.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


2 ottobre 2009

PALESTINESI CHE PREFERISCONO ISRAELE

A colloquio con la palestinese Nisreen

di Aviel Schneider

Nisreen Abdel Nabi è palestinese e vive a Beit Hanina, in Gerusalemme Est. La ventiquattrenne ha fatto parlare di sé lo scorso agosto quando si è rivolta con una lettera al Ministro degli Esteri Avigdor Liebermann.
«Signor Liebermann, lei insiste sulla lealtà, senza lealtà niente diritti civili», ha detto Nisreen riportando la sua posizione. «Su questo anch'io, come palestinese, sono d'accordo, e conosco molti palestinesi che la pensano come me.»
A bassa voce molti palestinesi di Gerusalemme Est e dei territori dell'Autonomia palestinese in Giudea e Samaria parlano positivamente di Israele, ma evitano di dirlo in pubblico.
«Il popolo palestinese ha paura dei suoi dirigenti, non di Israele. Sempre più palestinesi sperano di riavere il governo militare israeliano nei territori occupati.»
Nel colloquio con israel heute la giovane donna ha detto che lei, e con lei la maggior parte degli abitanti di Gerusalemme, non vuole una divisione della città, ma nessuno chiede la loro opinione. Nisreen è la nona di undici fratelli ed è stato proprio il padre ad educarla a non odiare Israele.

- Nisreen, perché ha scritto a Liebermann?
- Stimo gli uomini con una visione chiara, e Liebermann è uno di questi. Condivido la sua posizione politica: senza lealtà niente diritti civili. Conosco molti palestinesi che vorrebbero vivere sotto l'amministrazione israeliana e addirittura vorrebbero che fosse aperto anche a loro il servizio nella polizia israeliana e nell'esercito.

- Com'è la sua vita oggi?
- Lavoro come giornalista indipendente, lavoro alla radio e come volontaria in diversi posti a Gerusalemme. Ho studiato all'Università palestinese Bir Zeit e all'Università ebraica di Gerusalemme.

- Lei certamente sa che Liebermann spesso è stato accusato di essere fascista e razzista.
- Lo so, ma è semplicemente falso. Se c'è qualcuno che vuole lasciar essere israeliani i cittadini arabi di Gerusalemme, questo è Liebermann. Le garantisco che la maggioranza dei palestinesi di Gerusalemme in nessun caso vuole vivere sotto il governo dell'Autonomia palestinese. Noi rifiutiamo Abu Mazen e il suo governo di Autonomia. Quello che si dice sulla divisione di Gerusalemme per amor di pace non è altro che agitazione politica. I cittadini palestinesi di Gerusalemme dovrebbero farsi sentire e dimostrare contro la divisione di Gerusalemme. Ma la paura di Abu Mazen li paralizza.

- Ma il governo dell'Autonomia sembra essere molto più liberale, a confronto con il governo di Hamas nella striscia di Gaza.
- E' una sciocchezza! Abu Mazen e il suo governo sono ladri e bugiardi. Non vedo nessuna differenza tra Hamas e il governo dell'Autonomia di Abu Mazen. Vada nei villaggi palestinesi e parli sul posto con le persone, e si accorgerà di quello che pensano di Abu Mazen e della sua banda.

- Nisreen, lei è giovane e per di più donna. Non ha paura ad esprimersi negativamente su Abu Mazen?
- No, io ho paura soltanto di Allah. So bene che a Ramallah i palestinesi che parlano contro Abu Mazen vengono rapiti. Per questo naturalmente sono prudente. Ma d'altra parte so anche che Abu Mazen a Ramallah non è gradito. Il popolo odia il suo governo.

- Ma all'estero spesso il quadro presentato è un altro. Di solito si sente dire che Abu Mazen è buono e i coloni ebrei sono cattivi.
- E io che ci posso fare? A noi non danno fastidio gli insediamenti ebraici e i coloni. Al contrario, con la maggior parte di loro ci accordiamo benissimo. Inoltre molti palestinesi guadagnano il loro stipendio in questi insediamenti. Per questo un congelamento della costruzione di insediamenti sarebbe anche un atto contro i palestinesi. Mi creda, molti palestinesi in Cisgiordania vorrebbero l'amministrazione militare israeliana, che tratta i palestinesi con molto maggior riguardo dei poliziotti palestinesi dell'Autonomia. I poliziotti palestinesi sono un terrore, i poliziotti e i soldati israeliani no.

- Ma d'altra parte avvertiamo anche l'odio contro Israele.
- La propaganda di odio contro Israele comincia nelle scuole palestinesi in Gerusalemme Est e in Cisgiordania. Questo è un brutto problema, soprattutto nelle scuole di Gerusalemme Est, che in parte sono finanziate dal Ministero dell'Istruzione israeliano. I bambini palestinesi vengono nutriti di odio contro i loro vicini ebrei. I palestinesi cambiano il loro atteggiamento verso gli ebrei e gli israeliani soltanto quando cominciano a conoscerli personalmente. Allora si accorgono che non sono dei diavoli. (israel heute, ottobre 2009 - trad. www.ilvangelo-israele.it)



E tanto per rendervi conto che Nisreen non è una stranezza isolata, andate a leggere – a rileggere gli amici di più vecchia data – questo vecchio post. E poi naturalmente dovete andare a leggere lui che vi ragguaglia su una gran brava persona e poi

MEMENTO: +32.

barbara

sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA