.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


18 agosto 2007

RICORDIAMO UN GRANDE



WASHINGTON - Lo storico americano Raul Hilberg - che dedicò oltre mezzo secolo di studi all'Olocausto, sul quale scrisse un monumentale e fondamentale libro - è morto nei giorni scorsi a Burlington (Vermont), per un cancro polmonare, all'età di 81 anni. Lo ha annunciato l'Università del Vermont, dove aveva insegnato dal 1956 al 1991.
Nato a Vienna il 2 giugno 1926, lui stesso ebreo, Hilberg è noto soprattutto per 'La distruzione degli ebrei d'Europa’, opera di riferimento sulla Shoah, che descrive con completezza, precisione e rigore storico come la Germania nazista pianificò e mise in atto lo sterminio.
Cominciò a lavorare alla monumentale opera (1. 200 pagine) nel 1948, quando - come disse lui stesso nel 2004 in una intervista all'agenzia Reuters - "nella comunità ebraica l'argomento era quasi tabù". "Andai avanti con il mio lavoro (...) quasi, vorrei dire, come forma di protesta contro il silenzio", sottolineò. Il libro fu pubblicato nel 1961 da un piccolo editore di Chicago, con un contributo dell'autore alle spese, ma Hilberg continuò a lavorare meticolosamente su testimonianze e documenti.
L'apertura degli archivi sovietici a partire dagli anni '90 gli permise di arricchire considerevolmente la sua opera, che uscì nel 2003 in una terza edizione assai ampliata. "La distruzione degli ebrei non fu accidentale. Nei primi giorni del 1933, quando il primo funzionario stilò la prima definizione di 'non ariano' in un'ordinanza dell' amministrazione, la sorte del mondo ebraico europeo si trovò ad essere segnata", scrive Hilberg nel suo libro. L'opera - pur criticata da taluni per l'attenzione più sui carnefici e sulla macchina tecnico-burocratica all'origine dell'Olocausto che sulle vittime - resta un monumento di erudizione e una 'summa' storica. Dalle radici dell' antisemitismo in Germania all'atteggiamento della popolazione, dalle prime leggi antiebraiche allo sterminio di massa - passando per gli espropri, le deportazioni, i ghetti, i campi di concentramento, le "operazioni mobili di massacro" - Hilberg descrive accuratamente il "processo di distruzione" che portò all'eliminazione di sei milioni di ebrei in Europa.
Nato da una famiglia ebrea che fu in parte uccisa dai nazisti, Hilberg emigrò nel 1939 negli Stati Uniti, dopo l'Anschluss (annessione) dell'Austria da parte della Germania hitleriana. Arruolatosi volontario a 18 anni nell'esercito Usa, combatté in Europa ed entrò nell'aprile 1945 a Monaco di Baviera con la 45/a divisione di fanteria. Dopo che il suo reparto aveva liberato il campo di concentramento di Dachau, il Hilberg cominciò a cercare nelle casse di documenti abbandonate dai gerarchi nazisti, e ad appassionarsi allo studio. Di lui restano anche altre opere dedicate alla Shoah: tra queste, 'Esecutori, vittime, testimoni' (1992), 'La politica della memoria' (1996), 'Olocausto: le fonti della Storia' (2001).
(ANSA)

Raccomando a chiunque non lo conosca “La distruzione degli ebrei d’Europa”: sono 1200 pagine ma si legge bene, ed è assolutamente imprescindibile per avere una visione davvero chiara di quanto accaduto.



barbara


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Raul Hilberg

permalink | inviato da ilblogdibarbara il 18/8/2007 alle 16:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (32) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA