.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


4 dicembre 2006

CARO KOFI ANNAN, CI SEI O CI FAI?

Ispirata da un articolo di Repubblica e da un post dell’amico Sannita, vi ripropongo un mio articoletto scritto tre anni e mezzo fa per informazione corretta.

"Ma te ce sei o ce fai?" chiedono a Roma. Ed è ciò che vorremmo chiedere a Lei, signor Kofi Annan. Lei sostiene, per esempio, che in Medio Oriente serve un contingente di pace che fermi la spirale della violenza. A parte il mantra della "spirale della violenza" ormai talmente becero che non vale davvero la pena di soffermarsi a commentarlo, vorremmo chiederLe: si ricorda, caro signore, che cosa è successo meno di tre anni fa in Libano? No? Bene, vogliamo aiutarLa: con un'auto del Suo contingente di pace, le insegne del Suo contingente di pace, le divise del Suo contingente di pace, sotto gli occhi degli uomini del Suo contingente di pace, terroristi libanesi sono penetrati in territorio israeliano e hanno rapito tre soldati israeliani per poi ucciderli, senza mai più darne notizie, né tanto meno restituirne i corpi. Gli uomini del Suo contingente di pace hanno filmato il tutto, poi per un intero anno la Sua organizzazione ha negato che esistesse tale filmato, poi lo ha ammesso ma si è rifiutata di consegnarlo a Israele, poi ne ha consentito la visione ma una sola volta, per non rischiare che gli israeliani potessero individuare i terroristi, facendo così perdere alla Sua organizzazione la doverosa imparzialità fra terroristi e vittime del terrorismo. E si ricorda dei massacri avvenuti nell'ex Jugoslavia sotto gli occhi impassibili degli uomini del Suo contingente di pace? E si ricorda di quando nei campi profughi in Ruanda arrivavano tonnellate di cibo e i profughi morivano di fame perché bande armate si accaparravano tutto, e le "forze" Onu non erano in grado di contrastarle?
E a noi sembrerebbe che queste due gaffes potrebbero bastare, che ci si potrebbe anche fermare qui, ma Lei non è dello stesso parere, no, e decide di proseguire. E così ha anche criticato la decisione di Washington e Israele di mettere da parte il leader palestinese, Yasser Arafat. «Sarebbe meglio - ha detto - esortarlo a lavorare per la pace e a sostegno del premier dell'Anp Abu Mazen. Devono lavorare insieme perché lo sforzo abbia successo». Ecco, finalmente un'idea! Ma come abbiamo fatto a non pensarci prima??!! Bisogna esortare Arafat a lavorare per la pace, ecco che cosa bisogna fare! Esortiamo Arafat a lavorare per la pace, e la pace si farà! E adesso ci dica, sinceramente, caro Kofi Annan: Lei ci è o ci fa?

POST SCRIPTUM: Forse non tutti i nostri lettori sanno che nel gennaio 1994 il generale Dallaire, comandante delle forze ONU in Ruanda, inviò a Kofi Annan, all'epoca capo delle missioni di pace dell'ONU, l'informazione che era imminente la messa in atto di un genocidio: Kofi Annan scelse di non intervenire. Tre anni e mezzo (e un milione di morti) più tardi Kofi Annan, diventato nel frattempo segretario generale dell'ONU, impedì al generale Dallaire di testimoniare in proposito (a chi volesse saperne di più sul genocidio in Ruanda, suggeriamo il bellissimo e agghiacciante "Desideriamo informarla che domani verremo uccisi con le nostre famiglie" di Philip Gourevitch, Einaudi).
Tutti invece sanno, ma forse non tutti, nel frenetico incalzare degli avvenimenti, ricordano la parte avuta da Kofi Annan in quello che a Durban doveva essere un convegno internazionale sul razzismo e si trasformò in un'orgia di razzismo e di odio antiisraeliano e antisemita.

E poi c’è stato il “massacro di Jenin” per il quale il signor Kofi Annan ha ripetutamente invocato una commissione d’inchiesta salvo poi smettere immediatamente di chiederla non appena è risultato chiaro che non c’era stato nessun massacro di cui incolpare Israele, e poi c’è stato Oil for food, e poi ci sono stati gli abusi sessuali e gli stupri dei caschi blu su donne e bambine in Africa occidentale e in Congo, e poi …

barbara




permalink | inviato da il 4/12/2006 alle 19:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA