.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


3 febbraio 2011

E QUATTRO (15)

Le genti

Perché il tema del viaggio era “Un piccolo Paese per tante genti”. E quindi la cosa principale che abbiamo fatto è stata quella di incontrare genti: beduini, drusi, circassi, bahai, i francescani della Custodia di Terrasanta, gli ortodossi cabalisti di Safed, la comunità tedesca di Migdal...
Dai beduini abbiamo imparato che la legge israeliana non è per niente buona. Perché se una donna per esempio cornifica il marito, allo stato non gliene frega niente e non la punisce, lasciando così che la famiglia venga disonorata, e questo non va bene neanche un po’. Così come non va bene che se un ladro trova un buon avvocato riesce a farsi assolvere. E si è potuto intuire, anche se non l’ha detto esplicitamente, che un’altra cosa negativa della legge israeliana è che non applica la pena di morte (in teoria la pena di morte in Israele c’è, ma è stata applicata solo con Eichmann). E quindi è molto meglio regolarsi secondo la legge beduina.
I drusi invece sono molto più accomodanti. Sarebbero una specie di musulmani, ma per i musulmani “veri” sono assolutamente eretici. In linea di massima da giovani si divertono, poi quando si sono divertiti abbastanza diventano religiosi, ma senza particolari fanatismi, sembra. Hanno come norma il rispetto delle leggi dello stato in cui vivono, e infatti prestano servizio militare. Naturalmente anche i drusi libanesi sono fedeli allo stato libanese, e da buoni libanesi odiano Israele, però non odiano i fratelli drusi israeliani. Difficile alchimia, ma sembra che riescano a farla funzionare. Quello che a me invece appare davvero poco chiaro è: i drusi non si distinguono per la religione, non si distinguono per la lingua, non si distinguono per la cultura, non si distinguono per la nazionalità, meno che mai si distinguono per i tratti somatici; in che cosa consiste dunque l’identità drusa?
Il tipo circasso che ci ha spiegato i circassi è piaciuto un sacco a tutti. Tranne che a me. Perché uno che di mestiere dovrebbe fare quello che spiega le cose e poi si mette a parlare a raffica e non si lascia interrompere dalla persona che dovrebbe tradurre, e quando quella finalmente riesce a inserirsi non riesce mai a finire perché lui riparte e in definitiva agli ascoltatori non riesce ad arrivare neanche la metà delle cose, che razza di guida sarebbe? Anyway, dai circassi, nonostante siano musulmani, pare che le donne se la passino piuttosto bene, si vestono come vogliono, lavorano, si possono scegliere il fidanzato, e se poi cambiano idea lo possono anche lasciare senza alcuna conseguenza, il che rispetto alle sorelle musulmane di altri gruppi etnici o nazionalità è privilegio davvero non da poco. Di come i circassi allevano i bambini vi ho invece già parlato, e non lo ripeterò.
Poi ci sarebbe da dire dei cabalisti di Safed ma non sono sicura di poter dire granché. Abbiamo incontrato un tizio piccoletto barbuto di origine toscana, non mi ricordo se fosse un rabbino o solo uno studioso, ha parlato ma non abbiamo mica tanto capito che cosa dicesse, poi ogni tanto faceva un po’ di confusione fra i vari personaggi della Bibbia e lo dovevamo correggere, insomma tutta una roba così, però la cittadina è un gioiello. Erano un gioiello anche i negozi, ci si sarebbe potuto spendere uno stipendio intero se non fosse che lo stipendio intero era già andato per il viaggio e quindi niente. Ma anche solo vederle, quelle opere d’arte, ha rappresentato una festa per gli occhi.

barbara

AGGIORNAMENTO:

la città e il golfo di Haifa visti dal villaggio druso in cui siamo stati


Qui invece è possibile vedere il circasso belloccio che tanto ha affascinato gli altri (le altre?) partecipanti al viaggio.

sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA