.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


1 agosto 2007

CAINO A ROMA

Sul numero del 28-29 settembre, «Il Lavoro fascista» riportava un testo di un giornale romano sul quale si leggeva: «Senza aver versato neppure una goccia di sangue, in una guerra da essi scatenata – gli ebrei dovrebbero naturalmente essere i soli beneficiari della catastrofe. Molti popoli cominciano già a deplorare di aver rinviata la radicale soluzione del problema ebraico». Il redattore fascista concludeva: «Prima, però, che gli ebrei possano succhiar sangue dai belligeranti esausti c’è tempo per rimediare all’errore».
Il giorno dopo un lettore, tale Marino Pedretti, mandò una lettera al giornale nella quale chiedeva alle autorità misure efficaci contro gli ebrei che «tanto altezzosamente» avevano rialzato la testa dopo il 25 luglio. La redazione rispondeva sinteticamente: «verrà il tempo per tutto e per tutti». (pp. 61-62)


I nazisti sono cattivi: lo sappiamo tutti. Ma, con tutta la buona volontà – o tutta la malafede, a scelta – come immaginare che da soli sarebbero riusciti a sterminare sei milioni di ebrei, andandoli a scovare casa per casa, in città che non conoscevano, in luoghi di cui non parlavano la lingua? Molte sono state, infatti, le complicità di cui ovunque hanno goduto. Complicità rimosse poi dietro l’alibi del “Eravamo tutti vittime”. E se in Germania, in qualche misura, i conti col proprio passato sono stati fatti, ben poco è stato fatto altrove. Per questo è particolarmente meritorio questo libro, che solleva qualche velo su quella pagina oscura della nostra storia. In cui apprendiamo, tra l’altro, che nei processi ai delatori e collaborazionisti celebrati nel dopoguerra, l’avere consegnato gli ebrei ai loro carnefici per motivi di odio razziale era considerato un’attenuante. Leggere per credere.

Amedeo Osti Guerrazzi, Caino a Roma, Cooper



barbara

sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 5796359 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA