.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


14 dicembre 2008

DISINFORMAZIONE SU TELEVIDEO: DI TUTTO, DI PIÙ

Comunicato Honest Reporting Italia 14 dicembre 2008

Che i palestinesi sono quasi tutti buoni e vittime innocenti e gli israeliani tutti cattivi, lo sapevamo già, naturalmente, ma forse non sapevamo esattamente QUANTO sono buoni e innocenti i palestinesi e cattivi gli israeliani. A riempire le nostre lacune provvede questa pagina di Televideo, che non possiamo riprodurre qui, in quanto il sito non consente di copiare i testi. Dobbiamo pertanto invitare i nostri lettori a recarsi direttamente alla pagina in questione, mentre qui ci accontenteremo di qualche citazione. E iniziamo dal titolo: PALESTINA: I BAMBINI LE PRIME VITTIME. Perché in Israele invece no, evidentemente, di vittime non ce ne sono, e meno che mai fra i bambini.
Alla pagina 191 leggiamo delle paure dei bambini palestinesi, delle loro difficoltà, dei loro incubi: nessun accenno al fatto che tutto ciò è dovuto unicamente alla scelta palestinese di perseguire la guerra invece che la pace. E meno che mai si parla dei bambini israeliani vittime da sempre di un bestiale terrorismo. Vengono poi sparate alcune cifre sul presunto numero di vittime, naturalmente senza fornire alcuna fonte.
Alla pagina 192 ci viene raccontata l'esilarante storiella che a causa delle incursioni israeliane nel corso dell'anno scolastico 2007-2008 sono state perse 256 giornate di lezioni. Ora, considerando che in Italia i giorni di lezione in un anno sono poco più di 200 e uguali o poco di più in altri Paesi europei; considerando che anche i bambini palestinesi, si presume, faranno un giorno di riposo la settimana e avranno vacanze estive e festività religiose, la domanda è: se i soldati israeliani sono riusciti a fargli perdere 256 giorni di scuola in un anno, di quanti giorni saranno fatti gli anni palestinesi?
Alla pagina 193 veniamo informati che "Due terzi dei bambini e adolescenti dei Territori non hanno spazi sicuri dove poter giocare, svolgere attività socio-ricreative e interagire": effettivamente di spazio per giocare non ne deve restare tantissimo, con tutti i campi di addestramento militare e indottrinamento antiisraeliano e antiebraico per bambini che sia l'ANP che Hamas continuano a costruire. Ci viene narrato anche delle terribili condizioni del "campo profughi" di Jenin, tralasciando di ricordare che tale "campo" è sotto sovranità palestinese, e non sotto occupazione israeliana, da oltre un decennio: perché non è diventato un posto normale ed è invece rimasto un campo profughi nonché covo di terroristi?
Altre utili informazioni troviamo alla pagina 194, dove, tranne un rapidissimo accenno di una riga e mezza anche al conflitto interno tra Fatah e Hamas, apprendiamo che le uniche cause dell'impoverimento della popolazione sono l'occupazione e le incursioni israeliane. Il terrorismo no. Le scelte palestinesi no. Le politiche nell'Onu e dell'Unrwa no. E naturalmente a nessuna di queste anime belle viene da chiedersi dove siano finiti tutti i miliardi di dollari che gli abbiamo dato noi.
E a pagina 195 arriva l'immancabile mantra del diritto di Israele alla sicurezza MA rispettando la proporzionalità nella risposta (cioè? Facendosi esplodere in qualche bar, ristorante, pizzeria, locale pubblico palestinese? Facendosi esplodere sugli autobus? Lanciando missili su scuole e asili? Assassinando a sangue freddo neonati in braccio ai genitori o nella culla?) e distinguendo sempre tra civili e combattenti: è noto infatti che i terroristi portano ben visibili le proprie insegne in modo da non rischiare di essere confusi con i non combattenti! Ammettono infine, bontà loro, che anche i "gruppi armati palestinesi" (non sia mai che ci scappi di chiamarli terroristi!) violano il divieto di colpire le popolazioni civili (ma va?) e che, ebbene sì, in una occasione sono stati uccisi anche degli israeliani.
A questa massiccia dose di disinformazione non riteniamo di dover aggiungere altro, se non un ringraziamento a "In difesa di Israele" per la segnalazione della pagina e l'invito a inviare le proprie considerazioni a televideo@rai.it.


Invitiamo i nostri lettori a scrivere ai mass media per protestare contro servizi scorretti e faziosi, e a inviarci copia dei loro messaggi e delle eventuali risposte ricevute, presso HR-Italia@honestreporting.com

HonestReportingItalia
vi invita inoltre a proporci eventuali critiche ai media per una possibile inclusione nei futuri comunicati. Assicuratevi di includere l'URL dell'articolo in questione o l'articolo stesso e invialo a: HR-Italia@honestreporting.com

Il nostro sito/libreria Israele - Dossier è dedicato alle informazioni dettagliate, dati storici e geografici sul conflitto medio orientale.

Honestreporting è stato fondato da un gruppo di persone che non appartengono né alla destra, né alla sinistra e non è affiliato ad alcuna organizzazione politica. Il nostro unico interesse è quello di assicurare che le notizie riguardanti Israele siano presentate in modo corretto nei media. Noi esaminiamo i media; quando troviamo esempi di evidente parzialità informiamo i nostri iscritti sugli articoli scorretti, chiedendo di protestare direttamente presso le testate interessate.

HonestReporting ha oltre 155.000 membri nel mondo, ed è in continua crescita.
(C) 2006 Honestreporting - Tutti i diritti riservati
E-mail: HR-Italia@honestreporting.com

Per iscriversi a HonestReportingItalia inviare una e- mail vuota a:
join-HonestReportingItalian@host.netatlantic.com

Anche questo potrebbe tranquillamente andare a rimpinguare la cartella “Giornalismo che passione – braccia rubate all’agricoltura”, se non fosse che qui non si tratta di ignoranza o superficialità, bensì della solita programmatica e sistematica opera di demonizzazione di un Paese e di un popolo da parte di chi gli ebrei è anche pronto ad amarli, purché siano ben morti.

barbara

sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 5649809 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA