.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


13 agosto 2008

NESSUNO IN NESSUN LUOGO

Un mondo incomprensibile e spesso ostile, una madre capace solo di odiare, il bisogno di difendersi da tutto questo: da qui nasce la necessità di Donna Williams di ritirarsi in se stessa, di chiudersi nel proprio mondo fino a diventare nessuno, fino a non essere in nessun luogo. E, allo stesso tempo, un disperato desiderio di uscire – salvo che, “lì fuori”, fa tutto così maledettamente male. La storia di questa estenuante battaglia è il tema di questo libro autobiografico, doloroso e bellissimo. Sembra un romanzo – e purtroppo non lo è.

ANNOTAZIONE PERSONALE 1. Nel libro i sintomi presentati dall’autrice vengono identificati come autismo. In realtà secondo tutti o quasi gli studiosi di questa patologia, il quadro in questione presenta solo alcuni aspetti in comune con l’autismo, ma non si tratterebbe affatto di vero autismo. In effetti a scuola abbiamo avuto diversi casi di soggetti autistici, e nessuno di loro è mai stato in grado di pronunciare una sola parola né di comunicare in alcun altro modo, per non parlare poi di scrivere; nessuno era in grado di riconoscere le persone, nessuno era in grado di ritrovare a scuola le proprie stanze o il bagno; a una ragazza, seguita mattina e pomeriggio da personale specializzato, a diciotto anni erano ancora costretti a far portare il pannolone perché ancora non era stato possibile trovare il modo di farle esprimere il bisogno di urinare. Ogni tanto urlava: urla strazianti che correvano per tutti i corridoi e facevano gelare il sangue. Poteva andare avanti anche per ore, senza che ci fosse modo di capire se stesse soffrendo, e come, e che cosa fare per aiutarla. Anni fa una donna ha annegato il figlio di quattro anni, autistico, che urlava in questo modo, e in ogni angolo d’Italia si sono levati anatemi contro questa madre snaturata. Ma non da parte di chi si è scontrato, anche una sola volta, con questo dramma, perché chi ha visto, chi ha sentito, è perfettamente in grado di capire l’insopportabilità di una simile situazione senza via d’uscita: perché l’autismo vero non è passibile di guarigione, e neanche di miglioramento.

ANNOTAZIONE PERSONALE 2. A scuola abbiamo avuto una ragazza che presentava un comportamento simile a quello dell’autrice del libro. Era scappata di casa a dieci anni perché il padre la violentava, e la madre sapeva e non muoveva un dito. Nessuno di noi l’ha mai considerata pazza, e un po’ alla volta siamo riusciti a recuperarla. All’inizio avevo pensato che fosse incapace di scrivere, ma poi ho capito; sono andata lì e le ho detto: “Se le cose di cui ti si chiede di scrivere non ti piacciono lasciale perdere e scrivi di qualcos’altro”. Si è rinfrancata e ha ripreso a scrivere di lena. Era una classe meravigliosa, per fortuna. Ogni tanto, mentre facevo lezione guardando in giro, qualcuno aspettava che guardassi nella sua direzione per agganciare i miei occhi e portarli poi, senza muovere un muscolo della faccia, verso di lei, che si era improvvisamente persa dentro se stessa. Allora abbassavamo tutti la voce per non disturbarla, fino a quando non riemergeva. E a poco a poco ha finito per ritrovarsi.

Donna Williams, Nessuno in nessun luogo, Armando Editore



barbara

sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA