.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


27 novembre 2006

IL LIBRO NERO

Se non siete dotati di una robusta dose di pelo sullo stomaco, non leggetelo. Il libro - 860 densissime pagine - documenta, attraverso varie testimonianze, lo sterminio degli ebrei nei territori sovietici occupati dai tedeschi. Chi abbia letto le numerose testimonianze di sopravvissuti che l'editoria ci offre potrebbe pensare di essere preparato al panorama che ci si apre davanti in queste pagine, ma si sbaglierebbe. Dalle testimonianze lette finora abbiamo imparato a conoscere le cose "grandi" dei ghetti e dei campi: la miseria, la fame, il freddo, le malattie, le percosse, il terrore, la morte. Non conosciamo invece le cose "piccole": le infinite vessazioni che ogni giorno, con inesauribile fantasia, i tedeschi inventavano per fare impazzire quella gente, le disposizioni delle quali ogni giorno veniva modificato un dettaglio, le strade vietate che cambiavano ogni giorno in modo che gli ebrei si trovassero ad essere costantemente "fuorilegge". E non conosciamo l'indicibile orrore perpetrato nei campi della Russia, dell'Ucraina, della Lituania. Non lo conosciamo per un motivo molto semplice: di quell'inferno non ci sono sopravvissuti. Quelli che ne sono usciti vivi si contano sulle dita, e a chiudere loro la bocca per sempre ha provveduto il compagno Stalin. Al libro stesso è stato impedito di vedere la luce: per mezzo secolo è rimasto nascosto, e coloro che vi avevano collaborato sono stati condannati a morte.
Se ritenete di avere sufficiente pelo sullo stomaco leggetelo: quei milioni di cadaveri straziati lo reclamano. E lo meritano.

Il libro non è recente, e questa recensione l’ho scritta quattro anni e mezzo fa per Ebraismo e dintorni. Quanto scritto, però, rimane valido, così come rimane valido l’imperativo di leggerlo.
Poi uno si ritrova a pensare: chissà, se la nonna russa non fosse scappata dai pogrom, chissà se tu saresti riuscito a venire al mondo.

Il libro nero, Vasilij Grossman - Il'ja Erenburg, Mondadori



barbara




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 17:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA