.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


8 dicembre 2009

LETTERA AL MAESTRO




L’ho ritrovata in fondo a un cassetto, sopravvissuta a traslochi e pulizie. Bella, vero? Dignitosa, pacata, quasi nobile. Discretamente corretta e in bello stile, se si considera che l’autore è un contadino di madrelingua tedesca con la quinta elementare. Manca qualche dettaglio, sicuramente per non rischiare di rendere ancora più lunga questa già quasi troppo lunga lettera, e allora lo voglio aggiungere io, che di problemi di lunghezza non ne ho.
Per esempio si potrebbe raccontare di quando la cara moglie, il giorno prima di morire di cancro, è stata costretta ad alzarsi dal letto per stirargli le camicie (“perché ormai stai proprio per morire, e se aspetti non fai più in tempo”). O di quando, qualche giorno prima, le aveva portato a casa la bara e gliel’aveva messa in camera (“Così è pronta. Tanto fra poco muori”). O di quando uno dei figli, a quattro anni, si è rotto una gamba e allora lo ha infilato in una gerla che si è caricato sulla schiena, per portarlo all’ospedale. Arrivato a fondovalle ha pensato bene di fermarsi all’osteria per rifocillarsi con un sorso di grappa. E dato che un’osteria non è davvero il posto più adatto per un bambino di quattro anni, ha lasciato la gerla col bambino fuori della porta. E poi sai com’è, un grappino e due chiacchiere e un bicchiere di vino e una partita a carte, e insomma del bambino si è completamente dimenticato. Se ne è ricordato solo quando lo ha ritrovato all’uscita, verso mezzanotte, ormai quasi completamente assiderato. Oppure si potrebbe raccontare di A., la figlia maggiore, che da quando la mamma si è ammalata ha dovuto fare da mamma ai dieci fratelli più piccoli, e badare alla casa. E quando la mamma è morta – aveva dodici anni – l’ha dovuta sostituire anche nel letto paterno. Forse otto anni più tardi, al momento della stesura di questa lettera, faceva parte anche lei dei “tanti figli sfuggiti” ai tentacoli della piovra, e per questo il letto era freddo.
Il cognome e il paese li ho cancellati per rispetto ai figli. E soprattutto alla dolcissima A., che con una madre malata a cui fare da infermiera e dieci bambini a cui fare da mamma non è mai venuta a scuola una sola volta senza avere studiato, né senza compiti, né senza sorriso. Scomparsi, diligenza e sorriso e attenzione e interesse e tutto, quando il compito di infermiera è cessato e ne è subentrato un altro. Non ho più saputo niente di lei. Spero tanto che sulla sua strada abbia incontrato qualcuno capace di farle dimenticare il padre infame e a farle tornare il sorriso.

barbara


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lettera maestro padre infamia incesto

permalink | inviato da ilblogdibarbara il 8/12/2009 alle 23:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA