.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


5 settembre 2011

A PENSAR MALE...

Quando in questa lettera al preside ho scritto “E infine la cosa più pazzesca: come ultima "spiegazione" mi ha raccontato che anche (anche?) M. le ha chiesto di cambiare sezione. E mi chiedo: perché mi racconta questa storia? Che cosa ha a che fare con me e con la mia richiesta? Avrebbe per caso intenzione di togliermi un'altra volta le mie classi per darle a lei e sbattere me da qualche altra parte?” avevo semplicemente fatto una sparata per puro spirito polemico. Oggi ho scoperto che avevo centrato in pieno: la collega M. non aveva semplicemente chiesto di cambiare sezione (e diciamo, per inciso, che le sue classi sono oggettivamente parecchio sgradevoli, ma che tutti noi abbiamo avuto classi non solo sgradevoli, ma anche classi impossibili, classi da neurodeliri, classi da essere seriamente tentati di suicidarsi, e non ho mai sentito nessuno che abbia chiesto di cambiare con questa motivazione): aveva proprio chiesto che le fosse data la mia sezione. E il preside pare proprio che avesse intenzione di dargliela. A lei, con quasi vent’anni di età meno di me. A lei, l’ultima arrivata, su otto insegnanti di italiano, nella scuola. A lei che ha preso il posto – provvisorio – solo perché un’altra collega è andata in maternità. Come si può vedere, una giusta dose di aggressività è sempre la soluzione migliore (è servita anche, qualche mese fa, a liberarmi del gemello ebreo di Bin Laden, che da allora ha smesso non solo di frequentare questo blog, ma anche di asfissiarmi privatamente con i suoi deliri).



barbara


1 settembre 2011

VITTORIA!

Totale. (La collega di matematica, consulente privilegiata di tutti noi, e a cui anche lui si era rivolto, mi ha detto che ci era rimasto male per la durezza dei miei toni, ma lei gli ha detto che riteneva tale durezza pienamente giustificata. Stanotte, lo confesso, sono stata parecchio inquieta e praticamente non ho dormito, ma poi è arrivata l’alba...)

barbara


10 giugno 2011

A SCUOLA

Quella che segue è la lettera che ho inviato al mio preside.

Egregio signor preside,
(e cara V. per conoscenza),
vorrei brevemente ricordare quello che è successo negli ultimi due anni.
L'anno scorso mi è stata tolta la mia terza, è stata data a un'altra persona e io sono stata messa in un'altra classe. Per amor di quieto vivere non ho chiesto spiegazioni, né tanto meno protestato per questa scelta insensata, assolutamente priva di logica, di motivo, di scopo, e ho sopportato senza fiatare il disagio di inserirmi in una classe nuova che aveva lavorato con altre persone, altri metodi, altri programmi ecc., e il maggiore lavoro provocato dal fatto di trovarmi in due sezioni diverse, con conferenze in giorni diversi, tempi morti e altro. 
Quest'anno di nuovo mi è stata tolta la mia terza, è stata data a un'altra persona e io sono stata messa in un'altra classe. Diciamo pure che questa volta nel cambio ci ho guadagnato (l'anno scorso no davvero), ma resta lo stesso una cosa assolutamente incomprensibile e priva di logica.
Due settimane fa le ho chiesto di lasciarmi le mie classi per il prossimo anno, e lei ha detto che non sa se potrà farlo, e già questo, mi permetta di dirlo, lo trovo cosa di estrema gravità: da che mondo è mondo, gli scolari cambiano insegnante unicamente quando quello che hanno va in pensione o si trasferisce, quando mai si è sentito che cambino insegnante perché i loro vengono spostati d'autorità? Ma ancora più gravi sono state le "spiegazioni" che mi ha dato. Ha avuto il coraggio di tirarmi fuori il principio della continuità didattica, quando la continuità didattica è precisamente ciò che IO le sto chiedendo e che LEI sta continuando a fare a pezzi e mettersi sotto i piedi. Poi mi ha raccontato la storia che dovete cercare di omogeneizzare le sezioni in modo da ridurre il più possibile i problemi di incastri in occasione delle conferenze, e sembrerebbe avere dimenticato che per sedici anni ho insegnato in una sola sezione, come hanno sempre insegnato quelli che hanno tre classi, e che LEI ha improvvisamente deciso d'autorità, senza degnarmi di una spiegazione e quindi, per quanto mi riguarda, senza una sola ragione al mondo, di farmi lavorare in due sezioni diverse. E infine la cosa più pazzesca: come ultima "spiegazione" mi ha raccontato che anche (anche?) M. le ha chiesto di cambiare sezione. E mi chiedo: perché mi racconta questa storia? Che cosa ha a che fare con me e con la mia richiesta? Avrebbe per caso intenzione di togliermi un'altra volta le mie classi per darle a lei e sbattere me da qualche altra parte? Distruggendo tutti i progetti cominciati con E. e con M. e con R.? E soprattutto fregandosene della tanto decantata continuità didattica?
A questo punto mi vedo costretta a dirle nel modo più chiaro e franco che ne ho abbastanza. Devo dirle nel modo più chiaro e franco che la mia pazienza è arrivata al limite. Che la mia disponibilità a sopportare in silenzio, per amore di pace, ogni sorta di prepotenza, di arbitrio, di prevaricazione, di sopruso è arrivata al limite. Che non sono più disposta, con sessant'anni di età e trentacinque di anzianità, a lasciarmi sbattere da una parte all'altra secondo il capriccio di non si sa chi. Che non sono più disposta a farmi trattare come una marionetta. In queste ultime due settimane, in tutte e tre le classi, non ho praticamente lavorato, perché non saprei davvero dove trovare la voglia e l'interesse di fare cose che non so se, e da chi, potranno essere portate avanti. Quindi la mia richiesta, a questo punto, è ultimativa: l'anno prossimo o insegnerò nelle mie classi, o mi rifiuterò di insegnare. A lei la scelta. E mi auguro, per il bene di tutti, che sarà una scelta ragionevole.

Il motivo per cui ho scelto di scriverle anziché parlarle, oltre al fatto che è più facile ottenere udienza dal papa che trovare lei con un quarto d'ora a disposizione, è che purtroppo sono di un'emotività al limite del patologico, e quando sono furibonda, rabbiosa e frustrata come sono in questo momento, accade facilmente che mi blocchi o diventi aggressiva: cose entrambe che - ne converrà - è preferibile evitare.


11 aprile 2009

CENSURA

La preside del Beccaria di Milano ha ritirato il giornalino redatto dagli studenti a causa di questa vignetta



che ritengo doveroso pubblicare.

barbara

sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA