.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


3 agosto 2009

L’OSSESSIONE DELLE CONCESSIONI

di Albert Soued, http://symbole.chez.com per www.nuitdorient.com

26/07/09

Dal suo arrivo alla presidenza degli Stati Uniti, Hussein Obama si è allineato all’Europa per ciò che riguarda il conflitto arabo-israeliano, ossia, al di fuori della soluzione di due stati proposta da G. W. Bush nel 2002, promuovere una pace a qualunque costo ed esercitare pressioni sull’unico stato valido, Israele, per rendere valido un progetto che non lo è e … fargli pagare il prezzo di questo progetto e di questa pace.
L’ossessione di ottenere concessioni da una sola parte, Israele, allo scopo di rendere possibile un progetto zoppo e poco realistico, rischia di sfociare su un conflitto maggiore in Medio Oriente.
Il progetto è zoppo e non valido perché i palestinesi non lo accettano e contano su Hussein Obama per condurre “una jihad politica” in favore degli arabi in Terra Santa. Incapaci di costituire uno stato per diverse ragioni, tra le quali le divisioni tribali e ideologiche, i palestinesi cercano di destabilizzare lo stato d’Israele con mezzi politici e, per il tempo della presidenza Obama, pacifici, con l’obiettivo di creare, alla fine, un’entità che si sostituisca a Israele e inglobi vari stati della regione.
Per convincersene basta leggere le diverse recenti dichiarazioni dei loro dirigenti e, meglio ancora, di dirigenti arabi a loro favorevoli.
- Azmi Bishara è un ex deputato arabo della Knesset che è fuggito da Israele per non essere perseguito per “intesa con il nemico”, avendo comunicato informazioni sensibili a Hezbollah. Questo è ciò che ha detto in un’intervista riportata dal giornalista Yaron London: “Io non penso che esista una nazione palestinese. Ma esiste una nazione araba. Non penso che esista una nazione palestinese perché questa è un’invenzione coloniale. Da quando in qua ci sono stati dei palestinesi qui? Io penso che non c’è che un’unica nazione araba. Fino alla fine del XIX secolo la Palestina era la parte meridionale della Grande Siria.
- Kifah Radaydeh, un attivista del Fatah, ha affermato alla televisione pubblica dell’Autorità Palestinese (AP) che “La pace è un mezzo e non un fine. Il nostro obiettivo è tutta la Palestina … La lotta armata è sempre un’opzione disponibile, dipende dalla nostra capacità e dalle circostanze”.
- Il deputato del parlamento del Fatah, Najat Abou Baqr, ha precisato alla stessa televisione che l’obiettivo del Fatah restava sempre la distruzione di Israele, ma che la tattica del momento era di focalizzarsi su Cisgiordania e Gaza, “… ma questo non significa che noi non vogliamo tornare ai confini del 1948 (inglobare tutto Israele), ma l’agenda del momento è di dire che vogliamo le frontiere del 1967”.
- Mohamed Dahlan, membro eminente dell'AP, ha precisato che il Fatah non riconoscerà mai lo stato di Israele e che se l’AP ha finto di riconoscerlo è unicamente per il suo prestigio internazionale e per ricevere aiuti esterni.
- In un’intervista al quotidiano giordano Al Doustour il 25/06/09, Saeb Erekat, capo negoziatore palestinese, riferisce che Olmert aveva già offerto all’AP un territorio equivalente al 100% della superficie conquistata nel 1967, mediante uno scambio territoriale. Erekat spiega che l’AP non può accettare se prima non viene riconosciuta la sua sovranità su tutti i territori conquistati nel 1967! In più, data la costante erosione della posizione israeliana da Madrid in poi, qualsiasi proposta venisse formulata, era inutile precipitarsi ad accettarla. Ha inoltre precisato che il diritto al ritorno dei rifugiati in Israele era inalienabile, senza che siano escluse, in parallelo, delle compensazioni finanziarie: diritto al ritorno e compensazioni vanno di pari passo!
- Parimenti Saeb Erekat ha recentemente ricordato a Benyamin Netanyahu che i tempi sono cambiati e che ora deve tener conto del fatto che il nuovo ospite della Casa Bianca è Hussein Obama, e che l’epoca d’oro delle costruzioni in Giudea-Samaria è terminata, persino per la crescita naturale degli insediamenti.
In effetti tutti i fatti e le azioni degli israeliani a Gerusalemme e negli insediamenti vengono riportati direttamente al Dipartimento di Stato, persino quelli per i quali Israele aveva delle garanzie da un precedente governo americano. Che cosa valgono oggi, con Hussein Obama, le garanzie americane? (1)
Altra questione. Con quale diritto le nazioni occidentali si immischiano negli affari locali e privati di un altro stato? L’intervento di Washington e Parigi nell’affare privato dell’hotel Shepherd del quartiere Shimon Hatsadiq (Sheikh Jarrah), è una cosa scandalosa e idiota. Nel 1891 degli ebrei sionisti hanno creato un nuovo quartiere a Gerusalemme, acquistando dei terreni a 1400 m. a nord della Città Vecchia, terreni che hanno dovuto abbandonare all’epoca dei moti arabi degli anni Venti. Successivamente, negli anni Trenta, il mufti filonazista Haji Amin al Husseini, se ne impadronì per costruire un edificio che divenne l’hotel Shepherd. Dopo il 1967 i giordani, sconfitti, abbandonarono Gerusalemme est e la Giudea-Samaria che occupavano e questi terreni divennero, sul piano giuridico, “proprietà abbandonate”.
Un uomo d’affari americano, Irving Moskowitz, li ha riacquistati nel 1985 e ha affittato l’edificio alla polizia di frontiera fino al 2002. Due settimane fa ha ottenuto l’autorizzazione a ristrutturare l’albergo. Allora Mahmoud Abbas si è lamentato con gli americani che la creazione di 20 appartamenti e di un garage andava a modificare l’equilibrio demografico della città! Il seguito lo conosciamo: l’ambasciatore israeliano a Washington Michael Oren è stato convocato al Dipartimento di Stato e ugualmente quello di Parigi è stato convocato al Quai d’Orsay da Bernard Kouchner, ed è stato intimato loro di porre termine al progetto di trasformazione. (2)
Da quando è al potere, Obama non ha smesso di corteggiare gli arabi al fine di modificare l’immagine degli Stati Uniti presso di loro. A questo scopo continua a indirizzare loro discorsi televisivi. Ma poiché non ha ottenuto i risultati che si aspettava, per convincerli non ha trovato altro mezzo che di prendere partito per “i poveri palestinesi” e di attaccare Israele perché qualche roulotte occupa qualche arpento di terra in Giudea-Samaria, o perché a Gerusalemme si sono fatte evacuare delle case arabe insalubri, o perché si è modificato un edificio privato legalmente acquistato due volte nello spazio di un secolo per alloggiarvi degli ebrei.
Ora, con questa politica, Obama non fa che incoraggiare l’atteggiamento intransigente degli arabi nei confronti di Israele, mettendo quest’ultimo in pericolo. Con l’appoggio della maggioranza dell’opinione mondiale e di una precaria maggioranza americana, rischia di cadere in un’impasse e di scatenare un conflitto maggiore nella regione (3). Perché l’opinione israeliana è esacerbata per la questione dell’hotel Shepherd, e una gran parte della sinistra israeliana ha reagito negativamente ai comportamenti umilianti e ingiusti di Obama.
Dal 1967 Israele non ha mai smesso di fare concessioni: concessioni che non hanno portato a una vera pace ma solo a delle semplici tregue, che hanno obbligato questo stato a dedicare una parte molto importante delle sue risorse ad armarsi, a scapito della qualità della vita.
Se oggi il paese vota a destra, è perché sa che cedere ancora e ancora non gli porterà una vera pace e, come ha mostrato la lezione di Gaza, ciò rischia addirittura di condurlo verso l’irreparabile e irreversibile. Israele non farà più concessioni, poiché ha già raggiunto limiti che non si possono e non si devono superare. Col rischio di ritrovarsi da solo a difendere la propria causa, ma questa non è una novità …

Note

(1) In una lettera ad Ariel Sharon datata 14/04/04, G. W. Bush gli conferma che per tutti gli accordi riguardanti il conflitto arabo-israeliano occorrerà tenere conto delle realtà sul terreno, in particolare i blocchi di popolazione ebraica in Giudea e Samaria, che non è realistico tornare ai confini dell’armistizio del 1949 e che i confini fra Israele e la futura Palestina dovranno essere ridefiniti mediante negoziati. Per 5 anni le costruzioni effettuate in considerazione della crescita naturale della popolazione non hanno posto alcun problema agli americani, né ai palestinesi. I problemi sono cominciati con Obama, che vuole cambiare le carte in tavola. Hillary Clinton non vuole tenere conto della lettera di Bush. È stata contestata dal generale Elliott Abrams, negoziatore in Medio Oriente sotto Bush, in un articolo del Wall Street Journal in cui precisa che si trattava di un accordo bilaterale fra il presidente degli Stati Uniti e il primo ministro di Israele, l’evacuazione di Gaza contro l’invio di una lettera di impegno. A meno che gli Stati Uniti non siano diventati una repubblica delle banane.

(2) Questo atteggiamento ha sollevato indignazione in Israele e nel mondo ebraico e filosemita.

(3) Si è appena appreso che Hussein Obama avrebbe deciso di rinunciare alla sua politica di pressioni su Israele per ciò che riguarda gli insediamenti. Il “pappagallo del Quai d’Orsay” farebbe bene a imitarlo. (Traduzione mia)

È di qualche conforto constatare che c’è ancora qualcuno che ha conservato la capacità di vedere ciò che ha davanti agli occhi, e il coraggio di dirlo. Casualmente proprio oggi anche L’INEFFABILE SEMPRELUI ha scritto sullo stesso argomento, e naturalmente vi ordino tassativamente di andarlo a leggere.


barbara


21 giugno 2009

LIEBERMAN : «NESSUN PAESE AL MONDO HA MAI FATTO CONCESSIONI COME ISRAELE»

Giovedì 2 aprile 2009

Dice Lieberman: “Chi vuole la pace deve prepararsi alla guerra, deve essere forte. Non c’è un solo paese al mondo che abbia fatto concessioni come Israele. Dopo il 1967 abbiamo restituito territori grandi tre volte tutto Israele. Abbiamo dimostrato la nostra buona volontà. “Oslo” è iniziato nel 1993 e non mi sembra che siamo arrivati alla pace. In quale momento Israele è stata più popolare nel mondo? Dopo la guerra dei Sei giorni, e non dopo il 1° e 2° e 3° e 4° accordo di Oslo. A Roma dobbiamo comportarci come dei romani!”
Il capo della diplomazia israeliana ha poi precisato che lo stato ebraico rispetta la “continuità di potere”, ma che l’unico accordo che impegna Israele è la “road map”, altrimenti detta risoluzione 1515 del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, dato che il processo di Annapolis non ha mai ottenuto alcuna convalida ufficiale da un governo israeliano.
Quanto all’Egitto, Avigdor Lieberman – che in passato aveva invitato il presidente Hosni Mubarak ad “andare al diavolo” se non voleva venire in Israele – ha assicurato che si recherà volentieri al Cairo, ma che gli farebbe piacere che anche il ministro degli esteri egiziano facesse visita a Gerusalemme. “Io rispetto gli altri, e desidero essere rispettato da loro. Sono per il principio della reciprocità”, ha inoltre assicurato.
Rispondendo alla domanda di un giornalista sui colloqui di pace con la Siria, ha affermato di non avere “alcun problema a negoziare pace in cambio di pace, e non in cambio di concessioni territoriali”

fonte: israel-info
---
Premessa

Abbiamo riesumato un articolo datato 15/10/1991, scritto fra “Madrid e Oslo”, dopo la guerra del Golfo e apparso nella rivista MJLF nella primavera del 1992, perché le cause fondamentali del conflitto arabo-israeliano restano le stesse, con gli stessi attori, la stessa posta in gioco e le stesse minacce, con l’intermezzo di Oslo che ha complicato ulteriormente la situazione, avvicinando le minacce che pesano su Israele con un regime terrorista organizzato che oggi si trova in seno al paese mentre prima ne era al di fuori, e Saddam Hussein ancora più vicino al suo obiettivo di avere delle armi nucleari e batteriologiche efficaci … per ricattare il mondo libero e distruggere Israele.
Albert SOUED


TERRITORI PER O CONTRO LA PACE?

Dopo la guerra dei Sei giorni l’Onu ha adottato una risoluzione, la 242, e stabilito questi sette principi:
1. il carattere inammissibile di acquisizioni territoriali per mezzo della guerra
2. la necessità di operare per una pace giusta e duratura
3. il principio dell’evacuazione dell’esercito israeliano “da” territori occupati (1)
4. la fine dello stato di belligeranza, il rispetto della sovranità territoriale e dell’indipendenza politica di ogni stato della regione entro frontiere sicure e riconosciute, libere da ogni minaccia e da atti di “forza”
5. la garanzia di navigazione nelle acque internazionali
6. la soluzione giusta del problema dei rifugiati
7. la garanzia dell’inviolabilità territoriale e dell’indipendenza di ogni stato della regione mediante misure comprendenti la disposizione di zone demilitarizzate

Prima di analizzare questi 7 punti, occorre tornare indietro nella storia e ricordare che tutte le promesse fatte a Israele e tutti gli accordi d’armistizio o di pace si sono conclusi con delle riduzioni del territorio promesso a Israele o da esso controllato

Un po’ di storia

a) dopo il crollo dell’impero ottomano, la promessa di un focolare nazionale ebraico fatto da Lord Balfour, ministro di Sua Maestà, nel 1917 riguardava un territorio da dividere fra ebrei e arabi, comprendente la Palestina, la Giordania e la Mesopotamia con una superficie sette volte quella della Palestina del mandato britannico. Nel 1947, alla fine di questo mandato, non restava più che la Palestina; e l’Onu concede agli ebrei meno di 13.000 km² (2). La guerra imposta dagli arabi a Israele al momento della sua nascita nel 1948 permette a Tsahal di migliorare il tracciato di frontiere indifendibili e di includere nel territorio israeliano tutta la Galilea, divisa in modo irrealistico fra ebrei e arabi dai tecnocrati dell’Onu. Ciò porterà la superficie di Israele a un po’ più di 20.000 km², che è quella attuale. Ricordiamo qui che in occasione di questa guerra per la propria indipendenza, Israele ha evacuato una porzione del Sinai, conquistata all’Egitto!
b) Otto anni dopo, nel 1956, l’aggressione di Nasser che aveva chiuso a Israele le acque internazionali e nazionalizzato il canale di Suez, permette a Tsahal di conquistare tutto il Sinai. Che viene subito evacuato, senza contropartita, su pressione americana.
c) Undici anni dopo, nel 1967, lo stesso Nasser ci riprova, seguito dalla Giordania e dalla Siria. Tsahal occupa nuovamente il Sinai, più Gaza, la Giudea, la Samaria e il Golan. Al termine di questa guerra dei sei giorni, l’ONU vota la risoluzione 242. Ma Israele dovrà attendere ancora 12 anni i primi segnali di pace di un paese arabo, perché questa risoluzione abbia un inizio di applicazione.
d) Infatti, sei anni dopo, nel 1973, Sadat si avventura nella riconquista del Sinai, seguito dalla Siria che spera di recuperare il Golan. Sconfitti, l’Egitto e la Siria perderanno altre parti del loro territorio, che saranno però restituite subito dopo gli accordi armistiziali, senza contropartite.
L’ONU vota la risoluzione 338, che dà un carattere legale alla risoluzione 242 e che domanda negoziati “diretti” fra le parti.
e) Sei anni dopo, nel 1979, Sadat ha infine il coraggio di venire a firmare un trattato di pace e recupera tutto il Sinai, fino all’ultimo km²! Israele annette il Golan e Gerusalemme est, ossia circa 1000 km² e controlla Gaza, la Giudea e la Samaria, circa 6000 km².
f) Dodici anni dopo, indeboliti dall’avventura del Golfo e dal crollo del loro tutore sovietico, i paesi arabi confidano, nel 1991, di rispolverare il gioco di Sadat, che finalmente appare loro come un buon affare. Da qui la Conferenza di Madrid. Il momento sembra favorevole, perché gli israeliani sono rimasti traumatizzati dai 39 Scud ricevuti e dall’essersi dovuti rinchiudere nelle camere stagne con le maschere antigas.

Ma è davvero il momento di cedere ancora dei territori? L’ostilità degli arabi verso Israele sembra ancora oggi fondamentale. L’Egitto, il primo paese che ha superato il valico, ha ricevuto il “premio” della pace, ma ha creato un precedente con Israele, recuperando tutto il territorio rivendicato fino all’ultimo pollice.


Analisi della risoluzione 242 in relazione alla pace

Per quanto riguarda la pace, il dizionario Larousse dà della parola la seguente definizione: “stato di un paese che non è in guerra”, “ristabilimento definitivo di relazioni amichevoli, realizzato per mezzo di un trattato che generalmente contiene degli accordi finanziari e delle clausole territoriali”.
In ebraico la pace, “shalom”, ha, in senso lato, il significato di “saluto”, di “integrità fisica e morale”. È lo stesso per l’arabo, ma questa lingua include nella nozione di “salam” quella di “resa”, di “abbandono da parte dell’uno” e “presa di possesso da parte dell’altro”. Vi sono dunque delle differenze che sono tutt’altro che sfumature.
Preso atto di questo, analizziamo la risoluzione 242 punto per punto:

1. L’ONU non ammette che un territorio acquisisca un territorio per mezzo della forza. I testi internazionali precisano: “salvo quando la guerra è imposta da un paese terzo e la guerra è di difesa”. È il caso di Israele nelle quattro guerre imposte dagli arabi. Inoltre nel 1948, nel 1956, nel 1973 Israele ha restituito dei territori importanti conquistati, senza contropartita.
2. Una pace giusta e duratura: nel linguaggio arabo, che veicola il suo subcosciente, chi vuole la pace deve fare un atto di resa. Infatti è l’Altro che chiede la pace, e la riceve a certe condizioni (spesso di tratta di una tregua o di uno stratagemma di guerra).
L’esempio della pace con l’Egitto è eloquente: un trattato di non belligeranza migliorato, senza relazioni amichevoli, né commerciali, un turismo a senso unico, un nuovo e virulento antisemitismo nei media e dalle elites.
Così un territorio è un valore concreto e tangibile. La pace è un concetto astratto e relativo, che può essere inteso in modi diversi.
3. Evacuazione di territori occupati: che sia per atavismo, o per estrapolazione dal passato, nel quadro di nuovi trattati di pace (3) Israele sarà indotta a cedere del tutto o in parte i territori annessi o controllati.
Nessuno piangerà Gaza la filistea, e d’altra parte nessun paese arabo la vuole. Ma la Giudea, la Samaria, Gerusalemme e anche il Golan fanno parte dell’eredità di Abramo e rappresentano il cuore storico, affettivo e metafisico di Israele. Cederli in cambio di vaghe promesse di pace rappresenterà uno strappo gravido di conseguenze.
4. Gli “atti di forza” degli arabi attraverso le frontiere di Israele non sono mai cessati dal 1917. La pace con l’Egitto non ha impedito gli atti di forza e nessun trattato sarà in grado di dare garanzie in merito (4).
5. 6. 7. Questi punti non toccano problemi scottanti e possono, in linea di principio, essere risolti con la buona volontà delle parti e i soldi del ‘‘grande fratello’’ americano (5).


Territori per o contro la pace?

Infatti questi due concetti di “territori” e di “pace” non sono comparabili ed è assurdo accostarli essendo l’uno, il territorio, tangibile mentre l’altro, la pace, non lo è, e dipende dall’umore del momento e dall’interlocutore.
Il giorno in cui l’Arabia Saudita non domanderà più a un turista il certificato di battesimo per ammetterlo nel suo territorio, il giorno in cui questo paese smetterà di finanziare le fucine (moschee, scuole, associazioni di beneficenza) in tutto il mondo che insegnano l’islam integralista e wahabita e l’odio per l’altro (6),
Il giorno in cui l’Iraq e la Siria rinunceranno seriamente ai loro sogni egemonici di Mezzaluna Fertile e all’armamento da apocalisse dedicato a questa causa, il giorno in cui questi due paesi autocratici e dittatoriali cesseranno di sfidare il mondo libero,
Il giorno in cui la Libia cesserà le sue aggressioni aggressive e folli in tutte le direzioni (7),
Il giorno in cui cesserà il linguaggio dell’odio e della denigrazione,
Il giorno in cui il vento della democrazia spirerà sui dirigenti arabi e il giorno in cui questo spirito raggiungerà i loro popoli,
Allora Israele potrà infine trovare una definizione comune della parola pace con i suoi vicini e potrà cominciare a respirare.
Il presidente Bush padre ha fretta di raccogliere i frutti della sua guerra del golfo prima delle elezioni di novembre 1992. Per questo è pronto a sacrificare le sue buone relazioni con Israele, oggi meno interessante sul piano strategico.
Certi americani stanno già cominciando a fare sordidi calcoli di quanto Israele sarà costato al contribuente americano: 27 o 71 miliardi di dollari? Fanno i conti di ciò che gli Stati Uniti hanno economizzato in miliardi di dollari e in migliaia di vite umane per la presenza di Israele l’altro ieri ai confini del totalitarismo sovietico, ieri ai bordi della polveriera del petrolio? (8)
Non serve a nulla cogliere un frutto non ancora maturo, perché marcisce prima di poter dare soddisfazione.
Albert SOUED, scrittore – 15/10/1991

www.chez.com/soued/conf.htm

Articolo apparso nel trimstrale del MJLF "Mouvement" nella primavera del 1992 “sotto la responsabilità dell’autore” e aggiornato con le note il 28/8/02.

(1) La versione francese della clausola dice “des territoires”; ora, se l’intenzione fosse stata di scrivere “des”, la versione inglese, l’unica che fa fede, avrebbe incluso “the” davanti a “territories”.
(2) Il resto era stato smembrato dalla Gran Bretagna per creare due regni hashemiti artificiali, la Giordania e l’Iraq e soddisfare le tribù arabe, in cambio di concessioni petrolifere.
(3) Dopo la pubblicazione di questo articolo ci sono stati gli accordi di Oslo nel 1993, oggi di fatto annullati dalle azioni terroristiche dell’Autorità Palestinese e dalla guerra di logoramento condotta dal suo capo, Yasser Arafat. In base a tali accordi, le parti dovevano giungere a una soluzione territoriale di compromesso a Camp David, nel 2000. Ma Arafat ha rifiutato qualunque compromesso, rivendicando Gerusalemme e il ritorno di 3,5 milioni di profughi in Israele.
Israele ha restituito alla Giordania tutto il territorio rivendicato (alcuni km²) in cambio di un trattato di pace, nel 1995.
(4) L’aggressione dell’Iraq con i suoi missili Scud, le incursioni dalla Giordania malgrado il trattato di pace firmato nel 1995, la guerra di logoramento di Arafat dalla firma degli accordi di Oslo nel 1993, il rapimento di soldati attraverso la frontiera libanese sono altrettante testimonianze quotidiane di atti di forza.
(5) In realtà il problema dei rifugiati si è rivelato scottante a causa delle rivendicazioni esorbitanti dei palestinesi che hanno reclamato il loro diritto al ritorno in Israele. Se ci si limita alla definizione di rifugiati dell’Onu, dal 1950, ciò non riguarderebbe che 45.000 persone, problema risolvibile. Notiamo anche che nella risoluzione 242 i rifugiati comprendono parimenti gli ebrei rifugiati dai paesi arabi, che non hanno ancora rivendicato nulla.
(6) Secondo lo storico e scrittore Amin Maalouf il nemico implacabile di Israele non sarebbe tanto la Siria, il cui capo, minoritario e ormai vecchio, sarebbe piuttosto realistico, quanto l’Arabia, altrettanto dogmatica del Vaticano nei confronti dell’ebraismo.
(7) Oggi come oggi la Libia sembrerebbe rinsavita. D’altra parte l’Iran, per ragioni di egemonia regionale attraverso l’arma nucleare, da quando i mullah sciiti integralisti sono arrivati a Teheran nel 1979, appare un nemico pericoloso tanto per Israele quanto per l’islam sunnita.
(8) L’atteggiamento ambiguo di Bush junior sembra confermare che gli interessi degli Stati Uniti, anche dopo i tragici avvenimenti dell’11/9/01 a Manhattan, non coincidono necessariamente con quelli di Israele, da cui la continua ingerenza di questa potenza nella politica interna israeliana. (Traduzione mia)

Incredibile come un articolo vecchio di quasi vent’anni sia ancora drammaticamente vero e attuale. E, detto questo, credo proprio che non ci sia nient’altro da aggiungere.


barbara

sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA