.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


20 aprile 2007

QUANDO SI DICE LA CARITÀ CRISTIANA

«Abbiamo capito che le persone che sono state uccise facevano parte di un gruppo a matrice protestante, che va facendo diffusione della Bibbia per le strade in mezzo alla popolazione musulmana e questo irrita fortemente i nazionalisti e fondamentalisti turchi.» «Noi cattolici ovviamente siamo solidali con chi è vittima della violenza e anche in questo caso lo siamo. Ma a quanto pare si tratta di uno di quei gruppi che svolgono una propaganda biblica in ambienti dove non ci sono cristiani, offrendo i Vangeli ai musulmani e provocando la loro reazione. Ed ecco che i gruppi fanatici reagiscono dicendo: “Che andate facendo? Perché cercate conversioni tra noi, noi crediamo in Allah, andate piuttosto dai pagani a fare il vostro proselitismo”». «[Noi] no, assolutamente! Noi […] non andiamo in mezzo ai musulmani a svolgere attività di propaganda». «Ci vorrebbe molta più prudenza. Occorre conoscere la sensibilità e l’orgoglio storico del popolo turco. È fondamentale il rispetto dei sentimenti».

Ricapitolando: gli incaprettati e sgozzati sono dei provocatori che se la sono andata a cercare. Se i fondamentalisti si sentono provocati è logico che reagiscano. Noi siamo bravi e loro sono dei coglioni. (Poi magari, volendo, si potrebbe anche chiedere a questo bravo cattolico come mai sia stato ucciso don Santoro, che non andava a vendere le Bibbie ai musulmani). Queste sono le autorevoli prese di posizione di monsignor Georges Marovitch, portavoce dei sei vescovi cattolici presenti in Turchia. Al quale vorremmo suggerire di dare un’occhiata a una vecchia cosa in cui si legge, tra l’altro:

Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.

Ho eliminato alcune beatitudini, che non facevano al caso mio, ma posso assicurare che fra i beati che saranno saziati e consolati e ricompensati, che erediteranno la terra e guadagneranno il Regno dei Cieli non erano annoverati coloro che leccano il culo ai terroristi, né coloro che sono solidali più con i carnefici che con le vittime, né coloro che puntano spietatamente il dito contro chi ha pagato con la vita la fedeltà al proprio credo dedicando tutta la propria simpatetica comprensione a chi, per fedeltà al proprio credo, la vita la toglie: chissà, forse qualcosina avrebbe da imparare, il signor Marovitch, da tale lettura. Ammesso che ancora ne sia capace.

barbara




permalink | inviato da il 20/4/2007 alle 18:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (33) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 6108247 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA