.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


26 gennaio 2010

GERARD E JACOB MUSCH

Li conoscete? No? Lo immaginavo. D’altra parte è ben per questo che ho aperto il blog, no? E allora, adesso vi spiego. Gerard e Jacob, Jaap per gli amici, erano due ragazzini olandesi. Avevano un’amica, si chiamava Marianne Marco-Braun.



Che era una buona cristiana, la domenica andava regolarmente alle funzioni ma, ahimè, anzi ahilei, non era sempre stata cristiana. E quando in Olanda è arrivata l’occupazione tedesca è quasi subito apparso chiaro che fuga da Vienna e conversione non erano servite a molto, e infatti nel 1942 viene obbligata a portare la stella gialla, e poco dopo arriva a lei e al fratello l’ordine di presentarsi per andare “a lavorare in Germania”. È a questo punto che entrano in scena Gerard e Jacob, che si mobilitano per salvarla: trovare un rifugio sicuro, convincerla a separarsi dai genitori, convincere i genitori a separarsi da lei. Impresa non facile perché nessuno o quasi, all’epoca, si rendeva conto di che cosa realmente incombesse sugli ebrei, e non molti, dunque, erano disposti a lasciar smembrare le famiglie. Ma alla fine la missione va in porto. Fine della storia? No. Perché, sistemata Marianne, i due fratelli cominciano a chiedersi: e tutti gli altri? Quelli che non hanno la ventura di essere nostri amici? Quelli che non hanno amici cristiani perché non hanno mai pensato a convertirsi e non frequentano dunque chiese e parrocchie? Quelli dobbiamo condannarli a morte? Detto fatto si rimettono in moto, e in quattro e quattr’otto mettono in piedi un’organizzazione, l’NV, tutta fatta di ragazzini, adolescenti o poco più, che riusciranno a salvare centinaia di bambini ebrei.
Notizie dettagliate su di loro e su altri eroici salvatori di bambini le potete trovare nel bellissimo Nascere con la stella di Debóra Dwork, Marsilio. Poi, per non perdere le buone abitudini, andate a rileggervi questo; molto in tema va poi letto questo e, andando a ritroso per recuperare un po’ di arretrati, questo e questo.

barbara

sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 5727986 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA