.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


16 gennaio 2008

TRADITA

Mayada si chinò su di lei. «Risparmia le forze.»
«Non riesco a camminare, ma posso parlare.» Con un sorriso, chiuse gli occhi e bisbigliò:
«Nell'ultima prigione in cui sono stata c'era una poesia graffita sul muro da una qualche povera, disgraziata donna senza nome morta lì. Volevo mantenere in vita una piccola parte di lei, così l'ho imparata a memoria, e tutti i giorni me la ripeto».
«Più tardi ce la dirai», la incoraggiò la dottoressa Sabah. «No, per favore, lascia che la reciti adesso.» Mayada guardò la dottoressa Sabah, che annuì. «Va be­ne. Ma non ti stancare.»
Il viso e il corpo di Samira si contrassero e, fra molte in­terruzioni, recitò i versi che aveva mandato a memoria con tanta cura:

Mi hanno portata via da casa
mi hanno presa a schiaffi quando chiamavo i miei figli
mi hanno gettata in prigione
mi hanno accusata di colpe che non avevo commesso
mi hanno interrogata con le loro dure accuse
mi hanno torturata con le loro mani crudeli
mi hanno spento sigarette sulla carne
mi hanno tagliato la lingua
mi hanno stuprata
mi hanno tagliato i seni
ho pianto in solitudine, di dolore e di paura
mi hanno condannata a morte
mi hanno messa al muro
ho chiesto pietà
mi hanno sparato in mezzo agli occhi
hanno gettato il mio corpo in una misera fossa
mi hanno sepolta senza sudario
e, dopo la mia morte, hanno scoperto che ero innocente.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Mayada, invece, grazie al fatto di essere, oltre che innocente, anche membro di una delle più nobili e potenti famiglie irachene, dalla cella 52 riesce, fatto più unico che raro, ad uscire viva, dopo essere stata torturata una sola volta. Per questo è in grado di offrirci la sua lucida e straziante testimonianza diretta di ciò che avveniva nelle prigioni di Saddam Hussein. Se avete abbastanza pelo sullo stomaco leggetelo. Se non lo avete, almeno provateci.

Jean Sasson, Tradita, Sperling & Kupfer



barbara

sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA