.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


10 novembre 2011

IL REDIVIVO TIBURTINO

Dove può andare un comunista in fuga da un’Italia sempre più devastata da quei disordini che porteranno in breve al trionfo del fascismo? È chiaro: nel paradiso comunista! Ed è lì che ripara infatti Dante Corneli. È là che trova rifugio, in una Unione Sovietica che, uscita a pezzi dalla prima guerra mondiale e dalla successiva guerra civile seguita alla rivoluzione d’Ottobre, sta faticosamente tentando di costruire il suo paradiso in terra. E pare, all’inizio, che ci si stia provando davvero, che si cerchi di costruire una società più giusta, che si ponga rimedio agli errori precedenti, che avevano causato un peggioramento delle condizioni economiche, ed effettivamente le condizioni di vita pian piano migliorano; quelli che fino a ieri erano stati gli ultimi, gli oppressi, cominciano ad avere voce in capitolo, a partecipare alle decisioni importanti, ad occupare ruoli adeguati alle loro capacità. All’inizio... Ben presto però prevalgono altre priorità, altri interessi, e iniziano le censure, le discriminazioni, le decisioni arbitrarie, i controlli, le delazioni, le spiate, gli arresti, gli interrogatori, le accuse deliranti, le torture, gli imprigionamenti, le deportazioni. L’inferno in terra. Nel quale sprofonda anche Dante Corneli, che dell’inferno sovietico conosce tutti i gironi, fino alla Siberia, fino al prolungamento indeterminato della detenzione, anche dopo avere scontato tutta la pena. E quando finalmente arriva la tanto sospirata libertà, ecco la residenza coatta, con l’obbligo di firma e il divieto di spostarsi, e ed ecco, quando sembrava di poter nonostante tutto ricostruirsi un’esistenza quasi decente, l’ennesimo arresto, l’ennesima deportazione, in un incubo che ha termine solo con la morte di Stalin. E che cosa fa a questo punto il nostro Dante Corneli? Dopo avere visto e vissuto sulla propria pelle le aberrazioni del comunismo, dopo avere assistito a un vero e proprio sterminio di massa di tutte le migliori teste e le migliori coscienze del Paese, che cosa fa? Chiede di essere riammesso nel partito, dimostrando che la sua condanna è stata un errore e che lui è sempre stato un buon comunista. Quos vult iupiter perdere...
Si è riscattato, in compenso, molti anni dopo, ma questo ve lo mostrerò domani.

Dante Corneli, Il redivivo tiburtino, liberal libri



barbara


27 novembre 2009

27 NOVEMBRE 1951: IL COMPLOTTO DEI MEDICI EBREI

Il «complotto dei medici»: l'ultima vendetta di Stalin

Avvicinandosi alla fine della sua vita, l'antisemitismo di Stalin aveva assunto una forma ancora più virulenta e il dittatore viveva ormai ossessionato dall'idea di una cospirazione da parte degli ebrei. Sebbene fin dal 1949 si fossero verificati arresti di alcune im­portanti personalità ebraiche, il primo segno che la cosa poteva svi­lupparsi in un'epurazione a largo raggio si ebbe il 27 novembre del 1951 con l'arresto di Rudolf Slànsky, segretario generale del partito comunista cecoslovacco, e del suo vice Bedrich Geminder, entrambi ebrei e legati a Beria e all'MGB. Infatti, con l'approvazione di que­st'ultimo, avevano creato in Cecoslovacchia un centro per l'invio di aiuti e armi a Israele durante il conflitto con gli arabi scoppiato alla fine della guerra. Essendo ormai del tutto mutato l'atteggiamento, un tempo favorevole, di Stalin nei confronti di Israele, Slànsky e Ge­minder vennero accusati, tra l'altro, di «cosmopolitismo», «sioni­smo» e di perseguire una politica antiaraba.
Il procedimento di incriminazione era stato allestito da Abakumov che, nel 1949, aveva inviato due suoi funzionati dell'MGB, V.I. Kornarov e M.T. Lihacev, a Praga per sovrintendere a un'indagine relativa a un'accusa di cospirazione internazionale nell'ambito dei circoli governativi cecoslovacchi. Presto i funzionari vennero richia­mati e, dopo la destituzione di Abakumov, arrestati. Furono rim­piazzati da un altro dei consiglieri dell'MGB, VA. Bojarskij, ma nel­l'autunno del 1951 (subito dopo il cambio al vertice dell'MGB) anche a lui vennero mosse critiche per aver ostacolato un'indagine su Slànsky e fu richiamato in patria. Suo sostituto venne nominato Aleksej Bescastnov, un funzionario dell'MGB che durante la guerra aveva lavorato con il protetto di Kruscev, Leonid Breznev. Bescast­nov, che avrebbe fatto con Kruscev prima e Breznev poi una splen­dida carriera nell'organizzazione della polizia per la sicurezza dello stato, si occupò del procedimento contro Slànsky con grande ener­gia. Fu necessario più di un anno per la preparazione del processo, che ebbe luogo tra il 20 e il 27 novembre del 1952; vi comparvero quattordici imputati, undici dei quali ebrei. Slànsky, Geminder e nove altri, presentati come «praticanti del sionismo», furono con­dannati a morte con l'accusa di alto tradimento e spionaggio. Più tardi, alla caduta di Beria, si disse che Slànsky fosse stato un suo uo­mo e fu accusato di aver introdotto in Cecoslovacchia i metodi del suo mentore.
Il processo di Praga può essere considerato come un'anticipazio­ne del successivo dibattimento relativo al «complotto dei medici» che si sarebbe svolto a Mosca. Infatti, l'accusa formulata durante il processo praghese, di assassinio politico per opera di alcuni dottori, e quella di sionismo sarebbero divenute il tema centrale anche di quel procedimento. Esistono persino prove che in questo secondo processo venissero usate alcune deposizioni e vari testimoni del «caso Slànsky». Nel frattempo, in Unione Sovietica si era intensificata la campagna contro il sionismo e il «cosmopolitismo». Durante il maggio-giugno del 1952 il tribunale militare della corte suprema dell'URSS prese in esame il procedimento contro quindici persone collegate al comitato ebraico antifascista. Il 3 aprile Ignat'ev aveva inviato a Stalin le prove scoperte dal procuratore con una lettera di accompagnamento in cui si suggeriva che venissero condannati a morte tutti gli imputati eccetto uno, L. Stern. Il principale elemento di colpevolezza consisteva in una proposta fatta dalla leadership del comitato a Stalin, nel febbraio del 1944, perché venisse istituita in Crimea una Repubblica ebrea. Il tribunale militare condannò a mor­te, nel luglio del 1952, tredici imputati. Alla fine di novembre la stampa ucraina dava l'annuncio che a Kiev molti ebrei erano stati a loro volta condannati a morte da un tribunale militare per «ostruzio­nismo controrivoluzionario». A questo seguì, ai primi di gennaio del 1953, un minaccioso articolo apparso sull'autorevole organo del partito «Kommunist», scritto dal secondo segretario del comitato di partito di Leningrado, Frol Kozlov. Kozlov ricordava i capi di par­tito dell'Europa orientale, tra cui Slànsky, che erano stati smaschera­ti come cospiratori. Sollecitava che si attivasse la massima vigilanza contro simili nemici dell'Unione Sovietica, e allo stesso tempo face­va un mirato riferimento a un ebreo comunista che era stato denun­ciato anni prima come «provocatore».
Il 13 gennaio del 1953 sulla stampa sovietica apparve l'annuncio ufficiale dell'esistenza di un «complotto dei medici», che più tardi si scoprì essere stato architettato in realtà da Ignat'ev e dal suo vice, Rjumin. Vi si sosteneva che un gruppo terroristico composto da medici, «che avevano il fine di troncare la vita di personaggi pubbli­ci attivi sulla scena dell'Unione Sovietica sabotando le terapie a cui erano sottoposti», era stato scoperto «qualche tempo prima». Secon­do questo proclama, tra le vittime del complotto andavano enume­rati i capi partito Zdanov e Scerbakov, ai quali si diceva fossero state prescritte droghe controindicate per i gravi malanni da cui erano af­flitti. Si riteneva che i medici avessero anche cercato di minare la sa­lute di molti tra i più importanti ufficiali dell'esercito, ma che l'arre­sto aveva mandato a monte i loro piani. Sebbene non si specificasse che sei dei nove dottori accusati erano ebrei, la presenza di questi ul­timi veniva messa in particolare risalto sottolineando che avevano collegamenti di carattere cospiratorio con il comitato antifascista ebraico, bollato come organizzazione nazionalista borghese ebraica impiantata dai servizi di spionaggio americani. Questo annuncio, che fu seguito da ulteriori arresti di medici ebrei, scatenò un parossi­smo di antisemitismo in tutta l'Unione Sovietica. A quanto pare, lar­ghi strati della popolazione sovietica erano disposti a credere alla favola dei medici assassini e di una cospirazione capeggiata dagli ebrei. (Amy Knight, Beria, Mondadori, pp. 202-205)

Il 24 marzo [1953, Beria] sottopose al presidium un documento nel quale avan­zava una richiesta di amnistia per un ampio numero di prigionieri: secondo questo documento, dei circa 2.526.402 internati nei campi di lavoro solo 221.435 erano effettivamente «criminali di stato di parti­colare pericolosità», confinati nei campi speciali dell'MVD; la mag­gior parte degli altri non rappresentava un serio pericolo né per lo stato né per la società. Il 27 marzo il presidium approvò con un decreto la liberazione di quanti erano stati condannati a pene inferiori ai cinque anni, delle madri con figli al di sotto dei dieci anni, delle donne incinte e dei giovani con meno dì diciotto anni: in totale circa un milione di prigionieri. Anche prima dell'amnistia, nei campi si era verificato un certo rilassamento delle misure restrittive; secondo un giovane austriaco internato in Siberia, subito dopo la morte di Stalin i regolamenti di prigionia vennero notevolmente allentati an­che per i detenuti politici. All'improvviso venne concesso ai prigio­nieri di avere il necessario per scrivere, ricevere pacchi da casa e vi­site dei parenti.
Ma la novità più sensazionale, resa pubblica dalla «Pravda» il 4 aprile, fu il formale ripudio dell'esistenza di un «complotto dei me­dici» e la riabilitazione degli imputati arrestati. È significativo che l'annuncio apparisse sotto forma di un comunicato dell'MVD, ren­dendo così palese che era opera di Beria. Vi si legge:

È stato stabilito che le testimonianze degli arrestati, che in apparenza con­fermavano le accuse contro di loro, siano state ottenute da funzionari del di­partimento di investigazione dell'allora ministero per la Sicurezza dello stato con metodi di indagine del tutto illegali, assolutamente vietati dalla legge sovietica [...]. Le persone accusate di aver tenuto un comportamento scorretto nello svolgimento delle indagini sono state arrestate e incriminate. (ivi, pp. 222-223)

Come già detto in altra occasione su questi schermi, quella particolare psicopatia che va sotto il nome di antisemitismo provoca terrificanti deliri. E come l’affetto da delirium tremens vede arrampicarsi sul suo corpo orride e schifosissime bestiacce che in realtà esistono solo nella sua mente malata, così accade all’antisemita.
E poi, naturalmente, tanto per non perdere le buone abitudini, altro giro altro antisemitismo, qui.


barbara


12 ottobre 2009

ANTISEMITISMO STALINIANO

Primi segnali di antisemitismo

Queste interferenze nelle sfere di influenza di Beria potevano di per sé sembrare poco rilevanti e tutto sommato controllabili, ma nel­l'autunno del 1946 andò delineandosi un'altra situazione che per Beria avrebbe avuto conseguenze più profonde e durature: si tratta­va dell'elusiva ma inequivocabile campagna contro gli ebrei. Duran­te la guerra, la dirigenza sovietica aveva tollerato moderate espres­sioni di sentimenti nazionalisti allo scopo di mantenere unito il popolo sovietico nella lotta contro i tedeschi. Una volta sconfitta la Germania, tuttavia, l'implacabile battaglia contro tutte le forme di «deviazione nazionalista» riprese con forza, e Zdanov ne fu il prin­cipale sostenitore. Sebbene la campagna non fosse esplicitamente di­retta contro gli ebrei, le implicazioni antisemite erano evidenti. Ver­so la metà del 1946, sulla stampa sovietica cominciarono ad apparire diversi articoli che attaccavano scrittori, poeti e drammaturghi ebrei, che venivano accusati di essere apolitici e di esaltare la storia e lo stile di vita ebraici. Una simultanea campagna contro il «cosmopoliti­smo», ovvero l'influenza dell'Occidente in vari campi della lettera­tura e della ricerca, veniva anch'essa implicitamente diretta contro gli ebrei in quanto numericamente assai ben rappresentati tra gli in­tellettuali e gli studiosi; molti di loro furono personalmente fatti og­getto di critica.
Venne inoltre attivato un processo di epurazione del comitato an­tifascista ebraico dell'Unione Sovietica (AEKSS), struttura ufficial­mente organizzata durante la guerra con lo scopo di raccogliere il sostegno della comunità ebraica allo sforzo bellico. Il 12 ottobre del 1946, non molto tempo dopo la nomina di Abakumov a capo dell'mgb, questa organizzazione presentò alla dirigenza del partito e al consiglio dei ministri una nota «Sulle manifestazioni nazionalistiche di alcuni lavoratori del comitato antifascista ebraico». Poche setti­mane più tardi da parte della segreteria del comitato centrale venne presentata a Stalin una proposta nella quale si raccomandava lo scioglimento dell'AEKSS. Sotto la direzione di Abakumov, l'MGB co­minciò a raccogliere prove incriminanti contro i membri del AEKSS, che vennero accuratamente trasmesse alla segreteria. Il segretario del cc, Zdanov, ebbe un ruolo chiave, almeno inizialmente, in questa campagna: poiché Malenkov, che si trovava in Asia centrale, era in discredito, la maggior parte delle informazioni raccolte tra il 1946 e l'inizio del 1948 sull' AEKSS furono indirizzate a Zdanov.
Le tendenze antisemite dell'apparato dirigente del Cremlino di­vennero minacciosamente chiare nel gennaio del 1948 con l'assassi­nio di Solomon Mihoels, direttore del teatro yiddish di Mosca e pre­sidente del comitato. Più di qualsiasi altro Mihoels simboleggiava, in Unione Sovietica, la causa ebraica. Si era recato a Minsk, in Bielo­russia, insieme al critico teatrale ebreo V.I. Golubov-Potapov; secon­do il rapporto ufficiale i due erano stati fatti uscire dall'albergo per partecipare a una riunione urgente ed erano stati uccisi in strada da un camion, che si era poi eclissato. Dopo la morte di Stalin, tutta­via, Beria riuscì a scoprire la verità e la riferì in una lettera a Malenkov. Durante l'interrogatorio di Abakumov, che nel 1951 era stato arrestato, Beria aveva appreso che era stato proprio Stalin a or­dinare di uccidere Mihoels: l'incarico era stato condotto a termine dal viceministro per la sicurezza dello stato, S.I. Ogol'cev, e dal capo dell'MGB locale, Canava. Mihoels e il suo compagno erano stati cari­cati su un'automobile e condotti alla dacia di Canava fuori Minsk dove erano stati assassinati; i loro corpi erano stati poi gettati sul bordo di una strada. Quando Beria venne a sapere della complicità di Canava, ordinò che quest'ultimo venisse tratto in arresto insieme a Ogol'cev.
Molti ritennero Beria responsabile dell'omicidio in quanto capo dell'apparato di polizia, ma la sua lettera dimostra che il complotto era stato portato avanti a sua insaputa. Di fatto aveva ben poco da guadagnare da quell'azione; nel 1942 aveva appoggiato l'idea di isti­tuire il comitato antifascista ebraico con lo scopo di controllare i con­tributi per lo sforzo bellico che provenivano dagli ebrei sovietici an­cora in patria e da quelli all'estero e, anche in seguito, aveva mantenuto contatti diretti con l'AEKSS. In realtà sembra che fosse addirittura favorevole alla loro causa; nel maggio del 1944 Mihoels aveva scritto a Molotov una lettera lamentando discriminazioni con­tro gli ebrei nell'Ucraina liberata. Ricevutane una copia, Beria inviò al capo del partito ucraino Kruscev istruzioni perché «prendesse le misure necessarie per migliorare le condizioni di vita e di lavoro de­gli ebrei nelle zone liberate di recente».
Le descrizioni dell'aspetto fisico di Beria concordano spesso sul fatto che egli presentasse caratteristiche somatiche ebraiche e corse anche voce che egli fosse effettivamente ebreo. Benché tali dicerie sembrino prive di fondamento, il fatto stesso che circolassero può indicare che nella mentalità popolare Beria fosse in qualche modo associato agli ebrei. Vi è anche motivo di credere che aiutasse gli ebrei georgiani. Il giornalista americano Harrison Salisbury, che aveva visitato la Georgia dopo la guerra, aveva scoperto che Beria, come capo del partito locale, aveva suggerito un programma di ria­bilitazione per gli ebrei georgiani; il programma comprendeva la creazione a Tiflis di una società di assistenza e di un museo etnologico ebraici. Possiamo aggiungere inoltre che il marito di sua sorella era ebreo e che Beria aveva avuto nelle sue file vari rappre­sentanti di quel popolo: Mil'stejn, Rajhman, Mamulov, Sumbatov-Topuridze e N.I. Ejtingon, per citarne soltanto alcuni. Alla fine degli anni Quaranta, come conseguenza della campagna antisemita, mol­ti ebrei persero il proprio lavoro, mentre questi uomini riuscirono a cavarsela.
Questo non significa che Beria si sia sempre dato molto da fare in difesa degli ebrei: dopotutto, in ottemperanza agli ordini di Stalin aveva fatto deportare diecimila ebrei polacchi e ucraini in Siberia tra il 1940 e il 1941. Non evitava neppure commenti di carattere antisemita nei confronti dei colleghi ebrei. Secondo Molotov, Beria defini­va Kaganovic a sua insaputa: «Quell'israelita di Lazar'». Tuttavia, forse per motivi di calcolato opportunismo, aveva mantenuto una politica nei confronti degli ebrei che, rispetto a quella di Zdanov, poteva essere considerata moderata. (Da “Beria”, di Amy Knight, pp. 174-177)

Affinché serva da promemoria a tutti coloro che continuano a propagare la leggenda che solo il fascismo sarebbe antisemita. Affinché serva da promemoria a tutti coloro che continuano a propagare la leggenda di una sinistra naturaliter antirazzista, antidiscriminatoria, anti-antisemita. Affinché serva da promemoria a tutti coloro che favoleggiano di una sinistra immacolata, monda di ogni peccato. Oggi è il 12 ottobre, il giorno giusto per ricordare l’inizio di una campagna che avrebbe travolto l’intero ebraismo sovietico e si sarebbe attenuata (attenuata, non spenta) solo con la morte di Stalin.


Lapide commemorativa di Solomon Mihoels nella casa in cui era nato il 16 marzo 1890, a Daugavpils

Sempre in tema di antisemitismo, più o meno esplicito o più o meno mascherato, c’è da leggere come sempre lui e poi

MEMENTO: +42.

barbara


13 agosto 2009

BERIA

Nel destino toccato a Beria e ai suoi colleghi della GPU c’è, naturalmente, una forma di elementare giustizia, ma sarebbe stato più equo se fossero state le sue vittime, e non i suoi complici, a comminare la meritata punizione. (Charles Bohlen, ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca, al segretario di stato, dicembre 1953)

Può sembrare strano che uno dei peggiori macellai del secolo, cinico, sadico, persecutore implacabile dei propri nemici e anche di chi, semplicemente, poteva fargli ombra e rallentare la sua carriera, freddo torturatore, rotto a ogni infamia, possa essere associato a qualcosa di positivo. Eppure è così: fra i nomi che contano nell’Unione Sovietica del Grande Terrore, in quell’immenso baratro di infamia, Beria è uno dei pochissimi cui si possa attribuire qualcosa di buono. E non è certo di grande conforto sapere che coloro che hanno posto fine al suo potere e ne hanno preso il posto erano, se possibile, ancora peggio di lui.
Scritto dopo il crollo dell’Unione Sovietica e la conseguente, sia pure parziale, apertura degli archivi, Beria rappresenta, anche per chi già a lungo si è occupato di queste tematiche, una lettura veramente interessante, con notevoli squarci di luce su un mondo tuttora troppo in ombra.

Amy Knight, Beria, Mondadori



barbara


29 ottobre 2008

NON SCHIFIZZIAMO LA RIVOLTA

Protagonista di questa storia è quella che, fino al giorno in cui mi sono decisa a sbatterla fuori da casa mia, ho chiamato la mia amica comunista. Non per il fatto in sé di essere comunista – lo ero anch’io quando ci siamo conosciute – ma perché appartiene a quella categoria di individui che si sono tranquillamente digeriti le purghe staliniane, i manicomi di Breznev, i massacri di Budapest, i carri armati a Praga, l’invasione e la distruzione dell’Afghanistan, le repressioni con annesso massacro di Lettonia, Estonia, Lituania, Uzbekistan, Tagikistan, Azerbaigian, Georgia … Poi un bel giorno il signor Gorbaciov ha proclamato urbi et orbi che il comunismo è una brutta cosa e quel giorno lei ha scoperto che il comunismo è una brutta cosa. Continuando comunque a leggere l’Unità per sapere che cosa doveva pensare di questo e di quello, e così quando Occhetto è andato in America e l’Unità ha ammorbidito i toni del suo antiamericanismo, anche lei è diventata un po’ meno antiamericana, salvo ridiventarlo poi a tutto tondo quando, all’inizio della guerra per liberare il Kuwait, l’Unità ha dato il contro-contrordine compagni. Va da sé che per una personaggia di tal sorta i giovani hanno sempre ragione e i vecchi hanno sempre torto, a prescindere, e gli studenti hanno sempre ragione e i professori sempre torto, gli operai hanno sempre ragione e i padroni sempre torto, gli inquilini hanno sempre ragione e i padroni di casa sempre torto. Anche gli ebrei hanno sempre ragione. Ed è così accaduto una volta che mi sono sentita dare della razzista antisemita perché parlando di un certo tale avevo detto che era un emerito coglione. Si dava il caso che il coglione in questione fosse ebreo, e questo mi toglieva automaticamente il diritto di chiamarlo coglione, perché se uno oltre ad essere coglione si trova casualmente ad essere anche ebreo, non si può più dire che è coglione, o yes.
L’episodio di cui vado a narrare si riferisce a una delle tante mobilitazioni studentesche autunnali. Perché in autunno ci si mobilita, è così che funziona: con o senza riforme, con o senza decreti, con o senza nuovi ministri, con o senza tagli, con o senza proposte di cambiamenti, quando arriva l’autunno ci si mobilita, si sciopera e si okkupa. Insieme alla caduta delle foglie e alle passerelle con la presentazione della moda primavera-estate. Da tempo immemorabile. Mi ricordo un anno che di pretesti per una mobilitazione proprio non se ne riuscivano a trovare neanche col lanternino; però in compenso c’erano delle mobilitazioni in Francia, e allora si sono mobilitati inalberando cartelli e striscioni che proclamavano: “Parigi chiama, Roma risponde”. Poi quando arrivano le vacanze di Natale Gesù Bambino fa il miracolo di rimettere tutto a posto e le mobilitazioni rientrano. Chissà come mai proprio in quel periodo lì. Vabbè. Era dunque in corso questa mobilitazione, forse la Pantera, forse chissà, col solito armamentario di scioperi e occupazioni e autogestioni e studenti in piazza e cortei eccetera eccetera. Sento alla radio gli aggiornamenti sulle manifestazioni e viene intervistata una studentessa.
D. Voi perché protestate?
R. Epperché sce stanno i programmi che nun vanno bbèèène.
D. Cioè?
R. Eccioè sce stanno i programmi che nun vanno bbèèène.
D. Per esempio?
R. Epperesèèèmpio ciabbiamo i labbboratori che nun ce stanno i microscopi, cose così …
L’ho raccontato alla mia amica comunista, e lei mi ha risposto: “Ben ben ben, dai, non sta’ far la qualunquista come al tuo solito”. C’era stato un tempo in cui quando non si era d’accordo con l’interlocutore, immediatamente si veniva bollati come fascisti, qualunque fosse il motivo del disaccordo. Poi è venuto di moda qualunquista, e quello era appunto il tempo del qualunquista. E per dimostrarmi che facevo malissimo a non credere alla serietà e consapevolezza degli studenti, mi ha detto con orgoglio: “Da noi in facoltà per esempio hanno messo un bellissimo cartello con su scritto «Non schifizziamo la rivolta»! Le ho chiesto: e tu quando l’hai visto non hai vomitato? Non ha capito di che cosa stessi parlando.
Attualmente è impegnata a tempo pieno – ancora più pieno da quando è andata in pensione - a compiangere quei poveri kamikaze palestinesi talmente ridotti alla disperazione dai nazisti con la stella di David da non avere più altro desiderio che di morire – e badate bene che non sto interpretando le sue esternazioni: la sto citando alla lettera.

barbara


16 maggio 2008

DUE PESI E DUE MISURE? NOOOOO, MA QUANDO MAI!!

1. L’Italia ha aggredito la Yugoslavia, ha perso la guerra, e di conseguenza ha perso l’Istria e la Dalmazia, passate alla Yugoslavia. Centinaia di migliaia di italiani hanno dovuto abbandonare quelle terre, lasciandovi case, negozi, fabbriche, terreni e ogni altra proprietà. A nessuno è mai passato per la testa di reclamare la restituzione di quelle terre all’Italia. A nessuno è mai passato per la testa di chiedere un qualsiasi risarcimento per quei profughi, meno che mai a qualcuno è venuto in mente di invocare un ridicolo e grottesco “diritto al ritorno”, o di istituire un’apposita agenzia dell’Onu che in nome e per conto di questi profughi facesse girare miliardi di dollari.
2. La Germania ha aggredito la Polonia, ha perso la guerra, e di conseguenza ha perso la Prussia orientale, passata alla Polonia. Milioni di tedeschi hanno dovuto abbandonare quelle terre, lasciandovi case, negozi, fabbriche, terreni e ogni altra proprietà. A nessuno è mai passato per la testa di reclamare la restituzione di quelle terre alla Germania. A nessuno è mai passato per la testa di chiedere un qualsiasi risarcimento per quei profughi, meno che mai a qualcuno è venuto in mente di invocare un ridicolo e grottesco “diritto al ritorno”, o di istituire un’apposita agenzia dell’Onu che in nome e per conto di questi profughi facesse girare miliardi di dollari.
3. Il Giappone NON ha aggredito l’Unione Sovietica. Però ha perso la guerra. E ha dovuto cedere le isole Kurili all’Unione Sovietica, che gli aveva dichiarato guerra pochi giorni prima della capitolazione, all’unico scopo di impossessarsi di quelle isole. A nessuno è mai passato per la testa di reclamare la restituzione di quelle isole al Giappone.
4. Il numero quattro completatelo voi, che siete sicuramente molto più bravi di me.

barbara

sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA