.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


12 maggio 2010

SÌ, LO SO, LO SO, L’ISLAM NON C’ENTRA NIENTE

 «Torturati, messi in fuga, ora esuli» l’odissea Ryadh, fabbro a Baghdad, è stato seviziato con la moglie, e ha visto distrutti la casa e la bottega

DI NELLO SCAVO

Ryadh si risvegliò dal coma dopo tre gior­ni. La testa cucita, le lenzuola sporche di sangue, gli arti fasciati. Solo allora il fabbro cattolico di Baghdad realizzò che le minacce di u­na settimana prima erano anche per lui: «Via i cristia­ni. Per sempre». Due giorni dopo era in fuga verso la Si­ria. Mille chilometri di de­serto, a tutto gas insieme al­la moglie Shoua e alle due bimbe di sette e due anni. Correvano come inseguiti dai fantasmi di mille mat­tanze. «Il venerdì esplodeva­no le moschee, la domenica le chiese», ricorda la donna. Ryadh era finito in ospedale dopo due ore di torture sot­to gli occhi di Shoua, a sua volta in balia di sette uomi­ni in tuta nera e viso coper­to. «Non piangevo per quel­lo che mi facevano, né per le sigarette che mi spegneva­no addosso. Ero disperata per quello che stavano fa­cendo a lui e per le nostre bambine». Uno dei milizia­ni gliele aveva strappate dal­le braccia. Mentre le trasci­nava fuori casa, fece con le mani quel gesto che già per undici volte aveva portato il lutto tra i parenti più stretti: «Si passò un dito sulla gola, da parte a parte».

A Ryadh risvegliarsi dalle percosse e vedere accanto ai medici le due piccole in braccio a Shoua dev’essere sembrato un miracolo. Era il 2008, lui aveva 31 anni, lei 26. Nel bagagliaio pochi ve­stiti e neanche una foto: né della casa prima della razzia, o della chiesa nel giorno del battesimo della primogeni­ta, né di lui che picchia sul­l’incudine e neanche di Shoua, mai col velo, nel suo salone da parrucchiera. La bottega di fabbro verrà pol­verizzata da due granate sparate dai mujaheddin, il negozio per signora assalta­to e distrutto mentre le clien­ti scappavano urlando come pazze. Restava però un pic­colo tesoro accumulato ne­gli anni: 40mila dollari. Mai avrebbero pensato di dover­li usare fino all’ultimo bi­glietto per pagare l’odissea attraverso la Siria, il Libano e infine su un peschereccio con altri immigrati. Sbarca­rono il 27 agosto 2008 in mezzo ai bagnanti di Roc­cella Jonica. «Non sapevamo di poter chiedere asilo poli­tico, così dopo alcuni giorni siamo ripartiti diretti in Sve­zia, dove vivono alcuni no­stri parenti, attraverso la Francia e la Germania». Le autorità di Stoccolma non ne hanno voluto sapere. Re­spinti. Non restava che la Ca­labria.

«All’inizio eravamo dispia­ciuti di dover tornare qui. L’I­talia era stata una delusione. Quando eravamo sulla bar­ca – ricorda Ryadh – dicevo a mia moglie che eravamo fortunati ad essere ancora vi­vi, salvi e finalmente a poche ore dal più importante Pae­se cattolico del mondo, quel­lo di Roma e del Papa». Una terra promessa. Shoua già si vedeva a pettinare le belle si­gnore italiane viste sui canali satellitari. Più di ogni altra cosa immaginavano la do­menica. «Prepararsi per u­scire di casa, e con le bimbe andare a Messa senza pau­ra ». Da nove mesi sono ospiti della piccola e cordiale Cau­lonia, in quella Calabria che sembra così lontana da Ro­sarno. Il sindaco Ilario Am­mendolia, che ha fatto di questo borgo sul mare un approdo sicuro per oltre un centinaio di rifugiati, ha con­cesso una borsa lavoro. «Po­chi soldi, 650 euro, per una breve occupazione in un ri­storante locale. Di più non riusciamo a fare, anche se questa famiglia meriterebbe ben altra sistemazione». Shoua e Ryadh non chiedo­no nulla. È già tanto potersi raccontare. «Certo che se qualcuno si facesse avanti con qualche offerta di lavo­ro – spera Ammendolia – noi per primi saremmo felici».

Ogni giorno la giovane cop­pia trova un momento per pregare: «Chiediamo a Dio di portare la pace nel cuore degli uomini di ogni religio­ne, perché non succeda ad altri ciò che è accaduto a noi». Ryadh non sorride quasi mai. Non è questo il domani che un padre può volere per i propri figli. Quel giovedì sera di due anni fa forse gli sarebbe bastato ar­rendersi e presentarsi scal­zo in moschea il mattino do­po, per la preghiera del ve­nerdì. «Questo mai. Sono cristiano, cattolico – scandi­sce spalleggiato da Shoua –. Lo erano i nostri genitori, lo sono i nostri figli. Siamo sta­ti cacciati a causa della no­stra fede, ma non siamo i so­li. In Iraq soffrono anche i musulmani».

Chissà se riusciranno un giorno a rivedere Baghdad. «Senza protezione – temo­no –, i cristiani sopravvis­suti non potranno svolgere una vita normale». A co­minciare dal recarsi senza paura da un fabbro o da u­na parrucchiera.



Ecco, come tutti potete ben vedere, l’islam è una religione di pace, predica e pratica l’amore universale – e se mai qualcuno ne avesse dubitato qui ne può trovare la prova documentale - e chi lo nega è un bieco e abbietto razzista islamofobo, seminatore di zizzania, fomentatore di scontri di civiltà, guerrafondaio e, naturalmente (NATURALMENTE!) al soldo della famigerata lobby giudaico-sionista.
E a proposito della suddetta famigerata lobby, dovete NATURALMENTE come al solito andare a leggere uno, due, tre, quattro e cinque.

barbara


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Iraq islam persecuzione Ugo Volli

permalink | inviato da ilblogdibarbara il 12/5/2010 alle 23:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (29) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA