.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


8 giugno 2010

CELESTINO V

Alias Pietro Angeleri, detto anche Pietro da Morrone. Aveva, anche lui, un’ottantina d’anni quando fu eletto al soglio di Pietro, che ancora non ho capito perché si chiami soglio di Pietro dal momento che Pietro era vescovo di Antiochia, ma soprassediamo. Arriva dunque lì, questo brav’uomo, e non ci mette molto a rendersi conto che per sopravvivere in quel bordello, costruito su territori rubati e “legittimato” con un documento falso fabbricato ad hoc – altro che Balfour! Altro che 181! Altro che territori cosiddetti occupati! – bisognava accettare troppi compromessi, bisognava tollerare troppe sozzure, bisognava convivere con troppe bassezze. E cosa fa? Essendo provvisto di coscienza, si dimette. Non io vado, adesso vado, guardate che vado, attenti che vado sul serio: dimissioni vere. Come quelle di Pierluigi Collina. Irrevocabili. Perché gli uomini veri – che non sono quelli che non devono chiedere mai, né quelli che proclamano urbi et orbi che ce l’hanno duro, né quelli decisi a battersi fino all’ultimo bambino, proprio e altrui – sono rari, ma esistono. Rendiamo dunque onore a questo uomo retto che, tra un comodo meretricio e il duro rispetto per la propria coscienza, ha saputo scegliere quest’ultimo (il povero papa Luciani invece ci ha messo un tantino di più a rendersene conto, e così hanno dovuto provvedere a dimetterlo d’ufficio, ma questa è un’altra storia. O no?)

Piccola nota a margine: c’è chi si rifà la verginità ricostruendosi l’imene, e chi se la rifà così. E qui qualche altro aggiornamento su ciò che succede in zona.

barbara


17 novembre 2009

UGO VOLLI HA INCONTRATO UNA DONNA

E quando un uomo incontra una Donna – e spero che avrete adeguatamente notato e apprezzato e correttamente interpretato la maiuscola – è inevitabile che qualcosa succeda e una serie di reazioni a catena si inneschino e chissà come andrà poi a finire.
Nella speranza che la tempesta ormonale scatenata dall’incontro si plachi almeno in tempo per gratificarci domani della consueta Cartolina, nel frattempo vi invito a leggere il resoconto dell’ineffabile incontro.


Cari amici, vi avevo lasciato ieri annunciando di essere scosso e colpito. In queste cartoline, che ormai sono un diario in pubblico non parlo molto di me, per ovvie ragioni. Apprezzerete, spero, la modestia. Ma devo dirvi che questa volta sono veramente scosso. C'è qualcuno di voi che indovina perché? Ma è chiaro, la ragione è "Lady Ahmadinedjad", come l'hanno chiamata i giornali (forse per analogia a "Lady Poggiolini" quella signora, moglie di un direttore generale del sistema sanitario che fece le prime pagine di tutti i giornali per aver conservato non so quanti miliardi, ben guadagnati dal marito, nel pouf di casa, altro che le banche). Forse la somiglianza non è fra le Ladies, ma fra la nostra gentile ospite iraniana e il pouf... In realtà la Lady di oggi si chiama Azam al-Sadat Farahi. Ha preso il posto di Soraya e Farah Diba, dicono le riviste di gossip, ma con ben altra classe: tutta avvoltolata nel suo burka gli occhi coperti da lenti fumé, il nasone un po' congestionato per l'esposizione in pubblico, ha pronunciato un discorso strappalacrime su Gaza, di cui avete già letto le cronache su IC. Non lo commento.
Vi chiederete certamente perché mi ha tanto sconvolto. Ma per la sua spirituale bellezza, che diamine. Se non ci abbassiamo alla volgarità occidentale per cui quel che conta è il corpo e magari come dicono i ragazzi sciocchi le curve o altri dettagli insignificanti, devo dire che dalla figura raccolta e spiritualmente modesta della Signora (lasciatemi tradurre così l'inglese Lady, offensivo perché tratto dal linguaggio che parla il Grande Satana americano) emerge una grandissima, affascinante spiritualità, una gentilezza antica, la luce della bontà. Ecco perché quel nanerottolo di suo marito la tiene chiusa in casa, povera cocca; perché ha paura che un'anima più nobile della sua possa affascinare l'affascinante signora. Amor ch'a nullo amato amar perdona... Per fortuna che fitti veli neri la avvolgono, moderando il suo splendore, e che una guardia del corpo ne limita i movimenti, se no, sai che sfracelli.
Indagando nel fondo del mio cuore, sono andato ancora più in là di questa fortissima impressione. Se ha ragione Hegel e la bellezza è l'incarnazione sensibile dell'idea, quale potrebbe essere, mi sono chiesto, l'idea che rappresenta in maniera così sublime la nostra dolcissima Azam (nome omen: l'appellativo Azam non vi fa venire in mente per omofonia il bellissimo verbo italiano azzannare?). Be', credo di averlo capito, la favolosa Azam è l'espressione di un personaggio delle fiabe. Al momento sono incerto fra la regina di Biancaneve (ve la vedete davanti allo specchio, rigorosamente sotto velo, pronunciare la celebre frase "specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame"?) e una delle tre streghe del Macbeth (senza dubbio la più importante, quella che dice "Fair is foul, and foul is fair" ovvero, più o meno "il bello è brutto, il brutto è bello", o forse "il male è bene, il bene è male"). Ho anche pensato al coccodrillo con la sveglia di Peter Pan, alla Gorgona, insomma a quelle cose lì. "Il brutto è bello". Capite che il mio cuore è in tumulto. Resta il fatto che anche nei miei incubi peggiori non ho avuto un'impressione più forte di quella della dolce Signora. Mi basta pensarci e mi dà un senso di oppressione al petto: bellissimo. Capisco anche perché abbia parlato a un vertice sulla fame del mondo: con quel velo lì, ti fa passare subito l'appetito...
Mi scuserete, devo andare, forse ho visto troppi film di Woody Allen, ma quando contemplo la fotografia di Azam mi viene una gran voglia di costruire una bomba atomica e di farla esplodere su qualche città. Vado dalle parti di Qom a costruire un sito segreto atomico anch'io e poi faccio saltare il mondo contemplando la sua dolce immagine da capo della banda Bassotti. Magari poi viene il tredicesimo imam e ci salva tutti quanti, che ne dite?

Ugo Volli

Se poi magari salta fuori qualcuno a ricordarsi che Puff, in tedesco, vuol dire bordello …

               
          Soraya (puah che schifo)                                                                                         Farah Diba (puah che schifo)

                                                  
                                                    Azam al-Sadat Farahi (mmmmmh!)

barbara

sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA