.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


9 giugno 2010

TEMPESTA TRA LE PALME

«Perché voi non avete paura?» [...]
«Nuri, sai quanti anni ho?».

«Siete vicino ai settanta».
Il nonno si lisciò i baffoni con le mani pelose.
«Ecco il tuo errore, saputello. Io ne ho duemila».
Il viso di Nuri si fece triste: «Nonno, vi ho fatto una domanda seria».
«E io ti ho dato una risposta seria. Per questo tu hai paura e io non temo nulla. Non sto parlando della paura delle ruote di una macchina che ti investono o del coltello di un ladro. Ti sto parlando di quell'altra paura che ti preoccupa, la paura dell'annientamento. Io ho duemila anni. Sai quante volte stavano per uccidermi e quante volte hanno tramato per sopprimermi da quando ho lasciato le rovine di Geru­salemme?».
«Molte volte!» gridò Salman trionfante.
«Capisci, Nuri? Mi hanno fiaccato in Egitto e ora qui
vogliono finirmi. Mi hanno massacrato a Gerusalemme, di­cevano che mi avrebbero annientato in Babilonia e in Per­sia, in Spagna e in tutta l'Europa. Per secoli hanno sparso il mio sangue. Proprio in questo momento Hitler mi sta dilaniando le carni. Centinaia di volte mi hanno ucciso e ciononostante me ne sto seduto qui a godermi questa gu­stosa bamyah. Capisci?».
Nuri annuì.
Il nonno proseguì: «Possono uccidere Nuri in qualun­que momento, ma l'ebreo che c'è in te e che loro vogliono annientare continuerà a vivere per sempre. Per sempre».

C’era una volta Baghdad. E c’erano i quartieri di Baghdad. E c’era il cielo di Baghdad. E c’erano le palme di Baghdad. E c’era la gente di Baghdad. E c’erano gli ebrei di Baghdad.



Oggi Baghdad c’è ancora. E i quartieri di Baghdad ci sono ancora. E il cielo di Baghdad c’è ancora. E le palme di Baghdad ci sono ancora. E la gente di Baghdad c’è ancora. Gli ebrei di Baghdad invece no, quelli non ci sono più: in parte massacrati, in parte fuggiti.
Questo che vi sto presentando è un romanzo, ma scritto – e si sente – da uno che il pogrom Farhud lo ha visto con i propri occhi, e vissuto sulla propria pelle, e tutto l’orrore provato rivive in queste pagine. Orrore, e terrore, e dolore immenso. E tuttavia non disperazione, perché, sì, aveva ragione il nonno: di ebrei ne hanno sterminati tanti, ma “l’ebreo” continua a vivere. E per sempre continuerà.

Sami Michael, Tempesta tra le palme, Giuntina



barbara

sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA