.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


10 marzo 2007

LA MIA AZIENDA STA STIRANDO LE CUOIA

È un esilarante libretto, ad opera di “Enza Consul”, nome spudoratamente e allusivamente inventato, che raccoglie brani di curriculum autentici visionati dagli autori del libro. Ne riporto qualche stralcio, giusto per dare un’idea.

Intestazioni
Caro Studio X, Colendissimo Sign., Deah Sirs, Rispetabile Seletore del personale, Gent.mo Lider, Gentil Sede, Gent.ma Casella Postale, Gent.ma Ricerca del Personale, Gentile catena di negozi.

Esordi
Data la disoccupazione che ormai ci ha infranto su noi giovani, io non ho ancor trovato un lavoro fisso”; “Vi allego un bozzetto del mio curriculum vitae”; “Vi scrivo senza occhiali perché non li trovo più, scusate i ceroglifici”; “Vi rispondo perché ho un nodo alla gola, ovvero sono un po’ indeciso.

Varie
"Senza pregiata Vs. a riscontrare, faccio seguito alla Vs. inserzione di cui al concerne ..." "Se cercate l'uomo dalle uova d'oro l'avete trovato". "Mi soluziona la Vostra offerta. Vi mando un fax simile al mio curriculum". "Io sotoscritto dichiaro di essere assunto con la propria Società, in qualità di ingegniere civ.le laureato presso l'Università di ..., inoltre iscritto all'lbo dell'ingegnieri". "Vivo in un paese retrato dove ci si veste ancora in dialetto, voio venire via". “Le spedisco il mio curriculum. Se non avete buoni motivi per chiamarmi, accetto anche i cattivi”; “Non voglio fare la prima donna (anche perché sono un uomo) ma vi assicuro che uno che conosce il settore come me potete contarvelo sulle dita”; “Sono interessata ad una offerta come segretaria per qualunque Azienda purché abbia la propria sede sulla destra di un incrocio perché avendo da poco fatto la patente non sono ancora abile nella svolta a sinistra”; “Se nel mio curriculum trovate due buchi è perché ho avuto due figlie”; “Volete un venditore coi baffi con pelo e contropelo”.

Stato civile
Ammobigliato, annullato dalla Sacra Rota, costretto mio malgrado a lasciare il celibato, inguaiato, italiano, mollato, nobile, nubile ho solo una storia, orfana di sorella, coniugata con cittadino di Bergamo Italiano, convivente col mio gatto, sono celibe di famiglia, celibe nato con parto naturale, vedova con figlio vedovo, mi son dato al celibato, la mia partner è sposata ma prossima a lasciare quel cornuto di suo marito; mi sono separato poi divorziato poi risposato poi ancora separato, adesso non ci casco più.

Stato di famiglia
La mia famiglia è composta da 4 donne compreso mio figlio; Mia madre da ragazza per poco morì di tonsillite; Il marito di una cugina di mio padre da parte di mio nonno paterno, era ingegnere industriale del ferro.

Nascita
Di natalità sono nato a Bergamo; occasionalmente a Napoli; a casa; sul taxi; in aereo; sul traghetto; in ospedale; da mia madre; ho quarantadue anni, in quanto nato a Vicenza.

Dati fisici
Ho un foruncolo sul naso e un piccolo difetto: peso 160 Kg.; prima mi venivano i balordoni poi da quando non fumo non so più gnanche cosa vogliono dire; sembrava di dovermi operare all’apostata ma invece era un falso allarme, i miei disturbi epatici erano l’alimentazione; bella presenza (sono arrivato secondo al concorso di mister ditta).

Titoli di studio
Laurea in Architettura con Borsa di Studio: per l’esperienza del legno curvato in Finlandia; sono in seminario al 3° anno ma ho chiesto la dispensa. Basta preti; sono ingegnere aeronautico laureato al Policlinico.

Posizione militare
Scomodo, ha da venì, assorti obblighi di leva, ho fatto la guerra del gorfo, appagato, in possesso di congedo assolutamente assoluto, in stato di prelievo militare, possibilità chiamata ma quasi certamente no perché sono raccomandato (alta sfera).

Mi fermo, se no diventa noioso. In risposta ad alcuni commenti al post di sotto: forse quello è inventato, ma non è che ci abbiano lavorato granché di fantasia.

Enza Consul, La mia azienda sta stirando le cuoia, Sperling & Kupfer



barbara




permalink | inviato da il 10/3/2007 alle 21:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA