.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


2 aprile 2010

LIBIDINE

Ero entrata il libreria per comprare un libro, che poi non ho trovato. Poi, mentre stavo uscendo, mi sono sentita chiamare. Era un libro su uno scaffale, che era lì che invocava Prendimi! Prendimi! Erano anni che, causa miseria galoppante, non compravo un libro. Non che mi mancasse da leggere: ne ho ancora centinaia, acquistati in anni di vacche grasse e non ancora smaltiti, e poi qualcuno mi è stato regalato, ma la libidine suprema, il godimento sublime del mettere le mani su un libro in libreria, sfiorarlo, accarezzarlo, afferrarlo, portarmelo via, ecco, di quella stavo patendo un’astinenza dolentissima. E quel libro lì che mi chiamava e chiamava. Beh, l’ho preso. E poi ne ho preso un secondo. E poi un terzo. E un quarto, un quinto, un sesto ... Ne ho presi dieci. Praticamente un’orgia, un’ammucchiata, un delirio di libidine all’ennesima potenza.
Poi, visto che mi ero ormai data alla libidine più spinta e sfrenata, ho preso un sapone di Aleppo, quello fatto a mano esattamente con gli stessi ingredienti e le stesse tecniche di quattromila anni fa, e altri quattro saponi agli oli essenziali, e una goduriosissima gelatina da doccia bluissima che quando te la passi sul corpo ti sguscia via da tutte le parti, dall’inebriante profumo di agrumi e di oceano e insomma un’altra libidine al quadrato.

E per completare l’opera ho preso anche due paia di sandali, bellissimi e luccicanti. Libidinosi, fanculo alla miseria.
E adesso, se volete godere anche voi, filate di corsa a farvi le due ultime cartoline dell’ineffabile Ugo Volli, una e due.

barbara


20 ottobre 2008

L’OMBRA DEL VENTO

C’è una sola espressione per definire uno così: scrittore di razza. Uno che ti tiene incollato alla poltrona dalla sera alla mattina e poi dalla mattina alla sera fino a quando non arrivi all’ultima pagina di questa storia in cui la vita sconfina con la morte e la morte ritorna alla vita e la vita sopravvive alla morte, in cui una banale ricerca di notizie su uno scrittore poco noto finisce per diventare una lotta implacabile per la sopravvivenza, per sé e per molti altri, e quando, dopo avere rischiato la vita tua e altrui, riesci finalmente ad avere in mano tutte le carte e credi di avere capito tutto, ecco che una folata di vento te le scombina tutte e ti accorgi che non avevi capito niente. E tutto intorno, una Barcellona devastata dalla guerra civile capace di tirare fuori il meglio e il peggio di ognuno – ma soprattutto il peggio, come il gusto di torturare con la fiamma ossidrica, per esempio, e se vuoi trovare qualche residua briciola di umana pietà non ti resta che andarla a cercare tra puttane finocchi e accattoni. E qualche libraio. E tu procedi, di pagina in pagina, tra infamia e coraggio, verità e menzogna, amore e odio, ricchezza e miseria, e un inconfondibile odore di carta bruciata.
Da leggere rigorosamente in un fine settimana privo di impegni, con sufficienti scorte di viveri e bevande accanto e, se possibile, un capiente pitale vicino alla poltrona.
Ah, dimenticavo: “L’ombra del vento” non è la storia narrata qui, bensì il titolo del libro di cui si narra la storia – perché anche lui ha una storia, e neanche ve lo potete immaginare, che razza di storia sia.

Carlos Ruiz Zafón, L’ombra del vento, Mondadori



barbara


11 maggio 2008

UN LIBRO PER ISRAELE

Una nuova forma di antisemitismo
Victor Magiar – Europa - 7 maggio 2008

“The State of the Jews has became the Jew of the nations”.

Così, durante la seconda Intifadah, scriveva Yossi Klein Halevi dalle pagine del Jerusalem Report per definire la condizione di Israele nello scenario internazionale.
Una “condizione” costruita nel tempo grazie ad una poderosa e decennale campagna fatta di deformazione e manipolazione dei fatti, di una progressiva revisione storica, di costruzione di una vulgata e di un immaginario che ha messo insieme luoghi comuni terzomondisti, reazionari, razzisti e panarabisti.
Processo questo scatenato da quando negli anni 50 l’URSS, e quella parte di sinistra a lei legata, hanno abbandonato Israele per una più conveniente alleanza con i nuovi regimi arabi.
Come d’incanto Israele, fino allora considerato “cuneo rosso nel medioevo arabo” divenne un “avamposto dell’imperialismo americano”; così come improvvisamente divennero “progressisti” i nuovi nazionalismi arabi che in realtà avevano perseguitato partiti e leader liberali, socialisti e comunisti.
Da allora, confondendo “cause nazionali” e nazionalismi, leggendo come “lotta di liberazione” qualsiasi conflitto armato nel sud del mondo, si è riusciti a legittimare qualsiasi atto ostile nei confronti di Israele, lo Stato del popolo ebraico.
Ma non sono le politiche dei governi israeliani ad essere criticati, a torto o a ragione, ma la legittimità stessa dello Stato di Israele ad esistere perché la nascita di Israele sarebbe macchiata da un peccato originale: la sottrazione di terra e la mancata costituzione di uno stato per il popolo palestinese.
Questa la tesi di sempre, questa la tesi di oggi, dei contestatori della presenza di Israele persino al Salone del Libro di Torino.
Costoro, sbadati o incolti che siano, dimenticano che la tragedia del popolo palestinese ha origine nel “rifiuto arabo” di trovare qualsiasi soluzione negli anni quaranta (stato binazionale o spartizione in due stati), nel tentativo arabo di risolvere la questione con le guerre e con lo sterminio degli ebrei in Medio Oriente (’47, ’48, ‘49, ’67), e infine nell’occupazione da parte dei regimi arabi delle terre destinate allo stato arabo palestinese.
Anche la vicenda dei profughi (e no solo quelli palestinesi!) trova origine nelle scellerate scelte sciovinistiche del primo nazionalismo arabo.
La nascita di Israele, secondo costoro, sarebbe una iattura, o avrebbe dovuto essere miracolosamente pacifica e indolore, senza guerre e spargimenti di sangue, senza profughi: ma nessuna nazione al mondo è nata così e il miracolo, forse, si sarebbe realizzato se non fossero stati eliminati e leader arabi favorevoli al raggiungimento di un accordo.
È dalla rimozione di queste verità storiche che trovano fondamento le posizioni antisioniste o quelle pregiudizialmente anti-israeliane, quelle insomma che pongono Israele sempre sul banco degli imputati.
Ma l’antisionismo non è solo questo: è anche la negazione di un diritto che viene (almeno nominalmente) riconosciuto a qualsiasi altro popolo. È quindi una “nuova” forma di antisemitismo, che discrimina gli ebrei non più come individui, ma come nazione.
Il fenomeno, che coinvolge non fasce marginali di società ma significative personalità della politica e della cultura, è così profondo che durante la celebrazione del Giorno della Memoria dello scorso anno, il presidente Giorgio Napolitano dichiarava a chiare lettere che bisognava combattere “ogni rigurgito di antisemitismo, anche quando esso si travesta da antisionismo: perché antisionismo significa negazione della fonte ispiratrice dello Stato ebraico, delle ragioni della sua nascita, ieri, e della sua sicurezza, oggi, al di là dei governi che si alternano nella guida di Israele”.
Una dichiarazione così netta che spiega con chiarezza il perché il presidente Napolitano abbia deciso di inaugurare lui stesso il Salone del Libro di Torino: giungere a negare spazio e legittimità alla cultura di un intero popolo, negare diritto di cittadinanza a libri e persone, è già un atto, una pratica politica, di vera discriminazione.
È un trattamento questo che non è stato riservato alla cultura di nessun altro paese, compresi quelli più razzisti, aggressivi, dittatoriali.
Accade solo con Israele.
E la cosa più triste e beffarda è che la discriminazione, che ha sempre bisogno di un paravento di menzogna, si permette anche di manipolare temi per noi sacri, come quello della pace o dei diritti dei popoli.
Chiedo dunque ai contestatori di Torino, agli intellettuali che li guidano, se non sia più consono per degli amanti della cultura, per i paladini della pace, costruire “ponti” fra le due parti in causa, Israele e mondo arabo.
Chiedo loro se non sia proprio la letteratura israeliana uno dei più formidabili strumenti per permettere, per sviluppare, il dialogo e la comprensione fra i popoli del Medio Oriente.
È tempo, per chi voglia dare un contributo alla pace, di assumersi la responsabilità di chiamare le cose con il loro nome: l’antisionismo è antisemitismo; gli ebrei, come nazione, sono Israele, ed Israele, oggi, è l’ebreo fra le nazioni.



Capita così raramente che mi trovi d’accordo con Victor Magiar – e ancora più raramente capita che Victor Magiar si trovi d’accordo con me – che quando il raro evento si verifica è davvero il caso di metterlo in mostra. E dunque eccolo qui.

barbara

sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA