.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


26 ottobre 2010

AGENZIA DI VIAGGI

L’agenzia di viaggi è quella meravigliosa invenzione che permette anche all’individuo più imbranato, più sprovveduto, più impedito di sentirsi un grande viaggiatore; quella cosa prodigiosa che prende per mano soggetti che da soli non saprebbero andare da Lodi a Milano che infatti è per quello che la povera Gigogin è morta zitella, e li conduce a fare il giro del mondo; quella strepirosa magia che consente a dei tordi mastodontici di andare a Granada per raccontare ai compagni di viaggio delle porte di Fes, e di andare a Fes per narrare i mosaici di Samarcanda e di andare a Samarcanda per parlare di Hong Kong... Un autentico miracolo in terra, praticamente. Poi l’agenzia di viaggi è anche quella cosa che permette a chi porta in giro dei gruppi di sbrigare le cose pratiche. Come fa per esempio lei, che a Israele ha praticamente dedicato la vita, e ne conosce ogni angolo, ogni sasso, ogni filo d’erba, e vi organizza viaggi meravigliosi, ogni anno diversi. Ci ero andata due anni fa, ma il volo me lo aveva regalato un’anima gentile, e quindi non ero passata attraverso l’agenzia che abitualmente le sbriga la parte pratica. Quest’anno ho deciso di tornare, perché il nuovo viaggio tocca posti che ancora non conosco, e stavolta ho preso il pacchetto completo. Anche se, dando per curiosità un’occhiata in internet, avevo trovato lo stesso volo per un buon centinaio di euro in meno, ma è bastato il tempo di chiedere spiegazioni e quel volo era già stato venduto. Ok, pazienza, affidiamoci all’agenzia. A cui ho bisogno di ricorrere anche perché quest’anno ci sono orari micidiali, che mi costringeranno a fermarmi in albergo non solo, come di consueto, all’andata, ma anche al ritorno. Chiama l’agenzia, mi dice, parla con Sabrina, è gentilissima, vedrai che troverà una soluzione. La trova, infatti: posso prendere il volo da Bolzano anche il pomeriggio del giorno prima, così mi risparmio la levataccia, dormo a Roma, e poi parto la mattina dopo. Idem al ritorno, che all’arrivo non ho più nessun collegamento per arrivare qui: posso dormire a Roma e ripartire col volo per Bolzano il giorno dopo. L’albergo me lo può procurare lei, certo, come no. Lo trova. Quanto? Novanta euro per notte. E faccio un salto. Per meno non c’è niente, mi assicura (in un secondo momento, quando sarà successo tutto quello che è successo in seguito, darò un’occhiata in internet e fra gli alberghi nel raggio di una manciata di chilometri da Fiumicino troverò alberghi a meno di novanta euro, e anche al meno di ottanta e anche a meno di settanta e anche a meno di sessanta e anche a meno di cinquanta; notevolmente meno di cinquanta. Vabbè). Comunque non è definitivo, mi dice. E mi chiede indirizzo email e racapiti telefonici per chiedermi conferma in caso di variazioni e per inviarmi i dati. E io aspetto che arrivi il tutto. Un giorno. Una settimana. Un mese. Non arriva niente. Scrivo. Non rispondono. Riscrivo. La gentilissima Sabrina risponde che mi ha già comunicato tutto, comunque mi manderà tutto il giorno dopo. Il giorno dopo arriva e scorre e passa. E non arriva niente. E passa quello dopo e quello dopo ancora. E non arriva niente. La mia pazienza è finita. Informo Chicca che se entro lunedì sera non mi arrivano tutti i dati, ossia orari del volo, documentazione della prenotazione dell’albergo, nome dell’albergo, prezzo definitivo dello stesso, disdico l’iscrizione al viaggio e chiedo la restituzione della caparra. Mi si informa che la gentilissima Sabrina dopo avermi garantito che il giorno dopo mi avrebbe inviato tutto mentre non mi ha inviato un bel niente, se n’è andata in vacanza. Rispondo che le vacanze della gentilissima non sono un mio problema, non mi riguardano e non mi interessano, e che io esigo la mia documentazione dal momento che, oltre a tutto il resto, non so neanche in che albergo dovrò alloggiare e a che ora partono i miei voli.. Finalmente, poco prima della sera di lunedì, mi scrive un’altra persona dell’agenzia, affermando che mi sarebbe già stato comunicato tutto telefonicamente da Sabrina, ossia mentendo spudoratamente e tentando di far passare me per deficiente, confermando che la stanza in albergo è stata fissata – ma SENZA inviarmene la relativa documentazione – che costa 100 (CENTO) euro, ossia oltre l’11% in più di quanto precedentemente comunicato e senza avermi chiesto conferma per il cambiamento, e dandomi per volo da Bolzano e pernottamento date diverse da quelle fissate per il viaggio. Chiedo spiegazioni e molto serenamente la bimba mi risponde che c’è stato un errore di battitura e che le date prenotate sono quelle giuste.
L’agenzia si chiama Minviaggi e ha sede a Roma. Questo che vi sto offrendo è un servizio di Pubblicità Progresso. Se avete bisogno di appoggiarvi a un’agenzia per i vostri viaggi, cari amici, evitate Minviaggi. Evitate Minviaggi. Evitate Minviaggi. Sono una banda di cialtroni, vi svuotano le tasche e vi disintegrano il fegato. EVITATE MINVIAGGI.

barbara

sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA