.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


28 novembre 2006

L’AMICO EBREO DI UN SACCO DI GENTE

Mi sto facendo lentamente la convinzione che esista da qualche parte un gruppo di persone specializzate nell'essere l'amico ebreo di un sacco di gente, e nel pensarla esattamente come loro.
Se avessi visto gente che dice "ho un sacco di amici ebrei e qualcuno mi dà torto", allora potrei pensare che, essendo l'ebreo statisticamente diffuso nella popolazione, sia possibile che la gente conosca sempre almeno un ebreo.
Invece, tutti questi signori hanno un amico ebreo con le seguenti caratteristiche sistematiche:
1) L'amico ebreo la pensa come te quando pensi male degli ebrei, pardon di Israele.
2) L'amico ebreo non ha un nome. Che so, Giuseppe o Francesco. No, l'amico ebreo non è mai "Il mio amico Giuseppe". È sempre un generico ed anonimo "amico ebreo".
3) L'amico ebreo è un drago, è uno figo, nel senso che gode indistintamente della stima di chi ha questo amico. Non si sente mai dire "ho un amico ebreo ed è un po' pirla", ma sempre "ho un sacco di amici ebrei che stimo moltissimo". Questo fa onore al mondo ebraico, ma non è statisticamente possibile che sia anche casuale.
4) L'amico ebreo è l'unico ebreo ad essere benvoluto. Tutti gli altri sono degni di critica, mentre l'amico ebreo no, lui non sbaglia. Si tratta quindi di un amico ebreo fortemente atipico, se non addirittura perfetto, visto che non è mai lui ad essere oggetto di critica, ma sempre e solo tutti gli altri ebrei.
5) Anche se non si dice esplicitamente, è sempre al maschile. Questo non esclude che possa anche essere una donna, tuttavia nessuno parla mai dell'amica ebrea o delle amiche ebree, ma sempre dell'amico ebreo o degli amici ebrei. Insomma, è statisticamente maschio.
6) Sono persone coltissime. Quando ci si riferisce all'amico ebreo, quasi sempre si fa riferimento ad una sua grande cultura.
7) Non si fidanzano mai. Tutti hanno un amico ebreo, o più amici ebrei, ma stranamente nessuno dice mai "ho avuto/ho un fidanzato/a ebrea". Probabilmente si tratta di una corrente ebraica molto casta.
8) L'amico ebreo passa la giornata a leggere la posta. Nella media, circa 600 metri cubi di carta stampata al giorno in tutto il mondo sono "lettere ad un amico ebreo". Probabilmente per leggere tale immane mole di scritti usa un metodo simile a quello di Babbo natale, con il quale peraltro condivide la caratteristica 9.
9) L'amico ebreo fa regali. Il 60% di coloro che dicono di avere un amico ebreo sostengono di aver ricevuto almeno un dono, generalmente un libro, da lui. Considerando il fatto che legge lo stesso volume di lettere di Santa Claus, si potrebbe sospettare un qualche legame, tuttavia non ci sono fonti riguardanti amici ebrei di eschimesi come si ci potrebbe aspettare se babbo natale fosse ebreo.
Ora, i casi sono due:
A) Esiste un'organizzazione di persone colte, caste, stimate, critiche, amichevoli, e anonime il cui lavoro consiste nell'essere gli anonimi, casti, stimati, critici ed amichevoli amici ebrei di ogni persona che critica Israele: come tu critichi Israele questa organizzazione ti assegna un "amico ebreo" d'ufficio, a meno che tu non ne abbia uno di fiducia purché iscritto all'ordine.
B) Il cosiddetto amico ebreo a volte si sveglia dicendo "fiat lux" e altre volte crea il mondo in 6 giorni e si riposa il settimo. Questo spiegherebbe come mai sia anonimo, come mai sia così stimato, casto, e specialmente come mai sia così critico verso gli ebrei.
Poiché la seconda ipotesi è troppo metafisica, devo pensare che la risposta giusta sia la "A", e allora mi chiedo quanto guadagnino questi per fare questo lavoro.
Non poco, spero....
Lev

È un po’ vecchiotta, ma sempre godibile. E soprattutto estremamente realistica.


barbara




permalink | inviato da il 28/11/2006 alle 17:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA