



barbara




permalink | inviato da il 2/11/2005 alle 0:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA