.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


14 dicembre 2006

FILOPALESTINESI?

Mi è venuto voglia di riproporre questa mia breve riflessione di qualche anno fa, che mi sembra tuttora molto attuale.

"Filopalestinesi", si definiscono: alla lettera, coloro che amano i palestinesi. E che cosa fanno per manifestare e concretizzare questo amore? Innanzitutto finanziano la dirigenza palestinese, che a sua volta finanzia il terrorismo, finanzia libri scolastici e programmi televisivi che aizzano all'odio, finanzia campi militari in cui i bambini vengono istruiti e addestrati all'odio e all'assassinio, finanzia l'apparato di polizia (o meglio, della dozzina di polizie) che partecipano attivamente alla macellazione degli israeliani. In secondo luogo organizzano cortei in cui vengono bruciate bandiere israeliane, vengono scanditi slogan di odio o amenità come "Palestina, vogliamo tutto: Israele dev'essere distrutto"; in cui, soprattutto, il terrorismo palestinese viene "compreso" e in larga misura giustificato. In terzo luogo scrivono articoli - se giornalisti - o lettere ai giornali - se lettori. Scrivono trasformando gli eventuali errori israeliani in crimini, o anche inventando crimini del tutto inesistenti; scrivono manipolando le notizie, spacciando per fatti le loro faziose interpretazioni dei fatti, omettendo notizie importanti quando queste potrebbero mettere in cattiva luce la parte palestinese. In quarto luogo vanno nei Territori a incontrare vari dirigenti palestinesi e a raccogliere e riportare amorosamente ogni loro respiro, e a fare loro da scudo contro l'esercito israeliano che tenta di smantellare le strutture del terrore.
Qual è il risultato di queste manifestazioni di amore? Che i terroristi palestinesi, "compresi", giustificati, sostenuti, incoraggiati, in alcuni casi anche protetti, si sentono legittimati a continuare e intensificare la loro attività, rifiutando ogni compromesso e ogni possibilità di dialogo. Che Israele, in conseguenza di ciò, si chiude sempre di più alla comprensione nei confronti della sofferenza palestinese, ed è costretto a portare sempre più a fondo la sua guerra contro il terrorismo che, inevitabilmente, finisce per colpire anche chi terrorista non è. Che la nascita di uno stato palestinese e la pace e la prosperità per il popolo palestinese si allontanano sempre più. Che il macello continua, da entrambe le parti.
Sembra che non si siano mai accorti, questi sedicenti filopalestinesi, che nessuno ha mai pensato alla possibilità di uno stato di Palestina: non l'impero romano, non l'impero ottomano, non la Gran Bretagna mandataria, non gli attuali stati arabi. Nessuno, tranne Israele. Sembra che non si siano mai accorti che nessuno, tranne Israele, ha mai trattato i palestinesi come cittadini detentori di qualche diritto e di qualche garanzia di legge. Sembra che non si siano mai accorti che nessuno, tranne Israele, si è mai preoccupato del bene dei palestinesi. Sembra che non si siano mai accorti che loro, i filopalestinesi, stanno dalla parte di chi da oltre mezzo secolo impedisce la nascita dello stato di Palestina, dalla parte di chi da oltre mezzo secolo tiene centinaia di migliaia di palestinesi rinchiusi, in condizioni disumane, nei campi profughi, di chi manda i bambini palestinesi al macello, di chi ha rubato i loro soldi, distrutto il loro presente e annientato il loro futuro. Sembra che non si siano mai accorti che noi, i filoisraeliani, stiamo dalla parte di chi accoglie nel proprio stato un milione e mezzo di palestinesi, li cura nei propri ospedali, paga gli avvocati d'ufficio che li difendono, offre loro garanzie legali di cui nessun arabo, in nessuno stato arabo, può godere; stiamo dalla parte di chi offre ai palestinesi posti di lavoro e mezzi di sostentamento; stiamo da parte di chi ha offerto loro uno stato e la pace. A qualcuno potrà forse apparire un paradosso, ma gli unici veri filopalestinesi in realtà siamo noi: i filoisraeliani. Lo abbiamo detto anche a una nota europarlamentare. Che si è degnata di rispondere. Con due parole: "povera piccola".

barbara




permalink | inviato da il 14/12/2006 alle 14:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA