.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


30 novembre 2009

AVVISO AGLI AMICI CHE PASSANO DI QUI

Mi è arrivata una catena di sant’Antonio. Una di quelle classiche, non cambiare neanche una virgola, mandalo a 20 persone entro quattro giorni, uno ci ha riso sopra e suo figlio si è ammalato allora ha cambiato idea e ha fatto l’inoltro e suo figlio è guarito, un altro non l’ha inoltrata e ha perso il lavoro e allora l’ha inoltrata e ha trovato un nuovo lavoro. Eccetera eccetera. Non deve essere tanto brava con la matematica, questa gente, dal momento che dicono che la cosa è iniziata nel 1953 e ha fatto 8 volte il giro del mondo. Perché, facendo la media fra la popolazione iniziale e quella di adesso, diciamo, giusto per semplificare i calcoli, 5 miliardi di persone, otto volte tanto significa che la catena ha colpito 40 miliardi di volte. Ora, facciamoci un momento due conti. Mettiamo che dei 20 riceventi solo 10 facciano l’inoltro - sia per semplificare i conti che per spiegare come mai sulla terra ci siano tante disgrazie – e mettiamo che tutti aspettino l’ultimo momento di quei quattro giorni concessi. Ebbene, dopo quattro giorni dal primo invio il messaggio è arrivato a 10 persone. Dopo 8 giorni a 100. 12 giorni: 1000. 16 giorni: 10.000. 20 giorni: 100.000. 24 giorni: 1.000.000. 28 giorni: 10.000.000. 32 giorni: 100.000.000. 36 giorni: 1 miliardo. 40 giorni: 10 miliardi. 44 giorni: 100 miliardi. 48 giorni: 1000 miliardi. 52 giorni: 10.000 miliardi. 56 giorni: 100.000 miliardi. Alla fine del secondo mese c’erano un milione di miliardi di esseri umani che ricevevano l’ultimo invio (per avere invece il totale delle persone che hanno ricevuto il messaggio, dovete aggiungere al milione di miliardi la somma di tutte le cifre sopra riportate). O, a scelta, ognuno dei circa 5 miliardi di abitanti del pianeta terra in quel momento era intento a ricevere duecentomila messaggi e a reinviarne quattro milioni. Neonati compresi. Persone in coma comprese. Ospiti del cottolengo compresi. Aborigeni dell’Amazzonia compresi. Eccetera eccetera. Passati 56 anni, dubito che tutte le foreste della terra basterebbero a produrre la carta necessaria per scrivere il numero di persone che lo hanno ricevuto. Poi volendo ci sarebbe un’altra cosa che mi lascia un pelino perplessa, e cioè: dice che non si deve minimamente modificare il testo, il che fa supporre che sia rimasto invariato dal 1953 a oggi. E dice anche che la fortuna arriverà per email o via internet, e io mi chiedo: ma nel 1953 c’erano l’email e internet? Ma lasciamo perdere. No, il motivo per cui sto scrivendo questa cosa è che io non l’ho inoltrata, e immediatamente mi sono esplose influenza e bronchite. L’influenza, a dire la verità, non sembra avere caratteristiche porcellesche, ma dato che un sant’Antonio scatenato è capace di provocare mutazioni anche a giochi già iniziati, voglio mettere le mani avanti. Se la situazione dovesse peggiorare e io dovessi scomparire da questi schermi, sapete che cosa dovete fare: UCCIDETE SANT’ANTONIO!

                                               

Nel frattempo, in attesa di decidere se uccidere o no sant’Antonio, andate a leggere l’istruttivissima cartolina di ieri e la saggia cartolina di oggi.

barbara

sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 5728007 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA