.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


8 settembre 2008

LA MAGA DELLE SPEZIE

È una fiaba, naturalmente, con tutto il suo armamentario di magie e incantesimi e preveggenze e sortilegi – e tuttavia così densamente popolata di persone vere, di sofferenze vere, di vita vera, che sembra vera. Più che una maga, a dire la verità, è una sacerdotessa delle spezie: non padrona ma umile e devota servitrice, con regole ben precise da rispettare: mai allontanarsi dalla bottega, mai guardarsi allo specchio e, soprattutto, mai lasciarsi coinvolgere emotivamente da un essere umano. Ma come si fa a non lasciarsi coinvolgere quando si tocca con mano tanta sofferenza. Come restare indifferenti di fronte alla giovane fatta sposare con l’inganno, che il marito regolarmente picchia e violenta e alla quale non sempre i pur grandi occhiali da sole bastano a nascondere tutti i lividi della faccia. Come non preoccuparsi per il ragazzino timido finito nelle grinfie di una banda di spacciatori. Come non dare una mano al nonno che vorrebbe tanto dire “ho sbagliato” ma non sa come dirlo perché nessuno è disposto ad ascoltarlo. Come non impazzire di rabbia quando un essere umano viene ridotto a una polpetta sanguinolenta e reso invalido per sempre e chi, per puro razzismo, lo ha ridotto così viene assolto – e le spezie stanno a guardare. E poi quell’uomo misterioso, bello e affascinante, dagli occhi profondi che sembrano vedere oltre: oltre le rughe posate sulla sua faccia, oltre la carne flaccida e la pelle grinzosa che le è stata data al momento di iniziare la sua missione nel mondo, oltre le vecchie mani nodose che nel tempo di un respiro hanno preso il posto delle sue lisce e bellissime, quell’uomo che sembra avere compreso ciò che non si può comprendere, quell’uomo che la guarda come guarderebbe una ragazza, quell’uomo che guardandola fisso negli occhi dice: “Lo so che questo non è il tuo corpo” … Ma le spezie saranno disposte a tollerare tante trasgressioni, una più grave dell’altra? Saranno disposte a consentire l’oltraggio supremo? Saranno disposte a perdonare quell’indicibile, estrema ribellione che si chiama amore?

Chitra Banerjee Divakaruni, La maga delle spezie, Einaudi



barbara

sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA