.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


27 gennaio 2007

NON PERCHÉ OGGI È IL GIORNO DELLA MEMORIA

ma perché, come più volte ho avuto occasione di dire, per me ogni giorno è un giorno della memoria.

È stato tutto per via del cholent. Perché una nota giornalista scrittrice traduttrice aveva scritto un libro di cucina ebraica. Delizioso. Esilarante. Ma praticamente inattuabile. Voglio dire, cosa diavolo significa che il pezzo di carne da un chilo e mezzo a fine cottura deve essere così morbido da potersi mangiare col cucchiaio? E le uova come si mettono? Crude? Cotte? Col guscio o senza? Così decido di chiamare la mia amica D. e di chiedere lumi a lei, ma lei mi dice no guarda, mi dispiace, noi siamo di tradizione sefardita e queste cose non sono nelle nostre abitudini (si è comunque offerta di telefonare alla nota giornalista scrittrice traduttrice, visto che la conosce personalmente, e di chiederle direttamente le spiegazioni che mi servivano. La nota giornalista scrittrice traduttrice ha risposto seccamente: “Io faccio la giornalista, non la cuoca! Tutto quello che avevo da dire sta nel libro” e ha sbattuto giù). Allora chiamo un ebreo famoso, di sicura tradizione askenazita, e lui dice che sì, certo che conosce il cholent, e gli piace anche tanto, ma non lo ha mai preparato e quindi non saprebbe proprio dirmi come si fa. Mi dà però il telefono della sua amica P., che è polacca e lo fa divinamente. Sento il nome e mi viene un brivido lungo la schiena, perché della signora P. ho già sentito parlare: è stata ad Auschwitz, mi è stato detto. E non ha mai parlato. Cinquant’anni e mai una parola, né col marito, né con i figli, né con gli amici, né con estranei. Mai. Si porta l’inferno dentro, e non riesce a sputarlo fuori.
Chiamo, e alla vocetta argentina che mi risponde chiedo tre volte conferma, come un’imbecille, che sia proprio la persona che cerco. Sì, è lei. Con voce da ragazzina. Spiego: ascolta. Chiedo: risponde. Cortesissima, dolce, esauriente. Finisce di dare le spiegazioni richieste, tace per un istante, poi improvvisamente dice: “Sa, io sono stata ad Auschwitz”.
È stata ad Auschwitz.
Ha detto che è stata ad Auschwitz.
Ha detto A ME che è stata ad Auschwitz.
Dopo cinquant’anni di silenzio improvvisamente, dopo aver parlato del cholent, se ne esce a dire di Auschwitz.
Comincio a tremare, fatico quasi a tenere la cornetta all’orecchio. Parla, la signora P. Racconta. “Dodici ore di lavoro al giorno. Venti sotto zero. A piedi nudi nella neve”. La voce si incrina, si spezza, tace, deglutisce, riprende. Lo sforzo si avverte, tremendo: sembra una nave rompighiaccio in mezzo alla banchisa, ma continua. “Sono andata da Mengele, gli ho detto: tu adesso mi fai vedere mia sorella prima che muoia. L’ha tirata su con un bastone, piegata in due, come uno straccio, me l’ha buttata ai piedi. Ridendo. Aveva dodici anni. Non l’ho più vista. Io ne avevo quattordici”. “La marcia della morte, camminando in mezzo ai cadaveri ...” “Altri tre campi...”
Mille volte la voce si spezza. Mille volte riprende. Per due ore. Un inferno intero riversato nel mio orecchio, dopo cinquant’anni di silenzio.
Non ho dormito quella notte. Neanche quella dopo e quella dopo ancora.
Il cholent l’ho fatto, poi. Al terzo boccone mi è venuto da pensare: “Chissà che voglia ne avevano, in campo”. Mi si è strozzata la gola e non sono riuscita a continuare. Non l’ho rifatto mai più.

barbara




permalink | inviato da il 27/1/2007 alle 0:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (33) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA