.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


27 aprile 2009

LE TECNICHE DI HAMAS

Le tecniche usate da Hamas, ampiamente documentate in un infinito numero di foto e filmati, vengono chiaramente esemplificate in questo video rubato a lui. Per chi avesse qualche difficoltà con l’inglese, aggiungo qui di seguito la traduzione del commento, per la quale ringrazio l’amico Antonio C. (Il testo originale contiene parecchie ripetizioni, che A.C. ha in parte semplificato).

Negli otto anni scorsi, il numero di cittadini israeliani che vivono sotto la minaccia dei razzi dei terroristi è cresciuto sino a raggiungere il milione. Questi vivono sotto la costante minaccia di oltre 10.000 razzi e colpi di mortaio.
Durante il 2005 l'esercito israeliano si è ritirato completamente dalla Striscia di Gaza consentendo alla popolazione locale di prendere in mano il proprio destino. Ciononostante sono stati sparati oltre 7940 tra razzi e colpi di mortaio.
Nel luglio del 2007 il controllo della Striscia di Gaza è passato nelle mani di Hamas. Solo nel 2008 questi attacchi sono stati 2735 costringendo il governo israeliano a lanciare l'operazione Cast Lead (Piombo Fuso).
Questa ricostruzione tridimensionale è basata su dati dei servizi di informazione e di altre fonti raccolti durante detta operazione e da un'idea della complessità del territorio nel quale i soldati israeliani hanno dovuto combattere e dell'uso spregiudicato dei civili usati da Hamas come scudi umani. Negli anni scorsi Hamas ha governato la Striscia con il sostegno di Hezbollah. In tutto questo tempo migliaia di colpi e mortaio e razzi sono stati sparati contro i civili israeliani. Hamas investe somme elevate per potenziare le sue infrastrutture sotterranee, poste in zone abitate da civili, destinate a tali attacchi. Hamas ha anche sviluppato tecniche sofisticate per contrabbandare materiali e armamenti forniti dall'Iran in particolare costruendo chilometri di tunnel sotto la frontiera con l'Egitto. I passaggi di questi tunnel sono stati scavati sotto le case di abitazione ed edifici come serre, moschee e altri ad uso della popolazione civile. Migliaia di tonnellate di armamenti, obici, granate, munizioni di ogni tipo, razzi anticarro, ecc., sono state contrabbandate attraverso questi tunnel ed immagazzinate in edifici civili. Hamas ha creato campi di addestramento ed installato rampe di lancio di razzi e depositi di munizioni vicino a scuole, ospedali e altri edifici pubblici trasformando la popolazione civile in scudi umani. Hamas ha fatto uso di grandi spazi pubblici, come le moschee, per immagazzinare armi, in spregio alle leggi internazionali, trasformandoli così in luoghi di combattimento. L'uso di persone anziani, donne e bambini fa parte della strategia del terrore di Hamas. Le scuole sono state minate minacciando le vite dei bambini e degli insegnanti e similmente ad altri edifici pubblici sono diventate rampe di lancio di razzi. Hamas ha sistematicamente impedito alla popolazione civile di abbandonare le zone di combattimento per potersi far scudo della popolazione civile ed evitare la distruzione delle infrastrutture terroristiche. Quando alcune case adibite a deposito di munizioni sono esplose, Hamas ha accusato l'esercito israeliano di colpire i civili e le loro proprietà. Tonnellate di esplosivi ed armi sono state trovate nascoste nelle strade. I contenitori erano alloggiati in veicoli privati quasi sempre parcheggiati in vicinanza di abitazioni civili le cui macerie sarebbero servite a rallentare l'avanzata delle forze israeliane. In questo esempio un edificio dove si nascondono terroristi è stato colpito. La sua esplosione causa una reazione a catena negli edifici adiacenti che sono stati adibiti a depositi di munizioni. Per sua maggior protezione, Hamas ha installato le rampe di lancio in edifici pubblici come centri medici, campi di calcio, l'Associazione Palestinese per l'Assistenza agli Invalidi e stazioni di servizio. E ciò con il fine tattico di usare civili come scudi umani. Questa pianta ed altre prove mostrano come Hamas abbia deliberatamente costruito la sua rete terroristico militare come parte integrante della zona urbanistica. Hamas ha scelto il campo di battaglia. Hamas ha scelto di piazzare le sue rampe di lancio in zone fittamente popolate da civili inermi. Hamas ha scelto di depositare armamenti e posizionare i suoi cecchini in edifici dove si rifugiava la popolazione civile.

Poi, va da sé, i giornali preferiscono comunque raccontarci tante belle storielle, di Israele che attacca e Hamas che risponde, di abitazioni civili prese sconsideratamente di mira dai “soldati con la stella di David” (non sia mai che qualcuno abbia per un momento a dimenticarsi che quelli sono EBREI!), di stragi e massacri … e chi più ne ha più ne metta. Ma questa è storia vecchia.

barbara

sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA