.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


6 dicembre 2007

(LA VUOI SAPERE UNA COSA?)

(la morte no, quella non te la auguro. Ma di graffiarti a sangue fino a strapparti l’ultimo brandello di pelle, di questo sì avrei una voglia smisurata. Di farti male fino a farti urlare e regalare alle mie orecchie il godimento della musica delle tue urla)
(e adesso vieni anche a dirmi, nella tua sconfinata magnanimità, che è meglio che non ci scriviamo più, se mi fa così male. E ancora, ancora non arrivi a capire che il male fatto non si cancella cancellando un nome o un messaggio da uno schermo o da un display. Ancora non sei riuscito a capire che la vita non ha tasti erase, e reset, e “annulla digitazione”, e che per cancellare le ferite bisogna strappare la pelle e la carne, e dopo non resta più niente)
(peggio ancora, non riesci a capire che tu non sei stato per me una proiezione di me, come sono stata io per te. Anzi, direi che non arrivi neppure ad avere abbastanza fantasia da poter immaginare che esistano persone per le quali gli altri sono persone, da vivere come persone, e non mucchietti di bit o specchi al proprio narcisismo, come sono gli altri per te. E non sono stata solo io a fare le spese di questa tua mancanza di immaginazione)
(mi hai chiesto scusa, anche. Quante volte? Per poi ricominciare a giocare a palla con la mia anima: quante volte? Sta scritto nel blog di un’amica: «Non è possibile fare a brandelli una magia e poi aggiustarla come si fa con un cappotto». Vale anche per le anime, e tu ancora non lo sai: quante ne hai fatte a brandelli, oltre alla mia?)
(queste, comunque, sono le ultime parole che sentirai da me. Le leggerai, lo so, perché non puoi stare lontano da qui: si torna sempre sul luogo del delitto, è così che si dice, no? E dunque so che tornerai, e so anche tutte le altre cose che farai, ma d’ora in poi dovrai farle con uno specchio in meno)
(e non ti dico addio, perché non meriti neanche questo)




permalink | inviato da ilblogdibarbara il 6/12/2007 alle 15:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA