.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


4 agosto 2008

SUPERIORITÀ MORALE?

Quelli che seguono sono brani di dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi a vari programmi televisivi dal terrorista infanticida Samir Kuntar, scarcerato da Israele il 16 luglio (in cambio delle spoglie dei due ostaggi assassinati da Hezbollah Eldad Regev ed Ehud Goldwasser).

TV Al-Manar, 16.07.08
Samir Kuntar: "L'arma è… una attitudine che è diventata una cultura della resistenza. È diventata la cultura delle generazioni che realizzeranno il sogno di annientare quella entità predatoria [Israele]. Permettetemi di commemorare un grande e leggendario comandante, l'eroe mujahid [combattente della jihad] e martire Imad Mughniyeh [il capo di Hezbollah per le operazioni terroristiche all'estero, responsabile di attentati con centinaia di vittime innocenti, ucciso a Damasco lo scorso febbraio). Voglio dire solo una cosa: Hajj Imad, saremo degni del sangue da te versato solo quando costringeremo questo nemico a rimpiangere i tuoi giorni".

TV Al-Manar, 17.07.08
Samir Kuntar: "Ieri a quest'ora ero nelle mani dei nemici. Ieri a quest'ora ero ancora nelle loro mani. Ma adesso non c'è nulla che desidero di più che incontrarli di nuovo. Chiedo ad Allah di farlo accadere presto. Si illude chiunque pensi che la liberazione delle terre libanesi e delle Fattorie Shabaa [conquistate da Israele alla Siria nel 1967, ma dal 2000 reclamate dal Libano come pretesto anti-israeliano] possa portare alla fine di questo conflitto".

TV Al-Jadid, 18. 07.08
Samir Kuntar: "C'è un morbo, in questa regione, chiamato Stato di Israele, che noi chiamiamo 'entità predatoria'. Se non poniamo fine a questo morbo, ci perseguirà sino in capo al mondo. Per questo è meglio sbarazzarsi di lui".

TV Al-Manar, 17.0708
Samir Kuntar: "Hezbollah ha continuato a cercare i dispersi, vivi o martiri. Non aveva nessuna ragione per compiere un'operazione in mio favore se non la sua fede nel valore della vita umana [sic]. Ricordo che il segretario generale [Nasrallah] una volta ha detto: 'Se Samir Kuntar è in prigione, significa che tutto il Libano è in prigione'. Ecco il valore della vita umana".

TV Al-Jadid, 21.07.08
Sceicco Atallah Hamoud, capo dell'Associazione Libanese per i Prigionieri e i Prigionieri Rilasciati: "Ecco un dono [un mitra] da parte della resistenza islamica per l'eroe liberato, il tenente colonnello Samir Kuntar. Mujahideen [combattenti della jihad] come Samir Kuntar e i suoi fratelli non si curano di se stessi perché hanno votato se stessi alla resistenza, alla causa, alla patria".
Voce narrante: "Il dono speciale della resistenza si combina con le parole di Kuntar, che ha giurato che questo mitra farà la sua parte nel vendicare il sangue dei martiri".
Samir Kuntar: "Questo è il più bel regalo, dopo la libertà stessa. Desidero porgere il mio saluto alla resistenza islamica e al segretario generale Nasrallah per la loro fiducia. Innanzitutto, questo è il modo con cui la resistenza islamica riafferma la sua fede in me come combattente. In secondo luogo, questo mitra farà la sua parte, ad Allah piacendo, nel vendicare il sangue di Imad Mughniyeh".

TV Future, 22.07.08
Samir Kuntar: "Se mi domandate se ho ucciso degli israeliani, sì l'ho fatto, Allah sia lodato, e ne sono orgoglioso. Se ne avrò la possibilità, ad Allah piacendo, ne ucciderò ancora. Per quanto riguarda i bambini, questa è un'altra storia. Una ragazzina venne uccisa durante l'operazione, nel fuoco incrociato. In tutte le operazioni che comportavano la cattura di ostaggi israeliani, gli ostaggi vennero sempre uccisi dai proiettili delle forze israeliane. Lo stesso è avvenuto nella mia operazione".
Intervistatore: "Cosa ha studiato [in carcere]?"
Samir Kuntar: "Scienze sociali".
Intervistatore: "Ha completato il suo master?"
Samir Kuntar: "No, me lo hanno impedito. Altri fratelli [in carcere] hanno completato il master, ma a me l'hanno impedito per ragioni che non conosco".
Intervistatore: "Intende completarlo ora?"
Samir Kuntar: "No. Ad Allah piacendo, farò un master diverso".
Intervistatore: "In cosa?"
Samir Kuntar: "Un diploma di master in resistenza armata".
Intervistatore: "Dunque Samir Kuntar questa sera sta dichiarando che…"
Samir Kuntar: "L'ho già dichiarato".
Intervistatore: "Ha dichiarato che avrebbe fatto parte della resistenza, ma oggi lei sta dicendo che sarà un combattente armato e che condurrà operazioni militari per la resistenza islamica".
Samir Kuntar: "Senza il minimo dubbio".
Intervistatore: "E' una cosa già decisa?"
Samir Kuntar: "Certamente, certamente, certamente. Lo dico tre volte".
(MEMRI, 23 luglio 2008 - da israele.net)

Queste sono le dichiarazioni dell’uomo che ha assassinato a sangue freddo una bambina di quattro anni, dopo averne assassinato il padre davanti ai suoi occhi, fracassandole la testa col calcio del fucile e poi afferrandola per i piedi e sbattendola contro una roccia per finirla. Qualcuno davvero pensa che l’averlo liberato in cambio dei cadaveri dei due soldati assassinati rappresenti una superiorità morale? L’unica verità è che Olmert e la sua cricca infame hanno condannato a morte – senza processo: bella democrazia! – centinaia di israeliani innocenti, donne, vecchi, bambini. L’unica verità è che Olmert e la sua cricca infame si sono resi complici attivi dell’assassinio di tutti gli innocenti che finiranno nelle mani di questi terroristi e di tutti quelli che verranno rapiti per scambiarli con altri assassini. L’unica verità è che Olmert e la sua cricca infame hanno le mani grondanti di sangue. Altro che superiorità e vittoria morale!



barbara

sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 5649801 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA