.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


17 ottobre 2009

PROFONDO COME IL MARE

Dovremmo semplicemente scendere in campo, ecco tutto. Ma cazzo, pensò Reese, io debbo farlo. Una volta debbo farlo. Adesso.

(E ora un bel romanzone a tinte forti ci sta proprio bene: non ci si può mica intrattenere sempre e solo sui massimi sistemi, no?)

Un’occasione di festa, un atrio affollato, un attimo di disattenzione, e un bambino di tre anni scompare. E le vite di tutti ne vengono sconvolte, ma non tutte allo stesso modo, perché ognuno, di fronte alla tragedia, di fronte al passare dei giorni e dei mesi e degli anni senza che del bambino emerga alcuna traccia, mentre i mass media ci marciano e sciacalli e mitomani si scatenano, reagisce a modo suo, come può e come sa, come il proprio carattere e il proprio vissuto, la propria sensibilità e la propria capacità di resistenza, i propri punti di forza e le proprie debolezze, i propri occulti o palesi sensi di colpa gli suggeriscono o gli impongono.
Che cosa succede in questa storia? Come va a finire? No, non ve lo dico: se lo volete sapere andate a leggerlo. Aggiungo solo una considerazione, che potrebbe rappresentare una buona morale della favola, riassunta nella citazione che ho posto all’inizio: non si dovrebbe lasciare che le cose succedano, non si dovrebbe stare a guardare la vita che ci scorre davanti. Si dovrebbe avere il coraggio di prendere in mano le situazioni e scendere in campo. E che non lo facciano gli altri, non può e non deve essere un alibi: IO DEBBO FARLO, cazzo, qui e ora: non c’è altra soluzione, non c’è altro modo per venirne fuori.
(Ah, dimenticavo: una magnifica scrittura, quasi mezzo migliaio di pagine che si divorano in un boccone solo)
(Poi il giorno dopo stai leggendo il libro successivo e ad un certo punto ti fermi, rievochi l’ultima scena di questo, ridacchi fra te e te e pensi: “Eh già …”. Poi provi a immaginare quello che succederà la mattina dopo, e ridacchi un altro po’. Eh già …)

Jacquelyn Mitchard, Profondo come il mare, Sperling&Kupfer



barbara

sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA