.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


30 agosto 2011

CON DUE GIORNI DI RITARDO

Buon compleanno, Gilad!



(Ho incontrato suo padre,



ma forse dovrei dire il fantasma di suo padre: gelide le mani, inespressiva la voce, vuoto il viso quando al nostro “veniamo dall’Italia” ha risposto “ah, buon giorno” per poi volgersi ad altro. O meglio, al nulla).

barbara


9 maggio 2008

MA HO VISTO ANCHE ALTRE COSE,

non crediate. Ho visto un ammiraglio, per esempio, e un vecchio generale dell’aeronautica, attivo per quarant’anni proprio là dove io sono cresciuta. E poi ho visto monete e francobolli: monete legate alla Terra d’Israele,



e i primi francobolli del neonato stato di Israele.



Qui, precisamente:



E ho visto una giornalista della RAI arrivare in ritardo alla conferenza stampa – ossia quando praticamente era tutto finito – e alla richiesta se avesse qualcosa da dire o da chiedere, rispondere sgarbatamente: “Sono arrivata adesso, non so neanche di che cosa si sia parlato” (giornalista RAI, ossia pagata anche coi nostri soldi). E ho visto un signore che appena l’ho visto ho detto quello è Fini, e poi ho detto ma no questo è più giovane, e poi ho detto ma sì che è la sua faccia, e poi ho detto ma Fini ha dei capelli grigi e questo li ha tutti neri, e poi ho detto ma forse è la luce dei riflettori che li fa sembrare più chiari, e insomma poi alla fine mi è stato presentato ed era il rappresentante dell’ambasciata di Israele in Italia. E ho visto un sacco di gente, e non solo ebrei, venire a rendere omaggio a Israele per il suo compleanno e fra queste ho visto una persona che non vedevo da oltre vent’anni e adesso ne ha più di sessanta ma siccome è pazza il tempo non lascia tracce su di lei, e ne dimostra trenta. E ancora una volta ho sentito il mio nome risuonare tra le volte di un’antica sinagoga, e sono emozioni belle, lasciate che ve lo dica. E mi sono addormentata in macchina in autostrada ma naturalmente mi sono svegliata un secondo prima della catastrofe e infatti adesso, vi piaccia o no, sono di nuovo qui e mi ci dovete tenere. E mi sono mostruosamente stancata ma chi se ne frega, tanto siamo giovani e forti. E poi ho visto altre cose ancora, ma non pretenderete mica che vi racconti tutto, no?

barbara


13 marzo 2008

INSALATA MISTA

Grazie
Innanzitutto vi ringrazio per gli auguri, e per concludere bene la giornata invito tutti a un festoso brindisi.

                                                       

bbona = oca?
Non sempre, a quanto pare


(avevo cercato una foto vecchia, di quando esibiva la sua fresca e prorompente bellezza mediterranea in minigonne mozzafiato – ne ricordo una, in particolare, in cui D’Alema seduto al suo fianco con gli occhi incollati a ventosa sulle sue cosce letteralmente sbavava - ma non ne ho trovata neanche una, e forse vorrà dire qualcosa)

Signor arcivescovo, ma vaffanculo, va’
Al funerale di due ragazzine e della loro madre, assassinate a martellate dal rispettivo padre e marito, il signor arcivescovo ha detto che “non dobbiamo avere paura di chi uccide il corpo, perché non potrà mai uccidere l’anima”. Immagino che se vado in Piazza del Santo a Padova e mi prendo uno di quei bei ceri lunghi un metro e rotti e con dodici centimetri di diametro e lo infilo nel culo al signor arcivescovo, il suddetto signor arcivescovo non avrà una sola ragione al mondo per avere paura, visto che non esistono ceri al mondo in grado di uccidere l’anima. Neanche quella degli arcivescovi.

Mafia? Quale mafia?
Leggo sul Corriere di oggi che “In Sicilia suore e preti difendono Cuffaro”. Nessuna sorpresa: l’arcivescovo di Palermo, cardinale Ruffini, zio di un pezzo MOLTO grosso della mafia, ha passato la vita intera a ripetere che la mafia non esiste.

Ogni tanto anche una buona notizia
È di ieri ma rimane buona lo stesso la notizia che l’esercito israeliano ha fatto togliere il disturbo al mandante della strage dei ragazzini della scuola talmudica di Gerusalemme. Immagino che qualcuno condannerà questo atto di “terrorismo di stato” predicando che l’unica soluzione è il dialogo: a questo qualcuno sono pronta ad offrire a spese mie un cero come quello dell’arcivescovo di cui sopra.

E poi no
Di lei parlerò domani, perché questo davvero non si può infilare in una insalata mista.

barbara

sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA