.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


16 novembre 2007

CONTROLLI

Nel post dedicato a Gabriele Sandri, Giuseppe si chiede amaramente: “hanno sottoposto il poliziotto pistolero ai test per rilevare la presenza di alcool o altre sostante psicotrope nel suo sangue?” Già, i controlli. Alcune categorie li subiscono; altre, per grazia ricevuta, ne sono esentati. E questo commento mi ha fatto tornare alla mente due episodi avvenuti in regione qualche anno fa.
Uno riguarda un capitano, non ricordo se dei carabinieri o dell’esercito. Col primo figlio l’aveva passata liscia, ma quando il secondo è finito per la terza volta all’ospedale con evidenti segni di sevizie, sono cominciati a sorgere dubbi anche sulle cause della morte del primo. È iniziata una serie di indagini ed è emerso che le sevizie sui figli erano pratica abituale: chiaro, dunque, che si trattava di una personalità disturbata. E ci si chiede: come mai su una persona che per mestiere maneggiava quotidianamente delle armi non era mai stata svolta nessuna verifica? (Per inciso, in primo grado è stato condannato, in appello assolto, nonostante le sevizie almeno sul secondo figlio fossero evidenti e documentate).
L’altro riguarda un ragazzino di quattordici anni, che un giorno ha ammazzato il padre con una coltellata nella pancia. Sconcerto, sgomento, incredulità di fronte a un simile delitto verificatosi per di più in una famiglia modello, madre insegnante, padre psicologo, vita familiare perfetta … Poi, un po’ alla volta, viene fuori che no, forse proprio proprio perfetta non è. Viene fuori che il padre aveva di tanto in tanto delle esplosioni di rabbia. Viene fuori che non venivano fuori di tanto in tanto, bensì piuttosto spesso, e che non erano semplici esplosioni di rabbia, ma veri propri raptus in cui massacrava letteralmente il bambino. E infine viene fuori la cosa più sconvolgente di tutte: sul coltello non ci sono impronte del ragazzo. Ci sono solo quelle del padre. Perché lui aveva impugnato il coltello per ammazzare il figlio, e il ragazzo, in un disperato tentativo di salvarsi, con la forza della disperazione era riuscito ad afferrargli il polso e a girarlo. E tanta era la furia con cui il padre si stava slanciando su di lui, che ci si è infilzato. Uno psicologo. Uno che maneggiava le menti altrui: perché a nessuno viene in mente che possa essere il caso di effettuare qualche verifica su persone che hanno simili responsabilità? Esistono dunque categorie di persone al di sopra di ogni sospetto a prescindere?

barbara


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. figli genitori controlli

permalink | inviato da ilblogdibarbara il 16/11/2007 alle 16:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA