.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


16 marzo 2010

E LA MATTANZA CONTINUA

Violentata e bruciata viva ragazza cristiana

di Stefano Vecchia

Tratto da Avvenire del 13 marzo 2010

Un altro caso di stupro di una giovane cristiana seguito da un orrendo omicidio. La comunità cristiana di Sheikhupura, a una qua­rantina di chilometri da Laho­re, nella provincia del Punjab, piange la morte di Kiran Geor­ge, spirata nei giorni scorsi per le gravissime ustioni a due gior­ni dal ricovero nel Mayo Ho­spital di Lahore. Nell’agonia, Kiran è riuscita a raccontare agli inquirenti la sua vicenda e a portare all’arresto di Mohammad Ahmad Reza, un giovane musulmano figlio del datore di lavoro, e della sorella. Insieme le avrebbero gettato addosso della benzina, dando­le poi fuoco, per timore che la giovane riferisse alla polizia del­la violenza subita. Nonostante le gravissime condizioni della ragazza, il suo assassino non l’aveva portata in ospedale, ma aveva invece chiamato i suoi genitori raccontando che gli a­biti avevano preso fuoco men­tre puliva la cucina. Kiran ave­va confessato alle amiche il comportamento sconveniente di Muhammad Ahmad Raza, nella cui casa prestava servizio come domestica ma esitava a lasciare il posto di lavoro a cau­sa della povertà della sua fami­glia. Muhammad Ahmad Raza si trova ora sotto custodia del­la polizia in attesa che si con­cludano le indagini prelimina­ri. Subito dopo la morte di Ki­ran, alcuni cristiani avevano bloccato strade e incendiato copertoni chiedendo l’arresto dell’omicida.
Il caso della ragazza di Sheikhu­pura ricorda da vicino quello della 12enne Shazia Bashir, morta il 21 gennaio a Lahore dopo essere stata stuprata e massacrata dall’avvocato Mohammad Naeem presso cui prestava servizio. Naeem è sot­to indagine, ma gli avvocati del­la famiglia e i gruppi che si so­no impegnati per fare giustizia si trovano di fronte a minacce e ai tentativi di insabbiare la vi­cenda che riguarda un perso­naggio, di fede musulmana ed ex giudice dell’Alta Corte pro­vinciale, assai conosciuto in città e sostenuto dai suoi stes­si colleghi. Ancora nel distretto di Sheikhu­pura, nella cittadina di Narang Mandi, il 10 marzo una folla di musulmani ha svaligiato e in­cendiato l’abitazione di una fa­miglia cristiana. Come riporta­to da AsiaNews, a scatenare la rabbia degli estremisti il pre­sunto coinvolgimento di un cri­stiano, Yasir Abid, ora in custo­dia cautelare, nell’assassinio del figlio di un latifondista lo­cale.
I cristiani del distretto denun­ciano «l’incendio deliberato» di alcune copie della Bibbia tro­vate nella casa incendiata. La polizia ha avviato le indagini e valuterà se aprire un fascicolo di inchiesta anche per il reato di blasfemia. In questo caso, spie­ga Peter Jacob, segretario esecutivo della Commissione Giu­stizia e pace della Chiesa catto­lica pachistana, la magistratu­ra «non agirà in base alla sezio­ne 295-B del codice penale pa­chistano», che prevede pene fi­no all’ergastolo per chi dissa­cra il Corano, ma non include i testi sacri di altre fedi.
«Siamo contrari alla legge sulla blasfemia – conclude Jacob – e questo indipendentemente dal testo sacro o da chi si è reso col­pevole del crimine». Questo non esclude però «indagini approfondite» e la punizione dei responsabili dell’incendio del­la casa dei cristiani. Per ricordare le violenze che il mese scorso hanno interessa­to diverse comunità e luoghi di culto, in particolare nell’area di Pahar Ganj, ieri nella metropo­li meridionale di Karachi i cri­stiani hanno osservato una giornata di digiuno.

Servono parole? Servono commenti? No, vero? A questa cronaca dell’ennesimo efferato delitto perpetrato in nome della religione di pace, aggiungo solo l’invito ad andare a leggere anche questo.

barbara

sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 5654184 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA