.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


2 settembre 2009

GHEDDAFI

E dopo la storia romanzata, la Storia-Storia, in queste ricche pagine di Angelo Del Boca: la storia di Gheddafi tutta intera, senza sconti né per lui, né per i suoi avversari. Gheddafi poverissimo figlio di beduini cresciuto in una tenda – e la tenda, anche in vecchiaia, continuerà a preferire alle costruzioni in muratura, per alloggiarvi e dormirvi. Gheddafi che con sacrifici immensi riesce a studiare. Gheddafi con un nonno e un prozio uccisi dagli italiani in scontri a fuoco, un prozio impiccato dagli italiani, il padre ferito dagli italiani, lui, bambino, ferito e due cuginetti uccisi dall’esplosione di una mina italiana (tra noi e gli inglesi ne abbiamo lasciate 15.000.000, QUINDICI MILIONI). Gheddafi dalla profonda e intensa religiosità. Gheddafi che progetta e organizza e guida un colpo di stato per spazzare via la corruzione, per inaugurare una società giusta, con le coscienze guidate dalla religione e la politica governata da leggi eque mentre la sharia rimane fuori dalla porta. E … Gheddafi che ad un certo punto cambia traiettoria. Gheddafi ondivago che alterna discorsi violentissimi e minacciosi a inaspettate mani tese di cui, a questo punto, nessuno si fida. Gheddafi che comincia a non tollerare più alcuna opposizione, in un crescendo che arriverà fino all’eliminazione fisica, in patria e all’estero, di ogni oppositore. Gheddafi che diventa a poco a poco dittatore e padrone assoluto della Libia. Gheddafi che sostiene e finanzia organizzazioni terroristiche in tutto il pianeta. Gheddafi che accentua e snatura la propria devozione religiosa fino a trasformarla in fanatismo.
In una sola cosa, dalla prima giovinezza alla vecchiaia, Gheddafi non cambia mai: la propria ossessione antiisraeliana. Che non è serena critica di eventuali errori o torti di Israele; non è sollecitudine per i fratelli palestinesi; non è desiderio di pace in quella tormentata regione, no: è proprio ossessione isterica, che lo porta a reagire violentemente a ogni tentativo di arrivare a un accordo di pace, dato che l’unico obiettivo da perseguire, per lui, è la distruzione di Israele.
Angelo Del Boca, dalle dichiarate e manifeste simpatie terzomondiste, non risparmia certo critiche e strali agli avversari di Gheddafi, ma è storico troppo onesto per non riportare i fatti con la massima oggettività possibile concedendosi, al massimo, la soggettività di qualche giudizio a margine. Per questo anche il libro su Gheddafi, come tutti gli altri suoi, merita un’attenta lettura.

Angelo Del Boca, Gheddafi, Laterza

(E poi, naturalmente, vai a leggere qui)

barbara


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Angelo Del Boca Gheddafi Laterza

permalink | inviato da ilblogdibarbara il 2/9/2009 alle 14:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 ottobre 2008

CON L’ETIOPIA ABBIAMO PAZIENTATO QUARANT’ANNI, ORA BASTA

Adesso vi racconto una storia, volete sentirla? No? Vabbè, peggio per voi, tanto ve la beccate lo stesso. C’era dunque una volta un coglione, che adesso la sua nipotina attricetta fallita prestata alla politica se ne va in giro a dire ah come aveva ragione mio nonno a diffidare della grandeur francese e invece no, non è vero niente, suo nonno non diffidava affatto della grandeur francese, lui ne era invidioso fradicio, questa è la verità, e nel tentativo di emularla, la grandeur francese, ha distrutto una nazione, ma non è questa la storia che voglio raccontarvi, o meglio sì, la storia è questa, ma io ve la voglio raccontare da un altro punto di vista, e dunque sedetevi e aspettate, che adesso arriva.
C’era dunque una volta, oltre al suddetto coglione, un ente preposto alle pensioni. Era stato dotato di un cospicuo capitale, ed era stato messo in mano ad un gruppetto di amministratori – miracolo più unico che raro – abilissimi e onesti. Questi signori avevano accortamente investito i capitali, cosicché le pensioni potevano essere pagate con i frutti resi dagli investimenti, senza intaccare la base del capitale stesso, e i contributi versati dai lavoratori, non essendo necessari al pagamento delle pensioni, andavano a loro volta ad aggiungersi al capitale, che in tal modo continuava ad aumentare. Ebbene, che cosa ti va a capitare un bel giorno? Va a capitare che il coglione di cui sopra decide che con l’Etiopia abbiamo pazientato quarant’anni ora basta. Per via del fatto che quarant’anni prima l’Italia aveva tentato di colonizzare l’Etiopia – e a questo proposito c’è da precisare una cosa che nelle nostre storielle di colonialismo all’acqua di rose che troviamo nei libri di scuola e non solo è un po’ difficile da trovare, e la cosa è che l’idea di partenza era, semplicemente, di mandare gli italiani ad abitare lì, solo che a quelli che avevano deciso di colonizzare quell’area nessuno aveva detto che lì ci vivevano già gli etiopi. Quando hanno scoperto che quella terra non era vuota, hanno leggermente cambiato il programma, e il nuovo programma è diventato: prima fase, sterminio totale degli abitanti dell’Etiopia, seconda fase, loro sostituzione con gli italiani. Peccato, per loro, che si fossero dimenticati di domandare agli etiopi se erano d’accordo, e gli etiopi non lo erano e ad Adua, nel ’96, con le truppe del negus Menelik II, li hanno pestati di santa ragione.



Ecco. Passati quarant’anni – trentanove e mezzo per la precisione – il coglione semprelui decide che è arrivato il momento di riscattare l’onore della patria, e dà il via alla guerra d’Etiopia. Era il 2 ottobre 1935, e questo è il motivo per cui questa storia ve la state beccando proprio oggi e non ieri o dopodomani. Parte dunque la guerra che, essendo combattuta dalla civiltà contro i selvaggi, doveva essere una semplice passeggiata, ma in realtà le cose sono andate in modo un tantino diverso. Nonostante l’uso massiccio del gas che veniva irrorato su campi fiumi laghi pozzi sorgenti prati pascoli, senza risparmio e senza pietà; nonostante – contrariamente al detto “ a nemico che fugge ponti d’oro” – l’uso di inseguire i nemici in rotta per sterminarli fino all’ultimo uomo; nonostante la sistematica violazione degli impegni presi e della parola data, per poter uccidere più persone possibile; nonostante il sistematico bombardamento delle ambulanze per impedire il soccorso dei feriti in modo che anche questi morissero; nonostante la strage di Addis Abeba – quattromila morti secondo le stime più prudenti e fino a trentamila secondo alcune fonti, in pochi giorni, le persone chiuse nelle capanne cui veniva poi dato fuoco, esattamente come i nazisti con gli ebrei nell’Europa dell’est, la caccia all’uomo strada per strada, sotto l’attenta regia di Graziani, che un anno dopo avrebbe firmato il Manifesto per la razza -; nonostante con questi sistemi sia stato sterminato un quarto della popolazione etiope; nonostante tutto questo la vittoria non è stata affatto rapida e non è mai stata completa: le postazioni italiane erano ridotte a fortezze isolate, e tutto intorno fioriva la guerriglia. E dunque, per sostenere le spese di questa guerra infinita, costata quaranta miliardi di lire del tempo in cui si cantava se potessi avere mille lire al mese – e mille lire al mese per la stragrande maggioranza degli italiani erano pura utopia (mio padre nel ’37 ne guadagnava 300) - Mussolini ha dato fondo alle casse del ministero della guerra. E quando lì non c’è più stata una lira ha dato fondo alle casse del ministero degli esteri. E quando i soldi sono finiti anche lì, ha dato fondo a tutte le casse su cui è riuscito a mettere le mani. Comprese quelle dell’ente pensioni. Da allora l’ente pensioni non ha più avuto un capitale di riserva. Da allora le pensioni devono essere pagate con i contributi versati dai lavoratori. E dato che l’inflazione avanza, i prezzi aumentano, la vita si allunga, i lavoratori diminuiscono perché la gente ad un certo momento ha cominciato a fare meno figli, succede, inevitabilmente, che i contributi dei lavoratori non bastano a pagare le pensioni, e di conseguenza siamo nella merda fino al collo. Per via del fatto che un coglione un bel giorno si è svegliato con la luna di traverso e ha deciso che con l’Etiopia abbiamo pazientato quarant’anni ora basta.



(Se qualcuno, spinto da inestinguibile amor di patria o da indefettibile fede fascista o da congenita sfiducia nella mia persona, dovesse nutrire qualche dubbio sulla mia ricostruzione dei fatti o su qualcuno dei dettagli esposti, lo invito caldamente a leggere i libri di Angelo Del Boca sulle nostre guerre coloniali: lì non è semplicemente raccontato, bensì rigorosamente documentato. Io li ho letti 17 anni fa – e non avrei dovuto leggere perché ero a letto con una commozione cerebrale di quelle proprio toste che quasi non ero in grado di connettere e per andare in bagno dovevo appoggiarmi ai muri se no cadevo, ma l’ho fatto ugualmente, e non me ne pento. Sono parecchie migliaia di pagine, ma vale davvero la pena di affrontarle).



barbara

sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA