.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


2 dicembre 2008

L’HAREM E L’OCCIDENTE

Qualche anno fa, ho dovuto recarmi in Occidente e visitare una decina di città, per la promozione del libro La terrazza proibita, uscito nel 1994 e tradotto in ventidue lingue. Sono stata intervistata da più di cento giornalisti occidentali, e in quelle occasioni ho potuto notare che la maggioranza degli uomini pronunciava la parola “harem” con un sorriso. Quei sorrisi mi sconcertavano. Come si fa a sorridere evocando un sinonimo di prigione?

Questa è infatti la sensazionale scoperta di Fatema durante il suo giro promozionale in varie città europee: noi occidentali crediamo di sapere che cos’è un harem, ma in realtà non lo sappiamo affatto. L’harem che “conosciamo” è quello che abbiamo inventato noi, basato sulla nostra cultura, sulla nostra fantasia, sul nostro immaginario. Ed ecco dunque le rappresentazioni di famosi pittori che ci mostrano sale piene di donne nude o seminude in devota attesa del loro signore, ecco i racconti che ci narrano di languide e sensuali odalische (a proposito, lo sapevate che la parola odalisca significa serva?) che danzano sinuosamente coperte di veli. Ma l’harem reale non è niente di tutto questo, le donne reali che popolano l’harem non assomigliano neppure lontanamente a quelle partorite dalla fantasia occidentale. Quasi incredula, di fronte a tanta mistificazione, Fatema trasforma il suo tour promozionale in un viaggio alla scoperta dell’«harem occidentale», cercando di comprenderne le origini e le cause; viaggio di estremo interesse non solo per lei, ma anche per noi. Che abbiamo così modo di comprendere, tre l’altro, le ragioni POLITICHE (non religiose, non culturali, non attinenti alla tradizione) che inducono gli islamici a velare e segregare, oggi, le loro donne. Un libro tutto da leggere, per scoprire ciò che credevamo di conoscere perfettamente e di cui non abbiamo invece la minima idea.

Fatema Mernissi, L’Harem e l’Occidente, Giunti



barbara

sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA