.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


9 dicembre 2006

DEVO RACCONTARE

Nel sobborgo di Shnipeshik c’è stato un pogrom. I «banditi» hanno acceso un falò, hanno trascinato lì il rabbino del posto e qualche altro anziano dalla lunga barba, hanno portato fuori dalle sinagoghe i rotoli della Torah, hanno ordinato agli ebrei di gettarli nel fuoco, poi di spogliarsi nudi, prendersi per mano, ballare intorno al falò e cantare Katjuša. Poi li hanno bruciacchiati con il fuoco, li hanno trascinati per la barba, li hanno picchiati e costretti a ballare di nuovo.
È possibile? Come può un essere umano accanirsi così contro un altro essere umano?

Masha è giovane: non ha ancora quattordici anni. E l’occupazione tedesca è appena iniziata. Per questo l’umiliazione inflitta ai pii anziani le appare incommensurabilmente disumana. Ma presto dovrà imparare a conoscere e a vivere ben altro.

Fucilati... Portano gli uomini alle fosse, contro ciascuno di loro puntano un fucile dal quale volano fuori piccoli proiettili che penetrano nel cuore, e gli uomini cadono morti. No, non tutti vengono colpiti al cuore o alla testa, molti sono solo feriti e muoiono fra atroci tormenti. Quattromila vite sono state spezzate, falciati così tanti ragazzi spensierati, e tutto questo viene descritto con un'unica parola: «Fucilati»! Non avevo mai capito prima il senso di questa parola. «Fascismo», «guerra», «occupazione» erano solo vocaboli che comparivano nel manuale di storia...

I membri dello Judenrat sono stati convocati al Gebietskommissariat (lo Judenrat è stato creato da poco ed è composto dai cittadini più in vista). Gli hanno detto che agli ebrei di Vilna viene imposto un tributo - cinque milioni di rubli. E che tale somma deve essere raccolta e consegnata entro domattina alle nove. In caso contrario, alle nove e mezza cominceranno a uccidere tutti gli ebrei della città. I cinque milioni si possono versare non solo in denaro ma anche in oro, argento, gioielli, pietre preziose.
La mamma ha radunato fino all'ultimo centesimo, gli anelli, una catenina, ed è andata.
Sto alla finestra, guardo e piango: è terribile pensare che domani dovrò morire. Solo poco tempo fa studiavo, me ne andavo in giro per i corridoi della scuola, stavo alla lavagna e tutt'a un tratto - muori! E se io non voglio? Ho vissuto così poco! E non ho detto addio a nessuno. Neanche a papà. L'ultima volta l'ho visto mentre strisciava fuori dalla cantina. Non lo rivedrò più. Non vedrò, non sentirò, non proverò e non vorrò mai più niente. Non sarò più io. Quello che c'è intorno sarà sempre com'era - i campi fioriranno, gli uccelli cinguetteranno nei boschi, nelle città ferverà la vita, a scuola si terranno le lezioni. Ma io non sarò in nessun posto - né a casa, né per la strada, né a scuola... Non mi cercate, non mi troverete da nessuna parte... e forse nessuno mi cercherà. Sarò dimenticata. Per me stessa, per i miei familiari sono una «persona». Ma in mezzo a migliaia sono un granellino di sabbia, uno fra tanti. Di me, di tutte le mie aspirazioni, dei miei sogni forse un giorno qualcuno parlerà usando quest'unica parola: «Era». Era ed è morta in un giorno d'estate pieno di sole, quando gli ebrei non sono riusciti a raccogliere un tributo per gli occupanti. E forse anche questi tempi saranno dimenticati. I vivi evitano di parlare dei morti. E la morta sarò io!... Non voglio! Ho paura!
Qualcuno cammina nel corridoio... Il professor Jonaitis. Non ho neppure sentito quando è entrato. Si ferma accanto a me, mi appoggia la mano sulla spalla e tace. Ma non riesco a calmarmi: perché devo morire? Perché mi vogliono fucilare?
È arrivata la mamma. Dice che aspetterà nel cortile dello Judenrat fino a che non avranno contato il denaro raccolto. C'è molta gente là che aspetta.
Jonaitis vuota il portafoglio e prega la mamma di portare anche i suoi soldi. La mamma non li prende: quattrocento rubli, probabilmente è tutto il suo stipendio. Ma il professore non sente ragioni: lui in qualche modo se la caverà comunque, e questi soldi possono salvare almeno una vita umana.

Il trasferimento dal nostro ghetto di quelli che non sono operai specializzati va avanti già da qualche giorno. Ogni sera i poliziotti fanno il giro degli appartamenti e controllano i certificati. Quelli che non hanno il timbro richiesto vengono portati nel secondo ghetto.
È strano però - non ci sono notizie attendibili di quelli che sono stati trasferiti. E vero che alcuni hanno ricevuto delle lettere, ma molto vaghe. E quelli che sono stati trasferiti qui dal secondo ghetto (molto pochi, fra l'altro) assicurano che negli ultimi giorni là non hanno portato nessuno. E chiaro che è tutto un imbroglio … Dove sono finiti? …

Bambini. La giovane generazione. Faccine pallide, piedini scorticati dagli zoccoli e pance smagrite. Anche loro sono nemici del Führer. Anche da loro bisogna «ripulire l’Europa».

Finché ancora si vede voglio guardare gli alberi, i nidi degli uccelli, i rami, le case lontane, ogni finestra. Non li vedrò mai più. Tutto vive – ogni fogliolina, ogni goccia di pioggia, perfino un piccolo insetto. L’insetto sarà vivo anche domani, ma noi non ci saremo …

Solo due parole di commento: MAI PIÙ.

Masha Rolnikaite, Devo raccontare, Adelphi



barbara




permalink | inviato da il 9/12/2006 alle 13:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA